Insegno la nonviolenza nelle carceri più colpite dal COVID-19. Ecco perché si deve “decarcerare”, ora | Henry Cervantes

Di fronte alle persone incarcerate che affrontano, in questa pandemia, un rischio sproporzionato dobbiamo ricordarci la loro capacità di cambiare e il valore intrinseco di ogni persona.

Un gruppo di detenuti dello Stateville Correctional Center partecipa a un corso di nonviolenza alla School of Restorative Arts della North Park University nell’ottobre 2019. (WNV / Karl Clifton-Soderstrom)

Il mio quartiere a Chicago, “Little Village”, è la più grande area-carcere degli Stati Uniti. Il carcere della contea di Cook è solitamente conosciuto come un luogo dove si verificano violenze, come aggressioni a detenuti e agenti di custodia, suicidi e sparatorie al di fuori del tribunale. Nelle ultime settimane è diventato anche quello che il New York Times ha definito un “hot spot” nazionale di punta per il coronavirus. A partire da questo momento, 491 detenuti e oltre 360 membri dello staff sono risultati positivi al COVID-19. Sei detenuti sono morti di recente a causa del virus e il numero di casi continua a crescere.

Ci sono diversi importanti sforzi in corso a livello locale, come il Chicago Community Bond Fund e il The Bail Project, per ridurre il numero di persone dietro le sbarre durante questa pandemia. I loro sforzi possono insegnarci l’importanza degli sforzi di decarcerazione per i trasgressori nonviolenti. Mettendo insieme le risorse della comunità per far uscire i detenuti dal carcere, queste iniziative contribuiscono a ridurre il rischio immediato di infezione a breve termine. Stanno anche costruendo una visione di risposte alla carcerazione guidate dalla comunità.

Dalle mie esperienze di lavoro con i giovani incarcerati, sono convinto che i detenuti educati alla nonviolenza – anche i delinquenti violenti – possano aiutare a dare un contributo positivo al mondo esterno. I detenuti possono cambiare, all’interno delle prigioni, ma sono spesso trascurati dalla società al di fuori delle mura del carcere. Ora più che mai, quando le persone incarcerate sono così sproporzionatamente a rischio da COVID-19, è importante ricordare il valore intrinseco di tutte le persone e stare in solidarietà con le comunità più colpite da crisi come questa pandemia sanitaria.

Negli ultimi tre anni, ho lavorato come volontario per facilitare i workshop di pace e di studi sui conflitti nella prigione della contea di Cook. Nelle nostre sessioni settimanali esploriamo il potere del cambiamento non violento con i giovani detenuti maschi arrestati per reati violenti, che vanno dalle rapine a mano armata alla violenza delle bande nelle loro comunità. Ho anche avuto l’opportunità di insegnare in un corso di livello master per il Seminario teologico di North Park sulla trasformazione nonviolenta dei conflitti presso il centro correzionale di Stateville, un carcere di massima sicurezza appena fuori Chicago. Come la maggior parte delle carceri e dei penitenziari in America, questo è pieno di giovani prevalentemente afroamericani e latinoamericani, che partecipano tutti volontariamente alla formazione. Durante gli anni in cui ho insegnato la nonviolenza alla comunità incarcerata, mi hanno anche dato molto.

Per imparare la nonviolenza, dobbiamo disimparare la violenza

La prima lezione è che per imparare la nonviolenza, dobbiamo prima disimparare la violenza. Per gli individui che sono cresciuti dove la violenza è la norma, questo può essere molto difficile – ma non impossibile. Inoltre, gli uomini incarcerati a cui insegno provengono da alcuni dei quartieri più violenti di Chicago. Non solo, ma rappresentano le migliaia di giovani che sono coinvolti in cicli di violenza sistemica e locale. Non c’è quindi da stupirsi che molti dei miei studenti incarcerati siano stati colpiti o feriti più volte, e parlano apertamente delle loro storie personali e del loro vivere cicli di violenza. 

L’autore conduce una sessione di formazione sulla nonviolenza nel carcere di Cook County a Chicago nel dicembre 2018. (WNV / John Mjoseth)

La formazione in un ambiente di questo tipo è tanto difficile quanto gratificante, poiché le carceri e le prigioni pongono dei limiti all’istruttore e agli studenti. Inoltre, alcuni detenuti possono non essere ricettivi al messaggio di pace, amore e nonviolenza, o possono sentire che discutere di questi argomenti li mette a rischio in questo tipo di ambiente. Sono stato deriso, insultato e maledetto durante questi laboratori di educazione nonviolenta. In una particolare divisione, gli studenti sono ammanettati ai loro posti per la loro sicurezza, così come per gli ufficiali e per la mia. Nonostante queste barriere, le discussioni in queste sessioni sono potenti, e sono spesso colpito da come giovani uomini siano stati capaci di disimparare la violenza in mezzo a un ambiente così violento.

In altre divisioni, dove gli studenti non sono incatenati durante i workshop, esploriamo la violenza e la nonviolenza attraverso attività interattive. Una volta abbiamo delineato una scala immaginaria da uno a 10 sul pavimento, e abbiamo chiesto agli uomini di posizionarsi rispetto a come avrebbero valutato la gravità di colpire un bambino con una cintura, di colpire una donna e di sparare da una macchina senza colpire nessuno. La discussione che ha accompagnato ogni scenario è stata profonda, e ci ha permesso di discutere con sicurezza della nostra comprensione della violenza e di come ridefinire la violenza. In molte discussioni siamo giunti alla conclusione che la violenza, il più delle volte, sconfigge il suo stesso scopo.

Per alcuni detenuti la violenza è diventata la norma e non è la prima o addirittura la seconda volta che si trovano in carcere. È il caso di Devon (che è uno pseudonimo, come tutti i nomi degli studenti in questa storia), che è stato tre volte nella prigione della contea e proviene dalla comunità di North Lawndale. Devon è un giovane alto e magro, con tatuaggi sulle braccia e sul viso. Quando gli ho chiesto come pensa che la gente veda la sua comunità, mi ha risposto: «La mia comunità è una grande comunità. L’unica cosa è che c’è un’ombra che si proietta sulla comunità, che le dà una cattiva reputazione. L’ombra della violenza è ciò che la maggior parte delle persone nel mondo esterno vede, ma non è rappresentativa dei nostri quartieri».

Gli studenti partecipano ad attività interattive durante la formazione alla nonviolenza al Stateville Correctional Center. (WNV / Karl Clifton-Soderstrom)

È stato uno degli studenti più coinvolti nei workshop, così gli ho chiesto se sarebbe stato disposto a fare da voce per la pace nel quartiere. Lui ha risposto: «Sì e no». In altre parole, Devon ha detto di vedere questa come una responsabilità importante, ma ha ammesso di essere convinto che potrebbe essere troppo tardi per lui per trasformare il suo ruolo nella comunità. Pensa che i workshop sulla nonviolenza dovrebbero iniziare con i giovani. «Se vogliamo fare la differenza, direi che dobbiamo iniziare a insegnare la pace e il conflitto il più presto possibile, per esempio nel 6°, 7° o 8° grado della scuola», ha spiegato.

Al centro correzionale di Stateville, molti dei miei studenti hanno vissuto dietro le mura della prigione per 15, 20 o anche 30 anni. Alvaro, un uomo di Little Village, è un ex membro di una banda ed è stato coinvolto nella macchina della violenza fin dalla sua prima giovinezza. «Non siamo diversi da quelli che stanno fuori», ha detto. «Anche noi siamo stati feriti, traumatizzati e abbiamo vissuto un profondo dolore nella nostra vita… Direi ai giovani coinvolti nella violenza di oggi che loro stessi hanno tanto da dare alla nostra società».

Quando gli viene chiesto cosa servirebbe per ridurre la violenza nella nostra comunità, incoraggia gli adulti a cui sta a cuore la questione a fare da mentori ai giovani che potrebbero essere a rischio di violenza e a prenderli sotto la loro ala. «Abbiamo bisogno di un’analisi approfondita delle cause della violenza», ha detto Alvaro. «Abbiamo anche bisogno di incontrarci faccia a faccia con questi giovani, di ascoltarli e di nutrirli».

Per molti dei miei studenti, questa è la prima volta che sentono parole come “nonviolenza” o “costruzione della pace”. Il loro background, le loro storie e le loro esperienze di incarcerazione forniscono un significato più profondo quando si discute di idee di pace e di alternative all’aggressione violenta.

La violenza sistemica si riduce alla violenza locale

La seconda lezione che ho imparato è che molti giovani in prigione o in carcere condividono una prospettiva simile e profonda: che provengono da comunità belle e degne di riconoscimento e di rispetto.

Tabar, un ragazzo pesante del quartiere di Englewood con i dread e i tatuaggi sul braccio, ha riflettuto su questo punto. «Non siamo una comunità violenta», ha detto. «Siamo una comunità molto bella, orientata alla famiglia… Sono solo alcune circostanze che fanno crollare sotto il peso della pressione alcuni di noi».

Per le persone che non hanno mai vissuto o che non hanno mai visitato i nostri “cappucci” questo può sembrare strano. La gente pensa che la violenza sia il risultato di influenze “cattive” o una conseguenza del frequentare le persone “sbagliate”. Le pressioni sono invece il risultato di un sistema violento che ha intenzionalmente trascurato i poveri di colore per generazioni. Malcom X una volta ha collegato questi punti, sostenendo che se si proviene da un quartiere povero, questo porta a scuole povere, scarsa istruzione, lavori poveri e pagati male, e tutto questo rende quasi impossibile liberarsi da queste ingiustizie sistemiche. Il ciclo della violenza inizia con la violenza strutturale.

Dopo tutto, le persone di colore nella nostra società hanno affrontato per secoli la repressione violenta e l’oppressione. La violenza perpetuata nelle comunità povere locali potrebbe essere la manifestazione della violenza che le nostre comunità hanno ricevuto nel corso dei decenni? Credo che ci sia una correlazione tra violenza istituzionalizzata e violenza interiorizzata, e i poveri sono sempre i più colpiti.

Partecipanti a un corso sulla nonviolenza allo Stateville Correctional Center nell’ottobre 2019. (WNV / Karl Clifton-Soderstrom)

A Stateville, Jay, un ex membro di una gang della comunità di Back of the Yards che è sopravvissuto a diverse sparatorie, ha scritto: «Gli strati di oppressione corrono in profondità negli Stati Uniti… Crescendo in queste città, gli adolescenti non sono consapevoli dei costrutti sociali che stanno alimentando l’oppressione sistemica… Mentre i bambini in America giocavano ad impersonare il loro supereroe preferito, io e i miei amici fingevamo di essere il personaggio più rude e più duro che conoscevamo».

La riflessione di Jay offre un’idea del fatto che molti giovani di comunità emarginate che sono impegnati nella violenza potrebbero non sapere che anche loro sono sistematicamente oppressi. Sono stati circondati dalla violenza, e questo ha formato la loro visione del mondo e ha lasciato loro poche opzioni, oltre alla possibilità di passare dalla scuola al carcere.

Le carceri sono centri di formazione sulla nonviolenza unici nel loro genere

Il mio terzo punto è che le carceri e le prigioni offrono un’opportunità unica di formare le persone. Durante alcuni dei nostri workshop, esploriamo lo spettro della violenza e della nonviolenza. Discutiamo le azioni peggiori e migliori (a’ight “a posto”) per affrontare gli scenari di vita reale e i problemi sociali nei conflitti quotidiani. Indaghiamo se la pace è solo un mucchio di “stronzate” o qualche “vera stronzata”. 

Ho imparato da questi giovani che la pace non è una strada facile. La pace vera e propria richiede cuore e coraggio, quando la violenza spesso domina la narrazione. Ho insegnato la pace nelle scuole elementari, nelle scuole superiori e nelle università, nel mio paese e all’estero, e ho avuto – senza dubbio – le mie conversazioni più profonde e ricche esplorando questi argomenti dietro le sbarre della prigione e del carcere. I giovani sono esperti in materia di violenza e di pace, e sono molto più in sintonia con le sottigliezze della società e delle interazioni sociali rispetto alla maggior parte delle persone.

Nel carcere della contea, Victor, un giovane robusto con gli occhiali e il caratteristico taglio di capelli lunghi, ha espresso il suo punto di vista sui benefici della formazione alla nonviolenza in carcere. «Ho imparato molto in queste sessioni di formazione, soprattutto la storia di essa», ha detto. «L’apprendimento della vita di Cesar Chavez e del dottor King, Ella Baker e Harriet Tubman, mi fa venire voglia di fare qualcosa di positivo per la società». A pensarci bene, non ho mai fatto niente di positivo per la comunità. Una volta uscito, è una cosa che voglio fare davvero”.

Raramente studiamo le vite e le lotte di coloro che ci hanno preceduto e come hanno utilizzato strategie e tattiche di cambiamento sociale non violento per affrontare la violenza. In contesti scolastici formali possiamo imparare date o eventi, ma non i modi specifici in cui la nonviolenza e la costruzione della pace sono state applicate per sconfiggere la violenza.

A Stateville, Brett, un giovane magrolino con tatuaggi sulle braccia e sul collo, ha raccontato la sua storia di come è andato da Englewood alla prigione della contea di Cook e come è finito a Stateville. Mi ha chiesto di condividere la sua storia con i giovani del suo quartiere. «Succedono molte cose che portano la nostra gente qui, ma non deve essere per forza così», ha spiegato. «Abbiamo il potere di cambiare il modo in cui agiamo nel mondo, nei conflitti che ci si presentano». La prossima volta che terremo dei workshop nelle scuole di Englewood, gli ho detto, mi assicurerò di includere la sua storia di lotta e trasformazione.

Può essere difficile da capire per alcuni, ma a prescindere dai crimini violenti di cui sono state accusate le persone, esse meritano comunque rispetto. Gli uomini neri e latinoamericani nella nostra società sono stati storicamente privati del rispetto e del diritto di essere ascoltati. Questi uomini sono come tutti noi. Hanno famiglie, comunità, emozioni e le loro prospettive sulla società. Possono insegnarci la loro verità e qualcosa sulla nostra vita fuori dalle mura della prigione.

La pandemia COVID-19 ha colpito tutti noi in più di un modo. In sostanza, niente di ciò che facciamo come società sarà più come prima. Questo momento ci ha permesso di affrontare le lotte per far progredire la vita e di capire come sia veramente un mondo giusto. Questa pandemia ha avuto un impatto sulle nostre comunità più vulnerabili – i nostri anziani, i nostri poveri, i nostri malati, le persone di colore, i carcerati e le loro famiglie. Noi, come società, dobbiamo anche imparare a umanizzare le comunità incarcerate.

Dobbiamo incontrare le persone nel luogo in cui si trovano. Non dobbiamo indottrinarle o condurle a partecipare alle nostre campagne, ma solo cercare di ispirarle a scoprire i loro viaggi per la vita, la verità, il potere e la giustizia. Grazie a questi giovani sono diventato una persona migliore. Molti uomini incarcerati ed io possiamo riconoscerci in ciò che ha detto Cesar Chavez: «Non sono un uomo nonviolento, sono un uomo violento che cerca di essere nonviolento».


Questa storia è dedicata ai membri della nostra comunità incarcerata che sono deceduti a causa di COVID-19, tra cui due miei studenti del centro correzionale di Stateville.


Henry Cervantes

Responsabile di The Peace Exchange, Holy Family Ministries. Cervantes è un formatore volontario alla nonviolenza presso la Cook County Jail a Chicago come parte dello Sheriff’s Anti-Violence Effort (SAVE), ed è professore aggiunto per il North Park Theological Seminary presso il centro correzionale di Stateville. Presta servizio come facilitatore per il James Lawson Institute ed è co-presidente del consiglio di amministrazione del Crossroads Fund.


Waging Nonviolence, 28 aprile 2020

Traduzione di Andrea Zenoni per il Centro Studi Sereno Regis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.