Verso un mondo senza confini dove possiamo tutti “stare a casa” | Amanda Priebe

Questo potrebbe essere uno strano momento per chiedere l’abolizione dei confini, ma come la pandemia ha dimostrato: non siamo collettivamente più sicuri dei meno protetti tra di noi.

Nella mitologia greca, Procrustes era un fabbro di ferro e un locandiere che offriva ospitalità ai viaggiatori sulla strada tra Atene ed Eleusi. A Procrustes piaceva vantarsi con i forestieri di passaggio del fatto che uno dei letti di ferro della sua locanda avesse proprietà magiche, in modo che si adattasse esattamente a chi vi si adagiava sopra. Tuttavia, il trucco del letto “magico” di Procrustes veniva rivelato solo dopo aver accettato la sua offerta; per adattarsi alla giusta misura o il viaggiatore stesso veniva allungato o gli venivano segate le gambe.

Pharmakon, linocut and ink collage
on paper. Amanda Priebe, 2016

Nei campi delle isole greche alle porte della fortezza Europa, anche l'”ospitalità” europea ha il suo prezzo brutale. Oggi, poiché COVID-19 ha fatto sì che i nostri mondi si contraggano, i confini possono sembrare un’astrazione lontana e oscura. Eppure, in questo momento è tanto più cruciale comprendere il confine non solo come una linea su una mappa, ma come una pratica quotidiana che riproduce disuguaglianza.

Come la pandemia ha reso ancora più chiaramente visibili le fondamenta incredibilmente disuguali delle nostre società, così ha pure scoperto la portata mortale del confine nella nostra vita quotidiana.

È ai confini – sia ai margini dello Stato nazionale che ai margini della nostra immaginazione – che le logiche viziose del contenimento e del neoliberismo causano infatti le maggiori sofferenze, ed è qui che deve iniziare la lotta radicale per il “non ritorno alla normalità”.

ABOLIZIONE DEI CONFINI

Molto è stato scritto sulla natura di classe, razza e genere di chi ha la capacità o possibilità di “stare a casa”. I lavoratori poveri razzializzati e le donne lavoratrici, pur essendo rappresentati in modo sproporzionato nelle industrie precarie e a basso salario, oggi sono considerati essenziali. Questi lavoratori dunque sono ora costretti a scegliere tra il rischio per la propria salute e il mantenimento delle loro famiglie. Allo stesso modo, l’aspettativa che la casa sia un luogo di rifugio sicuro è molto lontana dalla realtà per esempio della violenza domestica, che è aumentata drammaticamente con le misure di isolamento, in tutto il mondo.

Ancora, le persone incarcerate, escluse dall’isolamento sociale e prive di adeguate misure sanitarie, sono tra le più colpite dal virus e le più a rischio. Certamente anche le loro famiglie vorrebbero che “restassero a casa”.

Per chi è nato dalla parte sbagliata del confine, “Stai a casa” è un ritornello fin troppo familiare. La minaccia delle malattie è stata a lungo usata come uno slogan razzista nel descrivere l’immigrazione come una minaccia per la salute pubblica. Negli ultimi due mesi abbiamo assistito a un aumento di questo tipo di narrazioni. Ci sono rapporti ben documentati tra i gruppi d’odio anti-immigrati e la Casa Bianca di Trump, che infatti ha più volte etichettato il coronavirus come un “virus cinese”.

In realtà, molte delle politiche di frontiera che Trump ha venduto come risposta emergenziale al coronavirus sono state redatte molto prima dell’arrivo della pandemia. Il consigliere capo Stephen Miller ha sostenuto per anni che il presidente dovesse invocare i poteri della sanità pubblica per chiudere i confini. Gli abolizionisti delle frontiere comprendono però che il presunto compromesso tra sicurezza economica e salute pubblica è falso. Tali ampliamenti dei poteri dello Stato, infatti, anche se ci viene detto sono progettati “per tenerci al sicuro”, in realtà prendono di mira coloro che sono già oppressi.

Ora può sembrare un momento strano per chiedere l’abolizione dei confini. Nel bel mezzo di una pandemia, limitare i viaggi non essenziali per rallentare la diffusione del virus è chiaramente necessario per proteggere coloro che sono vulnerabili nelle nostre comunità. Ma l’appello per l’abolizione delle frontiere è più di una semplice richiesta per eliminare nell’immediato lo stato di sicurezza; è piuttosto un appello a costruirne il suo sostituto, fondato sull’etica dell’assistenza e dell’aiuto reciproco.

Come la pandemia ha già visceralmente illustrato, non siamo collettivamente più sicuri dei meno protetti tra noi.

IL REGIME CONFINANTE #STAYHOME

L’attuale regime dei muri di confine e dei posti di controllo è un’ossessione moderna disfunzionale senza precedenti storici. Gli esseri umani sono sempre emigrati. I regimi di frontiera militarizzati e respingenti oggi in vigore non sono quindi una caratteristica senza tempo della società umana, ma piuttosto un’eredità degli Stati nazionali del XIX secolo. La nostra memoria collettiva in questo senso sembra però particolarmente breve. Anche il confine tra Stati Uniti e Messico non ha avuto un muro reale fino agli anni ’90, nonostante sia stato tracciato già nel 1853.

Il filosofo camerunense Achille Mbembe sostiene che sia una contraddizione dello Stato liberale classico interpretare alcuni movimenti come “libertà” e altri come impropri e minacciosi. Nell’Africa pre-coloniale i confini erano permeabili e “il veicolo più importante per la trasformazione e il cambiamento era la mobilità”. Lo Stato liberale cerca di risolvere questa contraddizione attraverso una “mobilità gestita” che agisce lungo le linee di classe e razza – ma questa disposizione è tutt’altro che inevitabile.

Nonostante le restrizioni per COVID-19, i confini non sono affatto un ostacolo per coloro che hanno il denaro e il privilegio di gestire la propria permeabilità. I divieti di viaggio non hanno influito infatti sulla capacità dei cittadini di tornare nei propri paesi di origine, indipendentemente dalla possibile esposizione a zone altamente colpite. I titolari di passaporti privilegiati del Nord del mondo, per i quali la libertà di circolazione non è mai stata un problema, continuano ad essere i meno colpiti dall’aumento delle restrizioni alle frontiere. Eppure hanno svolto un ruolo di primo piano nella diffusione del virus.

Just Stay Home? poster, linocut
and digital. Amanda Priebe 2020

A marzo, gli americani sono riusciti ad entrare in Messico, approfittando delle clementi norme messicane sulla droga per acquistare azioni sulla controversa clorochina nelle città di confine. Queste azioni hanno scatenato proteste da parte della gente del posto che temeva avrebbero diffuso il virus in Messico, un paese relativamente poco colpito.

In Europa, COVD-19 è stato diffuso in modo massiccio da persone che tornavano a casa dopo incontri d’affari e vacanze. In Brasile, dove il presidente Jair Bolsonaro si è unito alle manifestazioni antiblocco, il virus, che ora sta devastando le favelas dei poveri, è stato nuovamente importato da ricchi brasiliani in vacanza in Europa.

Il mondo rimane un parco giochi senza confini anche per il movimento dei capitali. Infatti, come sostiene Justin Akers Chacon, nella nostra era neoliberale “le frontiere esistono solo per il lavoro”. In Germania, il discorso per evacuare un piccolo numero di persone da Moria, uno dei più noti campi profughi delle isole greche, si è arenato mentre i politici bisticciano ancora sulla logistica. Moria ora ospita 20.000 persone in condizioni orribili e insalubri in uno spazio progettato per 3.000 persone.

Nel frattempo, il governo tedesco non ha avuto problemi a organizzare rapidamente un’esenzione di viaggio per un “Spargel Brücke” (ponte degli asparagi) di lavoratori rumeni a basso salario per la raccolta di asparagi di quest’anno. Questi lavoratori precari e a basso salario non avranno diritto alle prestazioni sanitarie tedesche e torneranno in Romania potenzialmente con infortuni sul lavoro dovuti a lavoro estenuante e COVID-19.

Una visione coerente delle frontiere come salvaguardia della salute pubblica terrebbe conto del fatto che i viaggi di piacere per i titolari di passaporti privilegiati svolgono un ruolo chiave nella diffusione delle malattie. Eppure nessuno suggerisce di limitare i viaggi non essenziali per gli europei una volta che la pandemia sarà sotto controllo. Infatti, i “corridoi del turismo” sono già aperti ai cittadini dell’UE, e i ricchi rimangono liberi di spostarsi attraverso le frontiere verso i loro rifugi del giorno del giudizio.

Per i migranti e i richiedenti asilo, i cui viaggi sono viaggi essenziali, le frontiere rimangono pericolose e impenetrabili come sempre. Il loro attraversamento è sempre stato una questione di vita o di morte, non un mero inconveniente temporaneo. Le strutture di detenzione sono diventate ancora più orribili, come bombe a orologeria mortali, dove è impossibile prendere le dovute distanze sociali e adottare misure igieniche. La pratica di immagazzinare le persone in strutture di detenzione non igieniche e disumane non solo è moralmente indifendibile, ma rappresenta anche un grave rischio per la salute pubblica. I detenuti sono ad alto rischio di contrarre il virus e di diffonderlo ulteriormente.

L’amministrazione Trump ha già consapevolmente diffuso il virus attraverso spostamenti di persone in regioni molto meno capaci di affrontare una grave epidemia di COVID-19. Su un solo volo di deportazione verso il Guatemala, il 75 per cento delle persone è risultato positivo al virus.

Se si riesce a sfuggire agli oceani, ai deserti e ai centri di detenzione mortali e ad entrare con successo nelle fortezze fortificate del Nord globale, il confine si estende, interessando tutto: dall’accesso al lavoro e all’alloggio, all’istruzione e all’assistenza sanitaria. I lavoratori non documentati o con status di immigrazione precaria hanno meno probabilità di avere accesso all’assicurazione sanitaria o di cercare assistenza sanitaria se si ammalano per paura di essere espulsi. Sono anche più propensi a lavorare in lavori “essenziali” a basso salario, aumentando il rischio di esposizione al virus.

Proposal for a World on Fire, linocut. Amanda Priebe 2017

SICUREZZA SENZA FRONTIERE

Gli abolizionisti delle frontiere si organizzano verso una società che soddisfi i bisogni fondamentali di tutti, indipendentemente dallo status di cittadinanza. Un’etica del “no borders” richiede non solo di affrontare l’attuale letalità dei confini, ma anche di creare una visione a lungo termine per guardare oltre i confini nazionali e concepire la sicurezza economica e sanitaria per tutti. In una crisi come quella attuale, in questo modo sarebbe possibile per tutti “stare a casa”. La nostra politica è chiara: nessuno è usa e getta, nessuno è lasciato indietro.

L’etica no border – “nessuna frontiera” – deve quindi essere intesa non come una questione su chi ha il diritto di viaggiare, ma su quali responsabilità abbiamo tutti l’uno nei confronti dell’altro. Oggi queste responsabilità includono l’allontanamento sociale e il limitare il più possibile i nostri spostamenti. Domani potrebbero anche includere meno voli e meno viaggi di piacere per noi del Nord del mondo.

In pratica, significa concentrarsi maggiormente sull’essere buoni amministratori del nostro ambiente locale e costruire comunità forti e interconnesse.

Opporsi a frontiere chiuse e militarizzate non significa semplicemente aprire i cancelli a tutto, ma sostituire lo Stato di sicurezza con strutture e istituzioni costruite sull’etica della cura e dell’aiuto reciproco.

Se siamo veramente preoccupati per la salute pubblica durante la pandemia COVID-19, la nostra preoccupazione e le nostre soluzioni devono tenere conto di tutti – non solo di quelle persone che hanno già un posto sicuro dove stare. Ci sono diverse tattiche che possiamo usare nel perseguire l’abolizione delle frontiere – dal promuovere decisioni politiche che offrano un rifugio immediato e sicurezza ai migranti e ai richiedenti asilo, alla lotta per la decolonizzazione e alla partecipazione ad azioni dirette, individuali o collettive, che minano i regimi di frontiera.

Fondamentalmente, però, la nostra organizzazione deve andare oltre i tradizionali dibattiti di riforma contro la rivoluzione, per rendere “no borders!” come una cornice per l’immaginazione rivoluzionaria e una pratica di cura contro la logica distruttiva del contenimento. In pratica, questo significa combinare la riforma della politica e l’azione diretta mirata al soccorso d’emergenza a breve termine, con il progetto a lungo termine dell’organizzazione locale verso un doppio potere e un mondo veramente senza confini.

Come artista, sono interessata a come possiamo espandere la nostra immaginazione sociale del possibile.

Una delle immagini a cui sono tornata nel mio lavoro è la pigna come simbolo della lotta abolizionista. Il pinus contorta (lodgepole pine) infatti richiede tutta l’intensità distruttiva di un incendio boschivo per germogliare; ciò che all’inizio appare come distruzione totale è in realtà l’elemento critico della nuova crescita e della creazione. Questo è il mio modo di pensare alla lotta abolizionista; non come distruzione, ma come creazione. “Nessun confine” non è solo un appello per l’eliminazione dei posti di blocco, del filo spinato e dei campi di detenzione, ma per la fondazione di una società che non potrebbe mai costruire cose del genere, sapendo di non tenerci veramente al sicuro.

La pandemia di COVID-19 sta già plasmando il nostro immaginario collettivo – sia potenzialmente utopico che distopico – di quali nuovi mondi radicali potrebbero arrivare lungo la sua scia. Ma la lotta per strappare questo momento dalla presa del capitalismo catastrofico e rifiutare il ritorno al solito business, è solo all’inizio.

Quello che viene dopo dipende dai limiti della nostra immaginazione e dalla nostra capacità di organizzazione, oggi. “Nessun confine” potrebbe sembrare un’utopia, ma prendere sul serio questo principio significa immaginare una società che dia veramente la priorità alla cura e alla sicurezza di tutti – una società in cui siamo tutti liberi di stare a casa perché le nostre case non sono in mezzo a zone di guerra, o alle vittime della distruzione ambientale o agli epicentri del collasso economico – una società che dia la priorità alla stabilità e alla cura di tutti coloro che cercano rifugio e sicurezza.


Amanda Priebe

Amanda Priebe è un’artista laureata in Spatial Strategies presso la Weißensee Kunsthochschule di Berlino. È membro collettivo di Abolition: A Journal of Insurgent Politics e il suo lavoro può essere trovato su, libri, riviste radicali e, si spera, per le strade vicino a te…


Fonte: ROAR Mag, 26 maggio 2020

Traduzione di Andrea Zenoni per il Centro Studi Sereno Regis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.