Caricamento Eventi

« Tutti Eventi

  • Questo event è passato.

Due come noi. L’immagine di sé e l’immagine dell’altro a confronto

domenica 6 marzo | ore 18.00

/nas/content/live/cssr/wp content/uploads/2016/01/due come noi

domenica 6 marzo | ore 10:00 – 18:00

sala Poli

con Stefania Soi e Marco Scarnera

Alla luce del pensiero contemporaneo indagheremo il rapporto identità/alterità nei racconti che descrivono la lotta per il potere come scontro tra fratelli. Quindi, applicando tecniche teatrali e di educazione alla pace, con l’aiuto di strumenti scenici (ad esempio le maschere) e di documenti letterari, teatrali e cinematografici rintracceremo lo schema del doppio nei nostri conflitti personali e sociali per ricercare una conoscenza reciproca che non neghi il diverso o l’estraneo.

Attraverso esercitazioni, divertimento e approfondimenti ci accosteremo all’inconsueto e all’ignoto
e metteremo in discussione le paure che ci separano gli uni dagli altri, generando la violenza ideologica
(sessismo, razzismo, nazionalismo, autoritarismo, fondamentalismo…).

Il laboratorio si rivolge a tutti e non richiede studi umanistici o competenze teatrali pregresse.
Riportiamo alcuni testi da cui il laboratorio ha preso ispirazione e che potranno essere richiamati durante le attività. La loro lettura non è indispensabile per frequentare il laboratorio.

GENESI 4, 1- 16, VI-V sec. a. C. (Abele e Caino)
ESCHILO, I sette contro Tebe, 467 a. C. (Eteocle e Polinice)
SOFOCLE, Antigone, 442 a. C.
TITO LIVIO, Ab urbe condita libri, I, 6-7, I sec. d. C. (Remo e Romolo)
EDGAR ALLAN POE, William Wilson, 1839
ROBERT LOUIS STEVENSON, Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde, 1886
JOSEPH CONRAD, Il duello, 1908
LUIGI PIRANDELLO, Enrico IV, 1921 e Uno, nessuno e centomila, 1926
RENÉ GIRARD, La violenza e il sacro, 1972 e Delle cose nascoste sin dalla fondazione del mondo, 1978
GEORGE. L. MOSSE, La nazionalizzazione delle masse. Simbolismo politico e movimenti di massa in Germania, 1975
UMBERTO GALIMBERTI, La terra senza il male. Jung dall’inconscio al simbolo, 1984
ARMIN GREDER, L’isola, 2002
GIULIANO PONTARA, L’antibarbarie. La concezione etico-politica di Gandhi e il XXI secolo, 2006
ZYGMUNT BAUMAN, Paura liquida, 2006.
TZVETAN TODOROV, La paura dei barbari. Oltre lo scontro delle civiltà, 2008
LUIGI ZOJA, La morte del prossimo, 2009
UMBERTO CURI, Endiadi. Figure della duplicità, 2015 (1995 1a)

Tornerà utile portare vestiti comodi. Per chi lo desidera, condivideremo il pranzo domenicale.
Verranno forniti maggiori chiarimenti al momento dell’adesione.

Le iscrizioni vanno comunicate entro le ore 13:00 di giovedì 3 marzo a [email protected] oppure Stefania 388 180 79 86

Segnalate con schiettezza a Stefania e a Marco  eventuali difficoltà economiche che non devono impedire a nessuno di partecipare al laboratorio.

per informazioni: [email protected][email protected] – Stefania 388 180 79 86

Questa iniziativa rientra nel ciclo laboratori teatrali per costruire un’idea di scambio, accoglienza e comunità
organizzato dal gruppo Teatro Musica Danza del progetto Irenea: cinema e arte per la pace del CSSR.

Se ci spogliassimo completamente, nessuno riuscirebbe a distinguere il principe dal mendicante (Mark Twain, Il principe e il povero, 1881)

Dettagli

Data:
domenica 6 marzo
Ora:
18.00
Evento Category:
Evento Tag:
,

Organizzatore

Centro Studi Sereno Regis
Telefono:
+39011532824
Email:
[email protected]
Sito web:
serenoregis.org

Luogo

sala Poli
via Garibaldi, 13
Torino, 10122
+ Google Map:
Telefono:
+39011532824