Caricamento Eventi

« Tutti Eventi

  • Questo event è passato.

Documentario | Voyage en Barbarie | CinEtica-Mondovisioni

venerdì 11 marzo | ore 21.00

| €3.50
VOYAGE EN BARBARIE di Cécile Allegra e Delphine Deloget

Dopo i due appuntamenti speciali con Contromano, CINETICA – la rete delle sale indipendenti della città riprende il ciclo di Mondovisioni, i documentari proposti dalla rivista «Internazionale», con la proiezione in anteprima regionale di Voyage en Barbarie diretto da Cécile Allegra e Delphine Deloget (Francia, 2014, 72′), documentario che affronta il tema più attuale di questo contesto storico, ovvero il dramma dell’immigrazione dall’Nord Africa all’Europa. La prima proiezione è in programma, lunedì 7 Marzo alle ore 21,00 presso la sala del CineTeatro Baretti con l’intervento di Gianfranco Crua di SUR – Società Umane Resistenti che introdurrà la seconda edizione del progetto CarovaneMigranti. Il film verrà replicato, sempre alle ore 21,00, mercoledì 9 Marzo al Cecchi Point – Hub Multiculturale con l’introduzione di Ester Salis, ricercatrice presso FIERI – Forum Internazionale ed Europeo di Ricerche sull’Immigrazione, e venerdì 11 Marzo al Centro Studi Sereno Regis con il collegamento skype da Lampedusa con la scrittrice e mediatrice culturale Ribka Sibhatu, nata nel 1962 ad Asmara (Eritrea), nel ’78 ha scontato un anno di carcere sotto il regime di Menghista Salemariam; costretta all’esilio è stata nuovamente imprigionata dagli ex-guerriglieri. Nell’1981 ha raggiunto l’Etiopia e nel 1985 ha conseguito il diploma di geometra. nel 1986 si è sposata e si è trasferita in Francia, poi in Italia a Roma; si è laureata in Lingue e Letteratura all’Università La Sapienza di Roma dov’è attualmente ricercatrice e studiosa di poetica orale dell’Eritrea. Animatrice di laboratori e relatrice. Con Simone Brioni è autrice del documentario AulòL’ingresso intero è di 3,50 Euro, ridotto 2,50 Euro (under 25, over 65, Aiace e soci Alliance française).

cop_Voyage_Barbarie_posterVOYAGE EN BARBARIE di Cécile Allegra e Delphine Deloget (Francia, 2014, 72′), anteprima piemontese.

Il Sinai è diventato teatro di una vera tratta degli schiavi: a partire dal 2009 50.000 eritrei sono passati da qui, e 10.000 non ne sono mai tornati. Giovani, di buona famiglia, cristiani, in fuga da una dittatura, vengono rapiti durante la marcia verso il Sudan e torturati da beduini che non hanno che un obiettivo: ottenere un riscatto dalle famiglie, come conferma l’intervista senza precedenti a uno di loro. Tre sopravvissuti ci consegnano la loro testimonianza: Germay, rifugiato al Cairo, e Robel e Haleform, che hanno ottenuto asilo in Svezia. Le loro voci sono le prime a svelare una vicenda avvolta dal silenzio, l’ennesimo dramma sulle rotte della migrazione. Il film ha partecipato al Prix Albert Londres e al New York City International Film Festival

All’origine di questo progetto, vi è un primo film, No London Today, la testimonianza audiovisiva di un anno trascorso da Delphine Deloget in contatto con i clandestini che, giorno dopo giorno, cercando di attraversare la Manica per raggiungere l’Inghilterra. Delphine Deloget è stata segnata definitivamente dal suo incontro con la comunità eritrea. Di origine italiana Cécile Allegra ha viaggiato, soprattutto a Napoli e Roma, la terra di nessuno dove si trovano i migranti che riescono ad attraversare il Mediterraneo. Noi crediamo, – dichiarano le autrici – senza alcuna pretesa, che ci siano film necessari e vitali. Quando un soggetto è tabù, quando un’intera comunità è in pericolo, quando tale barbarie si esprime e l’impunità continua, quando l’Europa – continente che finisce per raccogliere questi sopravvissuti o piangere i loro corpi – ignora tutto o quasi l’inferno che hanno appena lasciato, noi riteniamo che bisogna impegnarsi a svelare ciò che è. Il massacro degli eritrei nel deserto del Sinai è a nostro avviso è una delle più grandi tragedie umanitaria attualmente in corso nel Mediterraneo. Abbiamo lavorato per mesi per essere in grado di filmare in modo semplice e testimoniare.


 

Ad Aprile il nostro sguardo raggiungerà il confine tra il Messico e gli Stati Uniti, uno dei territori più simbolici del nostro presente, con il documentario Cartel Land di Matthew Heineman, e la Tunisia con l’anteprima torinese di Nemico dell’Islam? Un incontro con Nouri Bouzid di Stefano Grossi. Il ciclo di Mondovisioni si concluderà a Maggio con (T)error di Lyric R. Cabral e David Felix Sutcliffe il primo documentario a seguire dall’interno una operazione anti-terrorismo dell’FBI negli Stati Uniti. CINETICA terminerà la sua seconda stagione con l’anteprima regionale di Sponde. Nel Sicuro Sole del Nord di Irene Dionisio lunedì 9 Maggio al Centro Studi Sereno Regis e il 10 Maggio al Cecchi Point, alla presenza della regista in sala.

Per maggiori info: www.cineteatrobaretti.it/cinetica/ – [email protected] – 347 56 46 645

***

CINETICA è un progetto nato con lo scopo di diffondere il cinema documentario di qualità, rendendolo sempre più vicino e a disposizione del pubblico cinematografico e della cittadinanza. Il CineTeatro Baretti, il Cecchi Point – Hub Multiculturale e il Centro Studi Sereno Regis, contesti culturali da tempo dedicati alla promozione del cinema indipendente, dall’anno scorso hanno unito le loro idee e forze per raggiungere le sinergie derivanti da una collaborazione sostenibile per una distribuzione diffusa del cinema del reale a Torino. CINETICA è un progetto curato e condiviso da: Associazione Baretti, Associazione Museo Nazionale del Cinema, Associazione Videocommunity, Centro Studi Sereno Regis con la collaborazione di CineAgenzia e Aiace Torino. Tutte le novità e gli aggiornamenti sulle attività di CINETICA si potranno leggere sull’Agenda del Cinema a Torino (www.agendacinematorino.it/), media partner del progetto insieme a CinemaItaliano.info (http://cinemaitaliano.info/). Nel corso della stagione verranno organizzate proiezioni speciali, mentre i film in programma sono a disposizione per proiezioni mattutine e pomeridiane per le scuole del territorio nelle sale di CINETICA, per prenotarsi scrivere [email protected] .

Luoghi e contatti:
CineTeatro Baretti, Via Baretti 4, Torino – www.cineteatrobaretti.it
Cecchi Point – Hub Multiculturale, Via Cecchi 17/21, Torino – www.cecchipoint.it
Centro Studi Sereno Regis – Sala Gabriella Poli, Via Garibaldi 13, Torino – serenoregis.org
Tariffe:
Intero 3,50€ – Ridotto 2,50€ (under 25, over 65 e Aiace)

Per maggiori informazioni:[email protected] – 347 56 46 645


I prossimi film in programma:

Lunedì 11 Aprile ore 21,00 al CineTeatro Baretti
Mercoledì 13 Aprile ore 21,00 al Cecchi Point – Hub Multiculturale
Venerdì 15 Aprile ore 21,00 al Centro Studi Sereno Regis
CARTEL LAND di Matthew Heineman (Messico/Stati Uniti, 2015, 98?), anteprima piemontese.
Un’immersione nella violenza del narcotraffico in Messico attraverso le vicende di due moderni gruppi di vigilantes alle prese con un nemico comune: i sanguinari cartelli della droga. Nello stato di Michoacán il dottor Jose Mireles guida gli Autodefensas, una milizia di cittadini che si sono ribellati ai Cavalieri Templari, il cartello di trafficanti che da anni semina il terrore nella regione. Nel frattempo in Arizona, in un lungo e stretto tratto di deserto noto come “Cocaine Alley”, il veterano Tim “Nailer” Foley guida il gruppo paramilitare Arizona Border Recon, il cui obiettivo è impedire al conflitto di espandersi oltre confine. Festival internazionali: Sundance, Tribeca, Sheffield, Human Rights Watch, AFI.

Venerdì 22 Aprile ore 21,00 al Centro Studi Sereno Regis
NEMICO DELL’ISLAM? Un incontro con Nouri Bouzid di Stefano Grossi (Italia 2015, 72?), anteprima piemontese con l’intervento del regista.
Perché la Tunisia, il paese dei datteri, dei villaggi vacanze e del turismo di massa, si è trasformata da un giorno all’altro in una polveriera, ha prodotto la prima delle cosiddette “Primavere arabe” e oggi, superata la Rivoluzione del 2010-2011, è diventata il paese che fornisce più volontari alle milizie dell’Isis? Ed ecco allora, l’idea del mio film: un viaggio, anzi un road movie tra le immagini prodotte da una cultura e dentro quella cultura, per capire le radici di una crisi che il cinema di Nouri Bouzid racconta da vent’anni.

Lunedì 2 Maggio ore 21,00 al CineTeatro Baretti
Mercoledì 4 Maggio ore 21,00 al Cecchi Point – Hub Multiculturale
Venerdì 6 Maggio ore 21,00 al Centro Studi Sereno Regis
(T)ERROR di Lyric R. Cabral e David Felix Sutcliffe (Stati Uniti, 2015, 93?), anteprima piemontese.
Il primo documentario a seguire dall’interno una operazione anti-terrorismo dell’FBI, per rendere conto dello stato attuale della War on Terror contro l’islamismo radicale, attraverso una vicenda paradossale che sembra più partorita dalla mente di uno sceneggiatore che pianificata dal Pentagono. Dal punto di vista di “Shariff”, 63enne afroamericano, ex-attivista diventato informatore, scopriamo le tattiche di indagine adottate dall’intelligence statunitense, e le torbide giustificazioni che le sostengono. Teso come un thriller, crudo e controverso, (T)error illumina la fragile relazione tra libertà individuali e sorveglianza totale nell’America d’oggi. Festival internazionali: Sundance, True/False, Tribeca, Hot Docs, Full Frame.

Lunedì 9 Maggio ore 21,00 al Centro Studi Sereno Regis
Martedì 10 Maggio ore 21,00 al Cecchi Point – Hub Multiculturale
SPONDE. NEL SICURO SOLE DEL NORD di Irene Dionisio (Italia, 2015, 60?), anteprima piemontese con l’intervento della regista.
Sponde è la storia dell’amicizia e della profonda relazione che nasce tra lo scultore e postino tunisino Mohsen e il becchino in pensione Vincenzo. Un giorno Mohsen Lidhabi, a Zarzis – Tunisia, cercando sulla spiaggia materiali per le proprie sculture, trova un corpo. Senza troppe domande decide di dare allo sconosciuto degna sepoltura, scatenando infinite polemiche nella propria comunità di origine e tra i sostenitori di Ben Alì. Su un’altra sponda del Mediterraneo, a Lampedusa, Vincenzo, assiste alla stessa epifania e prende la medesima decisione, sollevando le critiche della comunità religiosa che contesta l’uso delle croci per il seppellimento di uomini non cattolici. Poco dopo Vincenzo riceverà una lettera scritta in francese da un mittente sconosciuto che come lui ha scelto di dare sepoltura ai corpi senza nome arrivati dal mare in seguito alla Primavera Araba. I due uomini, Mohsen e Vincenzo, e il loro timido contatto ci parlano di un’umanità profonda che si confronta con l’osceno della storia attuale; le reazioni delle comunità di appartenenza raccontano, invece, della perenne lotta dell’uomo per la dignità, anche a costo dell’emarginazione.

Dettagli

Data:
venerdì 11 marzo
Ora:
21.00
Prezzo:
€3.50
Evento Category:
Evento Tag:
, , ,

Organizzatore

CinEtica
Telefono:
+39 3475646645
Email:
[email protected]

Luogo

sala Poli
via Garibaldi, 13
Torino, 10122
+ Google Map:
Telefono:
+39011532824