Homo Sum. Libero pensiero e Tolleranza interreligiosa

print

A cura di Gioventù Esperantista Italiana | Itala Esperantista Junularo e Centro Esperanto di Torino “Giorgio Canuto”.
Con l’intervento di Rotary Club Torino San Carlo, Associazione nazionale del libero pensiero “Giordano Bruno”JuvenaliaUAAR TorinoMovimento Nonviolento, dall’Homaranismo ai Diritti civili, dalle religioni all’educazione al libero pensiero, dalla nonviolenza al laicismo, una riflessione comune sulla tematica del rispetto e della convivenza.

Programma
10:30 – Apertura lavori con introduzione del prof. F. A. Pennacchietti
10:45 – P. Candelari – Nonviolenza tra laicità e religiosità
11:15 – C. Troisi – Etica e laicità, una visione aconfessionale
11:45 – prof. R. Tresoldi – I manifesti dei Rosacroce. Ultimo tentativo di piattaforma culturale interconfessionale prima della Guerra dei Trent’anni
12:15 – avv. B. Segre – Laicismo strumento di emancipazione
12:45 – interruzione per pausa pranzo
N.B.: durante la pausa ci sarà la possibilità di pranzare con noi presso un’osteria piemontese buona e accogliente, a poca distanza dal luogo del convegno, dove saranno presenti menu vari anche adattabili a eventuali esigenze alimentari. Chi volesse unirsi è pregato di contattarci entro domenica 5 febbraio, perché ci sia possibile prenotare.

14:30 – prof. F. Gobbo – Zamenhof tra religione e filosofia: lezioni per il XXI secolo
15:00 – dott. F. Meliga – Rotary International: un esempio laico di solidarietà
15:30 – F. Rizzi – Educare al libero pensare – L’importanza del pensiero laico nei più giovani
16:00 – prof. D. Astori – Il dialogo interculturale da Noé a L. L. Zamenhof
16:30 – Interventi dal pubblico
17:00 – Chiusura lavori

Contatti:
[email protected]
+39 3662280160