La lotta per proteggere il luogo sacro dove inizia la vita – I gruppi indigeni guidano la lotta contro la trivellazione petrolifera artica | Nick Engelfried

Un movimento di base a livello nazionale guidato dal popolo Gwich’in potrebbe presto raggiungere il suo obiettivo a lungo cercato: la protezione permanente dell’Arctic National Wildlife Refuge.

Branco di istrici caribù (Wikimedia /US Fish and Wildlife Service)

Mentre l’amministrazione Trump si avvicinava alla fine del suo primo anno in carica nel 2017, sembrava che gli attivisti ambientalisti avessero perso una delle battaglie più combattute nella storia del movimento. Grazie a una manovra dell’ultimo minuto da parte della senatrice dell’Alaska Lisa Murkowski, i repubblicani del Congresso riuscirono ad approvare la legislazione che consente la trivellazione petrolifera nell’Arctic National Wildlife Refuge (o ANWR). Alcune delle peggiori paure dei gruppi ambientalisti e dei diritti indigeni per ciò che potrebbe accadere con quell’amministrazione sembravano avverarsi.

Tuttavia, due anni e mezzo dopo, nel Rifugio non sono state effettuate perforazioni o prove sismiche – e vi è una reale possibilità che ciò non accada mai.

Un movimento di base a livello nazionale guidato dagli indigeni Gwich’in ha ripetutamente ritardato il processo di leasing petrolifero e ha reso la prospettiva di perforazione meno attraente per le grandi aziende. Nel processo, il movimento ha dato slancio all’obiettivo finale di proteggere permanentemente il Rifugio.

Proteggere il luogo sacro dove inizia la vita

In molti modi, il movimento moderno per proteggere l’ANWR è iniziato nel 1988 in occasione di un evento senza precedenti nella storia recente. Per la prima volta in più di cento anni, i leaders di tutta la nazione Gwich’in si sono riuniti in un unico posto – Arctic Village, Alaska – per discutere di una minaccia esistenziale al loro stile di vita. L’amministrazione Reagan aveva raccomandato l’apertura della pianura costiera dell’ANWR alla trivellazione petrolifera, una mossa che doveva essere approvata dal Congresso secondo i termini dell’Alaska National Interest Lands Conservation Act del 1980. La perforazione avrebbe minacciato il branco di caribù istrice, una fonte essenziale di cibo e sostegno culturale per il popolo Gwich’in.

«Per noi Gwich’in era indispensabile proteggere il caribù e il nostro modo di vivere».

Per innumerevoli millenni, i Gwich’in hanno fatto affidamento sul gran numero di caribù che migrano ogni anno tra i loro terreni di nascita sulla pianura costiera dell’Arctic National Wildlife Refuge e le foreste e la tundra a sud dove la mandria trascorre l’inverno. Il rapporto tra i Gwich’in e il branco di caribù istrice è stato spesso paragonato a quello esistente tra il bisonte e le varie nazioni indigene della regione delle Grandi Pianure.

«Negli Stati Uniti continentali, le grandi mandrie di bufali che fornivano i nativi furono decimate durante il genocidio di quelle comunità», ha detto Evon Peter, che ha contribuito a condurre la lotta contro la trivellazione petrolifera durante il suo periodo come capo del villaggio artico nei primi anni 2000. «Noi Gwich’in abbiamo la fortuna di avere ancora il caribù».

Il territorio tradizionale dei Gwich’in comprende gran parte dell’attuale Alaska nord-orientale, che si estende ad est fino alla valle del fiume Mackenzie nei Territori del Nord Ovest del Canada. La nazione Gwich’in comprende più di una dozzina di villaggi separati, ognuno con il proprio governo tribale. L’imposizione di un confine nazionale arbitrario da parte dei governi coloniali statunitensi e canadesi nel 19° secolo ha ridotto il loro territorio in due e ha reso più difficile per le bande viaggiare avanti e indietro come una volta. Tuttavia, le comunità Gwich’in continuarono a fare affidamento sull’allevamento di caribù istrice, i cui terreni di parto nella pianura costiera sono tradizionalmente indicati come il luogo sacro dove inizia la vita.

Al momento della riunione del 1988 Evon Peter era ancora un ragazzo, troppo giovane per far parte delle riunioni ufficiali, ma insieme al resto della comunità ha partecipato a pranzi di gruppo e balli tradizionali organizzati in concomitanza con l’evento. Nell’aria c’era la sensazione che stesse accadendo qualcosa di importante. «Per noi Gwich’in era un imperativo proteggere il caribù e il nostro stile di vita», ha detto Peter. «I semi di questa comprensione sono stati piantati molto presto in me, ma nel 1988 si è formulata meglio – non solo per me, ma per l’intera nazione Gwich’in».

Di giorno, all’interno della sala della comunità, i leaders tennero discussioni condotte interamente in lingua Gwich’in, e giunsero insieme a un consenso unanime: avrebbero presentato un fronte unito di opposizione contro ogni tentativo di perforare i terreni di allevamento del branco di caribù istrice.

Una lunga lotta al Congresso

La spinta di Big Oil a perforare nell’ANWR alla fine degli anni Ottanta ha deragliato su una combinazione di opposizione di base – guidata dai Gwich’in – nonché dall’incidente della Exxon Valdez, la fuoriuscita di petrolio che danneggiò la reputazione del settore e rese politicamente insostenibile la perforazione nella zona dell’ANWR.

Tuttavia, i tentativi di aprire il Rifugio all’esplorazione petrolifera sono riemersi periodicamente da allora. Nel 2005, molti progetti di legge pro-perforazione introdotti nel Congresso guidato dai repubblicani furono ostacolati in modo restrittivo dai democratici. Gruppi ambientalisti e leaders Gwich’in come Evon Peter hanno radunato l’opposizione pubblica necessaria per fermare la legislazione.

«Abbiamo tenuto aperte le porte con dei secchi cosicché potessero sentirci dall’interno della banca, e abbiamo chiamato fuori Chase per finanziare la crisi climatica».

Per diversi anni, il luogo sacro dove inizia la vita sembrava al sicuro da danni immediati. Nel gennaio del 2015, l’amministrazione Obama ha formalmente proposto protezioni permanenti per la pianura costiera. Tuttavia il Congresso non ha mai aderito alla Raccomandazione, e nel 2017 la controversia ANWR si è nuovamente accesa, anche se con molta meno attenzione pubblica. Mentre il Congresso combatteva contro la legge fiscale di Trump, il senatore Murkowski inserì inaspettatamente una disposizione che chiedeva la trivellazione petrolifera nell’ANWR. Mentre i media si sono concentrati sul più ampio dibattito sulle tasse, la misura nei confronti dell’ANWR fu approvata senza che la maggior parte dei residenti negli Stati Uniti si rendesse conto che era accaduto.

Improvvisamente, i terreni di nascita delle mandrie di caribù istrice erano più in pericolo che mai. Per difendere la pianura costiera, gli attivisti sapevano che avrebbero dovuto adeguare la loro strategia e portare la loro lotta oltre il Congresso nelle sale del potere corporativo.

Disinvestire, citare in giudizio e organizzare

Attivisti di Boise Extinction Rebellion Youth manifestano presso la banca Chase nel centro di Boise a gennaio (Instagram / XRBoise)

Il 31 gennaio di quest’anno, oltre 70 studenti delle scuole medie e superiori sono arrivati in una Chase Bank a Boise, nell’Idaho, con cartelli che invitano Chase a disinvestire dai combustibili fossili. Gli studenti, organizzati sotto lo striscione di Boise Extinction Rebellion Youth, si sono radunati all’esterno in numero abbastanza grande da creare un blocco di fronte alla banca. Sebbene i dipendenti abbiano impedito ai manifestanti di entrare, i giovani hanno trovato modi creativi per assicurarsi che il loro messaggio fosse ascoltato.

«Abbiamo tenuto aperte le porte con dei secchi cosicché potessero sentirci dall’interno della banca, e abbiamo chiamato fuori Chase per finanziare la crisi climatica», ha affermato Shiva Rajbhandari, uno degli organizzatori. La protesta nonviolenta alla fine ha fatto chiudere la banca per quella giornata.

Quella di Boise è stata un’azione che faceva parte di uno sforzo nazionale in corso per fare pressione su Chase affinché smettesse di finanziare i combustibili fossili – e si adattava perfettamente all’ultima fase della lotta per proteggere l’ANWR, il Rifugio faunistico nazionale artico. L’idea è quella di garantire che anche se si svolgeranno vendite di leasing di perforazione, nessuna azienda vorrà fare offerte per esse, né si sarà in grado di ottenere finanziamenti per iniziare la perforazione. Una parte importante della strategia è incentrata sulla pressione delle grandi banche.

Dal 2017, i membri del Gwich’in Steering Committee (comitato direttivo Gwich’in) – un’organizzazione fondata durante l’incontro del 1988 nell’Arctic Village – hanno incontrato la direzione di numerose banche e fatto pressioni per escludere il coinvolgimento nella perforazione dell’Artico. Finora oltre dodici banche di tutto il mondo hanno risposto con politiche che impediscono gli investimenti diretti in tali progetti. L’elenco include giganti finanziari come Wells Fargo, Goldman Sachs, Barclays – e, sorprendentemente, Chase, uno dei maggiori finanziatori dell’industria globale dei combustibili fossili. Alla fine di febbraio, la banca, colpita da proteste come quella di Boise, ha annunciato che avrebbe negato i finanziamenti alla trivellazione petrolifera artica e ad alcuni altri progetti con combustibili fossili.

La vittoria di Chase è arrivata dopo anni di lavoro da parte di attivisti climatici per ostacolare gli investimenti in combustibili fossili della banca. Mentre i gruppi climatici stanno ancora sollecitando Chase a porre fine ai suoi rimanenti investimenti in combustibili fossili, la mossa contro la perforazione dell’Artico è stata un segno che la pressione di base sta funzionando e rappresenta uno sviluppo gradito per i Gwich’in. Altre istituzioni finanziarie tuttavia, come Bank of America, devono ancora escludere la perforazione.

«Bank of America è una delle ultime grandi banche che non si è ancora impegnata a non finanziare le trivellazioni nel Rifugio Artico», ha affermato Christin Swearingen, volontaria dell’Alaska Sierra Club. «Quindi ora il nostro focus è su di loro». Alla riunione annuale degli azionisti di aprile, Bank of America ha rifiutato di rispondere direttamente alle domande sulla propria politica petrolifera artica.

Attivisti di Seattle organizzano «feste inesiderate» per la piattaforma petrolifera Shell sull’Artico

Gli annunci di alcune banche potrebbero essere in parte simbolici, poiché probabilmente non avrebbero comunque effettuato investimenti diretti nella perforazione dell’Artico. Tuttavia, aiutano a inviare al mondo aziendale il messaggio che l’esplorazione petrolifera nell’ANWR è socialmente inaccettabile.

La strategia che gli attivisti climatici stanno perseguendo ricorda la riuscita campagna per prevenire lo sviluppo petrolifero offshore dell’Alaska nel 2015, culminato con drammatiche proteste «kayaktivist» contro una piattaforma di perforazione Shell Oil e una nave rompighiaccio nei porti del Pacifico nord-occidentale. Shell in seguito abbandonò i piani per perforare l’Artico – apparentemente perché le prime esplorazioni produssero solo minime quantità di petrolio, ma era difficile sfuggire all’impressione che la pressione pubblica avesse avuto un ruolo decisivo.

Se gli attivisti climatici e i Gwich’in possono mostrare che esplorare il petrolio nell’ANWR è inaccettabile come perforare al largo della costa dell’Alaska, potrebbero essere in grado di fermare i progetti petroliferi nei loro percorsi. Nel frattempo, gruppi come il Sierra Club si stanno preparando per una dura battaglia legale, e la minaccia di azioni legali ha notevolmente ritardato i piani dell’amministrazione Trump. Poco dopo l’approvazione della legge fiscale, i funzionari del Dipartimento degli Interni si sono impegnati a tenere una vendita di leasing per trivellazioni petrolifere entro la fine del 2019, ma al momento non è stata effettuata alcuna vendita di questo tipo.

«L’amministrazione sta cercando di rafforzare la legalità dell’offerta di vendite in leasing in modo che possano difendere la mossa in tribunale», ha detto Swearingen. «Sanno che non appena si verifica una vendita, tutti i gruppi ambientalisti coinvolti faranno causa».

«Il modo migliore per avere un impatto su questo problema è allinearsi con i gruppi guidati dagli indigeni, perché conoscono le soluzioni».

Né ci sono stati test sismici per il petrolio – un processo che potrebbe informare le aziende sull’esistenza di riserve considerevoli nella pianura costiera. L’anno scorso una società che aveva pianificato di condurre tali test, SAExploration, ha rinviato il progetto a causa di ritardi nel processo di revisione ambientale del dipartimento interno. Il comitato direttivo Gwich’in ha consegnato a SAExploration una petizione, firmata da 100.000 persone, in opposizione ai test sismici.

A settembre, la Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti ha approvato un disegno di legge che inverte la disposizione di perforazione nella legge fiscale del 2017. Mentre la legislazione anti-perforazione non ha alcuna possibilità di essere approvata al Senato in questo momento, è ancora un altro segno della costruzione di un momento politico per proteggere permanentemente il Rifugio. In definitiva, garantire quelle protezioni richiederà una protesta pubblica di massa sulla scala di quelle che hanno già fermato le perforazioni nel Rifugio in precedenza.

Un movimento di massa per proteggere il rifugio

Donne Gwich’in insieme al Campidoglio degli Stati Uniti per proteggere le loro terre e i loro stili di vita. (Facebook / Gwich’in Steering Committee)

Nel 2019, un piccolo gruppo di giovani provenienti da comunità di tutto il Nord America si è unito ai leaders Gwich’in a Washington DC, per promuovere un’azione congressuale a protezione dell’ANWR. Negli incontri con i membri del Congresso e il loro staff, il gruppo ha condiviso le foto del rifugio scattate da Aundre Larrow, un fotografo professionista che aveva viaggiato nel Rifugio Artico quel giugno con altri quattro giovani adulti come parte di un viaggio sponsorizzato da North Face.

«È stata un’esperienza straordinaria», ha detto Larrow sentendo i leaders Gwich’in parlare del Rifugio mentre mostravano ai membri del Congresso le sue foto su un iPad. «Si trattava di usare le immagini per sostenere il messaggio dei leaders Gwich’in».

Lo scopo del viaggio sponsorizzato da North Face e organizzato dallo sciatore professionista e attivista ambientale Kit DesLauriers, era di portare la lotta Gwich’in per proteggere l’ANWR a un pubblico più vasto, arruolando giovani con esperienza nella narrazione. Oltre a Larrow, il gruppo comprendeva Julia Fisher-Salmon, membro del Gwich’in Steering Committee [comitato direttivo Gwich’in, NdT], l’artista visiva Mónica Hernández, la scrittrice di «Teen Vogue» Maia Wikler e il comico di YouTube Nathan Zed.

Poco prima di avventurarsi nell’ANWR, Wikler ha viaggiato da casa sua a Vancouver, nella British Columbia, in territorio Gwich’in, per partecipare e riferire a proposito del Summit sul clima indigeno artico, un evento unico nel suo genere incentrato sulle minacce della trivellazione petrolifera artica e del cambiamento climatico. «I leaders Gwich’in hanno sottolineato come la perforazione avrebbe un impatto sulla loro identità, sulla sicurezza alimentare e sui mezzi di sostentamento», ha scritto Wikler nel suo articolo in «Teen Vogue», «I cacciatori hanno condiviso le loro storie e le loro osservazioni dei cambiamenti nel comportamento degli animali (a causa dei cambiamenti climatici). Gli anziani hanno offerto preghiere e incoraggiato la guarigione nella comunità».

Leaders indigeni di tutto il Paese si sono riuniti all’Arctic Indigenous Climate Summital (Vertice sul clima indigeno artico), nel giugno 2019, per discutere del cambiamento climatico e dei suoi impatti. (Twitter/@ OurArcticRefuge)

Mentre i membri della Generazione Z [i nati nella seconda metà degli anni Novanta e fino alla fine dei 2000, NdT] sono, nel complesso, molto preoccupati per i cambiamenti climatici, un sondaggio commissionato da North Face ha scoperto che quasi il 70 percento non è a conoscenza della minaccia per l’ANWR. In parte, ciò può essere attribuito al modo con cui le forniture per le perforazioni sono state inserite nelle fatture fiscali del 2017, con uno scarso controllo pubblico.

Per Larrow, una chiave per invertire questa tendenza è aiutare le persone che non visiteranno mai l’ANWR a capirne l’importanza in modo viscerale, e a tal fine ha creato un sito web di fotografia, dopo aver visitato il Rifugio l’anno scorso. «Il mio obiettivo era che chiunque visitasse il sito, vedendo le foto potesse vivere un’esperienza immersiva di quel posto, come avevo fatto io», ha dichiarato Larrow.

Mentre sempre più persone diventano consapevoli della difficile situazione dell’ANWR, i Gwich’in continuano a guidarne la vicenda come sempre. «La priorità del Sierra Club è seguire i Gwich’in, perché in questa lotta hanno la posta in gioco più importante», ha detto Swearingen, «Stiamo solo aiutando».

«Il modo migliore per avere un impatto su questo problema è allinearsi con i gruppi indigeni, perché conoscono le soluzioni», ha detto Wikler. «Sostieni e supporta gruppi come il comitato direttivo Gwich’in – ciò può significare raccogliere donazioni o coinvolgere membri del Congresso. Ci sono molti modi per essere coinvolti.».


Nick Engelfried

Nick Engelfried è scrittore e attivista ambientale. Attualmente vive nel nord-ovest del Pacifico.


Waging Nonviolence, 24 giugno 2020

Traduzione di Cinzia Picchioni per il Centro Studi Sereno Regis


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.