Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Documentario | “Blue Heart” diretto da Britton Caillouette

mercoledì 13 febbraio | ore 20.30

Euro 2.00

Il documentario rappresenta un punto focale della campagna Save the Blue Heart of Europe il cui obiettivo è proteggere la regione dei Balcani da 3.000 potenziali progetti idroelettrici.

L’ultimo film documentario di Patagonia, Blue Heart, descrive la lotta per proteggere gli ultimi fiumi incontaminati d’Europa e concentra l’attenzione internazionale su un potenziale disastro ambientale che potrebbe colpire l’Europa. La penisola balcanica tra Slovenia e Albania ospita gli ultimi fiumi incontaminati d’Europa dove oltre 3.000 potenziali progetti idroelettrici minacciano di distruggere la cultura e l’ambiente di questa regione dimenticata. Se la feroce opposizione locale dovesse fallire, 20.000 chilometri di corsi d’acqua incontaminati del continente verrebbero danneggiati per sempre da migliaia di dighe e derivazioni, in un momento in cui la costruzione di dighe è stata interrotta nella maggior parte dei Paesi sviluppati.

Gli attivisti locali che vivono lungo le rive di questi fiumi e le ONG europee tra cui RiverWatch ed EuroNatur stanno combattendo contro la corruzione del governo e gli investimenti esteri. Blue Heart documenta la lotta per difendere il fiume Vjosa, in Albania, il più grande fiume incontaminato d’Europa, gli sforzi profusi per salvare la lince dei Balcani in via di estinzione in Macedonia e la lunga protesta delle donne di Kruš?ica, in Bosnia ed Erzegovina, che mira a salvaguardare l’unica fonte di acqua dolce della loro comunità.

“Con questo incredibile numero di dighe e derivazioni idroelettriche proposte nella penisola balcanica stiamo assistendo a quella che potrebbe essere una distruzione ambientale irreversibile, ma c’è pochissima consapevolezza di questo problema in Europa e nel mondo”, afferma Ryan Gellert, direttore generale, EMEA, Patagonia. “La nostra speranza è che questo film attiri l’attenzione internazionale sulle comunità locali che combattono per proteggere i fiumi che scorrono liberamente e che offrono loro sostentamento, e che educhi le persone sul perché le dighe idroelettriche siano una tecnologia obsoleta e non pulita.”

“Credo che questo luogo incontaminato richieda e meriti protezione. Per venire distrutto, da questa tecnologia obsoleta e sfruttatrice, non è altro che uno spreco di denaro e una farsa morale,” ha dichiarato Yvon Chouinard, fondatore di Patagonia.

Prodotto da Patagonia, in collaborazione con le ONG della regione balcanica e di tutta Europa, diretto da Britton Caillouette (Farm League) e con musiche di Andrew Bird, il film è uno strumento cruciale della lotta volta ad aumentare la consapevolezza globale della campagna Save the Blue Heart of Europe. Nel film e in tutta la campagna, Patagonia chiede alle persone di scendere in campo e firmare una petizione online per fare pressione sugli sviluppatori e sulle banche estere che stanno finanziando progetti di costruzione di dighe, anche all’interno di aree protette.

Blue Heart è stato lanciato in tutto il mondo il 28 aprile 2018. La prima mondiale del film si è tenuta a Idbar Dam in Bosnia-Erzegovina, seguita da proiezioni nella penisola balcanica e nelle principali città del mondo.

Alcune notizie su Patagonia

Fondata da Yvon Chouinard nel 1973, Patagonia è un’azienda di abbigliamento outdoor con sede a Ventura, California. Certificata come B-Corporation, Patagonia persegue la mission aziendale: “realizzare il prodotto migliore, non provocare danni inutili, utilizzare il business per ispirare e implementare soluzioni per la crisi ambientale”. L’azienda è riconosciuta a livello internazionale per l’impegno sempre dimostrato verso la realizzazione di prodotti di altissima qualità e per l’attivismo ambientalista; ad oggi ha devoluto 90 milioni di dollari in contanti e in donazioni di vario genere a gruppi che si battono per la tutela dell’ambiente.

Informazioni sul regista

Britton Caillouette gira film all’aperto da più di dieci anni. Studente di storia con un occhio attento per la fotografia e un amore per le produzioni più difficili, si contraddistingue per uno stile unico di narrazione visiva e per l’umanità di cui sono intrise le sue storie. Britton ha diretto il suo primo documentario nell’Africa occidentale dilaniata dalla guerra mentre era studente presso la Stanford University e ha vinto premi per il suo lavoro sia nella categoria cinema che pubblicità, tra cui un Leone di Cannes.


Tutte le proiezioni si terranno nella sala Poli del Centro Studi Sereno Regis.

Ingresso unico a 2 euro.

Per studenti, docenti, educatori e personale del Convitto Nazionale Umberto I è
possibile acquistare l’abbonamento alle sette proiezioni al prezzo speciale di 10 euro.


Prossimi titoli in programma

Mercoledi 6 marzo, ore 20:30

Sandgrains

di Jordie Montevecchi e Gabriel Manrique, Italia, 2013, 58’

Sandgrains è un documentario sugli effetti della pesca industriale. I grandi pescherecci internazionali depredano i mari incuranti spesso dei limiti delle acque internazionali. Inseguono il pesce con radar e sonar, usano reti chilometriche. I popoli delle coste dell’Africa si vedono espropriati della unica risorsa per sopravvivere…


Mercoledi 13 marzo, ore 20:30

Cultures of Resistance

di Iara Lee, Brasile, 2010, 90’

Prima Visione Italiana

La attivista e videomaker Iara Lee, con una ricerca durata anni, documenta decine di azioni di resistenza nel mondo: spesso è una resistenza nonviolenta, a volte, quando le condizioni culturali e sociali non lo permettono, diventa ribellione violenta. Alle ingiustizie, ai soprusi, al costante tentativo di appropriarsi della terra e delle risorse altrui.


Mercoledi 27 marzo, ore 20:30

Victor Jara, el derecho de vivir en paz

di Carmen Luz Parot, Cile, 1999, 100’

Prima Visione Italiana

Un tributo commosso e documentato sulla vita del grande drammaturgo, scrittore e cantante cileno. Dalle parole degli amici a quelle della moglie ritroviamo l’opera e la passione dell’impegno civile e politico di un cantautore che ha ispirato le generazioni.


Mercoledi 3 aprile, ore 20:30

La lunga strada gialla

di Christian Carmosino e Antonio Oliviero, Italia, 2016, 80’

Due ragazzi siciliani lanciano un messaggio ecologico e di giustizia sociale. Da Palermo a Roma a dorso di mulo, attraversando le campagne del sud, incontrando gente e luoghi che rischiano di perdersi. Per arrivare a Roma, a dire che la agricoltura va ripensata, il rapporto dell’uomo con il viaggio, il tempo, lo sfruttamento dell’ambiente, va ripensato.

 


Mercoledì 10 aprile, ore 20.30

Tutti pazzi per Paolo

di Donato Canosa, Italia, 2018, 50’

Paolo ha 12 anni, Donato è il suo insegnante di sostegno. Si conoscono al secondo anno di scuola media. Mettendo in scena il ritorno di Ulisse ad Itaca narrato nell’Odissea, vivono un percorso pedagogico dove realtà e finzione si intrecciano continuamente e diventano gli strumenti educativi per conoscere sé stessi e il mondo.

Dettagli

Data:
mercoledì 13 febbraio
Ora:
20.30
Prezzo:
Euro 2.00
Categoria Evento:
Tag Evento:
, , , ,

Organizzatore

Centro Studi Sereno Regis
Telefono:
+39011532824
Email:
info@serenoregis.org
Sito web:
serenoregis.org

Luogo

sala Poli
via Garibaldi, 13
Torino, 10122
+ Google Maps
Telefono:
+39011532824