/nas/content/live/cssr/wp content/uploads/2016/06/Mariam Elba

Incontro con il nuovo volto del crescente movimento israeliano per l’obiezione di coscienza | Mariam Elba

Gli obiettori di coscienza al servizio militare in Israele sono un gruppo piccolo, ma in crescita, all’interno di una società sempre più di destra e militarizzata. Lo scorso aprile, alcuni giovani obiettori hanno visitato 12 città negli USA per un ciclo di conferenze sponsorizzate da American Friends Service Committee (AFSC) e da Refuser Solidarity Network. … Continua

marco_pannella-1_1772397

Quel digiuno che riconobbe l’obiezione di coscienza | Marco Pannella

Il diario qui riproposto è un documento autografo di Marco Pannella. Egli racconta il digiuno condotto per trentanove giorni, insieme ad Alberto Gardin, per costringere il Parlamento a varare una legge per il riconoscimento della legge sull’obiezione di coscienza e un dispositivo per la scarcerazione di Pietro Valpreda e degli altri anarchici, ancora detenuti per … Continua

marco labbate

Ricordando Pietro Pinna. Le lettere a Capitini (seconda parte) | a cura di Marco Labbate

Continua la pubblicazione delle lettere di Pietro Pinna conservate all’Archivio di Stato di Perugia. In seguito alla sua obiezione di coscienza, espressa nel febbraio del 1949, Pinna venne trattenuto nella cella di punizione fino a marzo, poi trasferito al carcere militare di Torino. Si rimandò il processo fino ad agosto, nella speranza che il tempo … Continua

marco labbate

Ricordando Pietro Pinna. Le lettere a Capitini (prima parte) | a cura di Marco Labbate

La coscienza nell’obiezione Ricordare Pietro Pinna, scomparso lo scorso 13 aprile, significa attraversare i momenti più significativi della storia della nonviolenza italiana: pur non essendo il primo obiettore di coscienza, fu il suo rifiuto del servizio militare nel 1949 a dare all’obiezione di coscienza, per la prima volta, una dimensione pubblica. In seguito, negli anni … Continua

marco labbate

Cinquant’anni fa: processo a un obiettore cattolico | Marco Labbate

22 febbraio 1966. L’aula magna del tribunale militare di Roma è gremita. Il fatto è insolito: i processi militari attirano raramente una tale affluenza di pubblico da necessitarne l’apertura. In quell’aula, ventotto anni prima, era stato condannato a diciannove anni di reclusione il generale Rodolfo Graziani per «collaborazionismo con l’alleato tedesco», non per le stragi compiute in … Continua

dichiarazione_odc_MO

Dichiarazione di gruppi e singoli obiettori di coscienza della regione orientale del Mediterraneo

Riproduciamo qui una dichiarazione, firmata da un gruppo di obiettori di coscienza di quattro paesi (Egitto, Israele, Grecia e Turchia) del Mediterraneo orientale – una regione nella quale la guerra e la militarizzazione della società stanno seminando morte e distruzioni. Il documento lancia un appello per la pace e la giustizia internazionale, per porre fine alla … Continua