I lavoratori “essenziali” del mondo si uniscono! | Santiago Leyva del Rìo e Kaveri Medappa

Gli “eroi” che sostengono la nostra vita durante questa crisi sono a malapena in grado di sostenere la loro. Un movimento eterogeneo della classe operaia in prima linea può cambiare tutto questo.

Valencia, Spain. 26 March, 2020. Photo: mediamasmedia / Shutterstock.com

Ironia della sorte, la pandemia globale che minaccia le nostre vite ha acceso i riflettori sulle infrastrutture che le sostengono. I lavoratori che da sempre salvano vite umane, si prendono cura dei malati, puliscono e smistano i rifiuti, producono beni e forniscono servizi essenziali per la gestione ininterrotta delle vite, sono stati resi “eroi”. Gli stessi attori capitalisti che consideravano questi lavoratori facilmente sostituibili e spesso liquidavano il loro lavoro come “non qualificato”, ora li salutano cinicamente come “guerrieri”.

La classificazione di alcuni lavoratori come “essenziali” ha creato le condizioni per permettere a gruppi disparati di lavoratori di pensarsi come parte di una collettività. La natura di questa crisi ha reso evidente il lavoro infrastrutturale che sostiene la vita quotidiana. Da un lato, questa congiuntura ha rivelato le vulnerabilità condivise dei “lavoratori essenziali”, e le aggraverà. Dall’altro, ha anche modificato la percezione pubblica di questi lavori, aprendo la strada alla loro valorizzazione sociale ed economica. Queste nuove circostanze creano le possibilità per l’articolazione di un movimento operaio eterogeneo.

L’improvvisa glorificazione dei lavoratori essenziali può essere considerata un momento epifanico in cui l’ideologia che plasma le nostre visioni del mondo, la concezione di noi stessi, le nostre aspirazioni e i nostri desideri, non può più oscurare ciò che è veramente essenziale. L’ideologia neoliberale ha negato a gran voce la vulnerabilità e l’interdipendenza che sostengono le nostre vite, sedandoci in un senso alienante e individualistico di normalità. Tuttavia, il nostro sonno è stato disturbato e ci siamo improvvisamente risvegliati dalle nostre compiacenti finzioni per affrontare collettivamente una realtà più cruda del solito, ma più reale di quella che chiamiamo “normalità”.

I nostri governi “doppiafaccia” ci incoraggiano ad applaudire i lavoratori essenziali dalle nostre case, pur insistendo sulla necessità di rimettere in piedi la stessa economia che sta ostracizzando questi stessi lavoratori: un ritorno alla “normalità”. Così facendo, trasformano le nostre ex vite precarie in un’aspirazione! Stiamo assistendo ad un’iterazione di quello che Mark Fisher chiamava il realismo capitalista – l’idea che sia più facile immaginare la fine del mondo che la fine del capitalismo. In questo interregno, l’unica alternativa pensabile a quello che viene percepito come un confronto letterale con la fine del mondo sembra essere il desiderio di un nostalgico ritorno a un passato di schifo. I lavoratori essenziali continueranno a essere applauditi e adorati come eroi una volta tornati al nuovo-vecchio “normale”?


Ma se il ritorno a un’idea nostalgica del passato è l’unica alternativa, ci verrà comunque data una versione reinventata – indubbiamente peggiore – dello stesso. Come ha brillantemente scritto Lampedusa ne Il Gattopardo, in tempi di crisi le classi dominanti si adattano alla nuova congiuntura, comprendendo che per mantenere il loro potere “tutto deve cambiare perché tutto rimanga uguale”.

Ovviamente vogliamo che tutto questo finisca. Non vediamo l’ora di abbracciare di nuovo i nostri compagni e i nostri cari, non vediamo l’ora di riempire le piazze di chiacchiere, abbiamo bisogno di riavere i nostri spazi pubblici e vogliamo fare un lavoro significativo.

Tuttavia, già prima di tutto questo, stavamo perdendo il contatto con gli altri: il nostro tempo libero si era ridotto a un consumismo individualizzato e alienante; lo spazio pubblico era solo apparenza che mascherava la mercificazione della vita quotidiana; e, per molti di noi, il nostro lavoro era tedioso, privo di senso, insicuro e mal pagato. Tornare alla normalità significa lasciare che le stesse società che trarranno immenso beneficio da questa crisi utilizzino le nostre vite come mezzo per far progredire i loro interessi economici.

LA RICOMPOSIZIONE DEL CAPITALISMO

La situazione prima di questa crisi globale era tutt’altro che auspicabile.

Nel Sud del mondo i processi di espropriazione e di impoverimento continuano a minacciare il sostentamento basato sulla terra e sull’agricoltura. Il predominio del capitale finanziario sui processi di accumulazione ha aggravato la maldistribuzione del valore strutturalmente inerente al capitale. Il capitale finanziario si basa sull’estrazione degli affitti dal processo produttivo del lavoro, quindi non produce nuovi valori d’uso. Gli astronomici profitti finanziari degli ultimi tre decenni sono quindi condizionati dall’aumento del tasso di sfruttamento in tutto il mondo e dal trasferimento di valore dai poveri ai ricchi.

Analogamente, il progetto neoliberale è sostenuto da disinvestimenti nei servizi pubblici, che possono essere finanziati in modo soddisfacente solo attraverso una tassazione progressiva. Questo è anche un fenomeno globale che si basa sull’ostruzione e/o sull’impedimento del processo di ridistribuzione del valore attraverso la tassazione: il processo attraverso il quale i lavoratori recuperano parte del plusvalore che è stato loro espropriato sotto forma di servizi pubblici, prestazioni, pensioni, ecc.

Se le recenti previsioni sul futuro delle nostre economie sono un’indicazione dei giorni a venire, le prospettive non sono rosee. La crisi economica in corso porterà probabilmente al quasi crollo del settore dei servizi in costante crescita, che secondo le stime da impiego al 50% della forza lavoro globale. Nelle ultime settimane abbiamo assistito a una distruzione di posti di lavoro senza precedenti in tutto il mondo. Alcuni governi hanno messo in atto pacchetti di stimolo fiscale di varie dimensioni per i lavoratori in esonero e per coloro che hanno perso i loro mezzi di sostentamento a causa dell’isolamento. Le piccole e medie imprese non hanno la stessa capacità di indebitamento delle grandi imprese, che sono considerate troppo grandi per cadere e, di conseguenza, saranno salvate e/o nazionalizzate se necessario. Queste corporazioni rafforzate colmeranno le lacune del mercato lasciate dalle imprese più piccole.

Lo scenario a cui ci troviamo di fronte è una combinazione tra alti tassi di disoccupazione e l’emergere di monopoli aziendali, che saranno in grado di stabilire qualsiasi condizione di lavoro a prezzi adatti ai loro interessi. La disoccupazione sarà usata come arma coercitiva per erodere le condizioni di lavoro. Questo, insieme alla recente ascesa – e alla costituzione – di partiti di estrema destra in diversi paesi, sarà usato per dividere i lavoratori in base alla razza, all’etnia, alla religione e alla cittadinanza.

In questo contesto, il capitalismo di monopolio di Stato sarà probabilmente il prossimo abito che il potere sceglierà dal suo infinito camerino. Un nuovo disarticolato esercito-riserva di lavoratori disoccupati, nato dalle ceneri di questa crisi, servirà come fonte illimitata di sfruttamento.

Il futuro appare cupo, ma la triste prognosi non deve essere tranquillamente accettata: ci sono condizioni oggettive per l’articolazione di una classe operaia plurale che rispecchia la mutevole e complessa composizione del tardo capitalismo. Una classe operaia che continua ad includere i lavoratori industriali, ma che è più grande di loro.

Mentre la composizione demografica dei lavoratori essenziali è molto eterogenea, poiché comprende gli ex operai di mezza età, i migranti rurali e internazionali e i giovani istruiti senza opportunità di lavoro dignitoso, esiste anche un’eterogeneità nella natura stessa dell’occupazione.

I lavoratori informali e temporanei, i lavoratori autonomi e i lavoratori “giganti” dell’economia sono stati particolarmente colpiti da questa pandemia. L’improvvisa valorizzazione sociale di questi lavoratori potrebbe creare le condizioni soggettive per la costituzione di un ampio ed eterogeneo movimento operaio che richiede la valorizzazione economica di questo lavoro.

LE INFRA-STRUTTURE CHE SOSTENGONO LA VITA

Il concetto di “lavoro infrastrutturale” di Vinay Gidwani è prezioso nel fornire un terreno teorico ed empirico comune, diventando il collante metaforico che potrebbe essere utile per stringere alleanze tra lavoratori atomizzati. Il lavoro infra-strutturale comprende tutte quelle forme di lavoro che sono cruciali per il sostentamento e la riproduzione della vita quotidiana, ma che, allo stesso tempo, sono state rese invisibili e quindi svalutate nel tempo. Si tratta di una formulazione particolarmente pertinente per questo frangente, poiché la pandemia ha portato visibilità al lavoro umano – svalutato – e alle risorse che sostengono le necessità della vita, rivelando in modo cruciale la dipendenza del capitale da tali forme di lavoro.

Perversamente, i lavoratori che producono i bisogni di base e forniscono i servizi essenziali – e ora rischiano la vita per farlo – sono quelli che faticano di più ad accedervi. Gli “eroi” di questa crisi, quelli che sostengono le nostre vite, sono a malapena in grado di sostenere la loro. Come sostengono i teorici della riproduzione sociale, i processi altamente asimmetrici di accumulazione del capitale, paradossalmente, minano e compromettono quindi i mezzi di sussistenza degli stessi lavoratori che sostengono questi processi.

Il periodo successivo alla crisi del 2008 ha accentuato queste dinamiche. Le perdite private nel complesso immobiliare/finanziario sono state socializzate e tradotte in debito pubblico, politiche di austerità, espropriazione della ricchezza pubblica e della classe operaia, e un’ulteriore erosione delle condizioni di lavoro. Ciò significa che, prima dello scoppio della crisi COVID-19, c’era già una pressione insopportabile sulla vita della classe operaia.

Una domanda ricorrente che si pone nei momenti di crisi è se i capitalisti possano farla franca imponendo un nuovo ciclo di espropriazione, di austerità, di precarietà e di condizioni di lavoro brutali. Pur riconoscendo che esistono limiti biologici allo sfruttamento della vita umana, le considerazioni generali che rendono tollerabili o inaccettabili certe condizioni di vita non sono una costante storica: esse dipendono dall’equilibrio di potere tra le classi.

La natura di questa crisi ha determinato una congiuntura molto particolare, che crea le condizioni per mettere in discussione alcuni elementi del buon senso neoliberale. In primo luogo, rende difficile continuare un processo continuo di espropriazione attraverso la privatizzazione dei sistemi sanitari pubblici – dove esistono – e crea le condizioni soggettive per richiedere un sistema sanitario pubblico universale in tutto il mondo.

In secondo luogo, la brusca interruzione di molte forme di svago ideologico basate sul consumo, oltre che sull’alienazione dei posti di lavoro, ha rivelato l’importanza strutturale di alcuni tipi di lavoratori, esponendo allo stesso tempo le insicurezze quotidiane con cui vivono.

La gente si è resa conto che il lavoro di infermieri, paramedici, badanti, domestici, addetti ai servizi igienici, insegnanti e lavoratori agricoli sostiene la nostra vita biologica e sociale; mentre quello di autisti, guardie di sicurezza, magazzinieri e fattorini, camerierieri, venditori ambulanti, commessi, impiegati di supermercati riproducono la vita urbana di tutti i giorni.

POSSIBILITÀ PER UNA RIELABORAZIONE DELLA CLASSE OPERAIA

Nelle ultime settimane, diversi gruppi di lavoratori provenienti da tutto il mondo hanno organizzato e richiesto condizioni di lavoro migliori. Le recenti proteste e le richieste di intervento da parte di medici, operatori sanitari, magazzinieri e fattorini dipendenti da piattaforme in diverse parti del mondo mettono in luce le cattive condizioni di lavoro dei lavoratori essenziali e la mancanza di risorse con cui devono confrontarsi, mentre devono essere in prima linea nella lotta contro un virus mortale. Nell’ottenere il controllo su ciò che producono, i lavoratori industriali hanno costretto con successo i loro datori di lavoro a produrre attrezzature mediche. Allo stesso modo, gli affitti e gli scioperi per l’indebitamento, forme inimmaginabili di protesta tre settimane fa, stanno diventando richieste comuni. I senzatetto stanno rivendicando le case vuote, sfidando la sacralità della proprietà privata su cui poggia il capitalismo.

Negli ultimi anni, le proteste che chiedevano prezzi equi per i prodotti, una migliore remunerazione e protezione sociale, sono scoppiate tra gli agricoltori, gli insegnanti, i lavoratori del mondo dell’abbigliamento, i lavoratori dell’industria alimentare, gli operatori sanitari e gli addetti ai servizi igienici, in diverse parti del mondo. La recente ondata di proteste che ha avuto luogo in Iran, Iraq, Francia, Cile, Sudan, Algeria, Libano ed Ecuador, tra molti altri luoghi, può anche indicare la potenzialità di un’organizzazione politica ad ampio raggio. Queste proteste sono state sostenute dalla crescente frustrazione della gente per l’austerità e l’aumento del costo della vita.

Questa caleidoscopica combinazione di lotte guidate da una gamma apparentemente eterogenea di lavoratori in tutto il mondo si articola attorno a due pilastri fondamentali: la richiesta di migliori condizioni di lavoro e il diritto a soddisfare le esigenze di base e di accedere ai servizi essenziali. Questa pandemia ha rivelato l’assurdità di valorizzare il lavoro utilizzando categorie come “qualificati” e “non qualificati”. La fornitura di uno stipendio vivo, indipendentemente dalla “competenza” o dal titolo di studio, insieme a leggi sul lavoro più severe, è la necessità del momento.

La riduzione della spesa pubblica per i servizi di base, insieme al ristagno dei salari reali, significa che una grande parte dei redditi viene consumata per le spese legate alla sopravvivenza quotidiana.

La perdita di posti di lavoro su larga scala e il modo in cui ciò influisce sulla capacità delle persone di soddisfare i bisogni di base determina un momento opportuno per richiedere servizi pubblici universali. La garanzia dei servizi di base da parte dello Stato fornirà la sicurezza materiale ed emotiva che permetterà ai lavoratori di rifiutare condizioni di lavoro ingiuste e di sfruttamento.

La richiesta di servizi di base finanziati con fondi pubblici scollega anche il welfare dall’identità di “lavoratore”, categoria alla quale non appartiene un numero significativo di persone – lavoratori informali, immigrati senza documenti, anziani, disabili, disoccupati, ecc.

Marx ha differenziato tra una classe operaia oggettiva e soggettiva. La prima è una classe in sé, la seconda una classe per sé. Senza la seconda, non esiste un movimento operaio. In altre parole, la politica di classe inizia quando ci immaginiamo come parte di un collettivo e creiamo nuove idee per un futuro migliore. La pratica politica consiste nel trasformare queste aspirazioni in (un) movimento e nel farlo insieme mentre camminiamo.

Questa crisi ha reso più evidenti le condizioni oggettive che legano insieme queste lotte disparate e i lavoratori. Ha anche prodotto nuove condizioni soggettive che costringono i lavoratori essenziali a pensare a se stessi come a un collettivo, da un lato, e ha cambiato la nostra percezione del valore sociale di questo lavoro, dall’altro.

I lavoratori in prima linea di oggi hanno l’opportunità di diventare la prima linea di un movimento operaio futuro, in divenire; una classe operaia articolata intorno a strategie, tattiche, istituzioni, valori e stili di vita che riflettono la sua eterogenea composizione. Individui senza proprietà, istruiti, per i quali i “lavori essenziali” non sono più attività di transizione, ma l’unica alternativa nel mercato del lavoro, hanno ora l’opportunità di marciare dietro la prima linea. Forse questo potrebbe rompere l’incantesimo che li rende parte di una classe media fantasma.

Noi non vediamo questo sindacato come una coalizione, un’alleanza temporanea per un’azione combinata, ma come un potenziale, un processo coerente di formazione della classe operaia: una forza collettiva che espande le nozioni di ciò che è possibile e le mette in moto.

I momenti di crisi alterano radicalmente la temporalità del cambiamento politico, disturbando l’apparente solidità. Le condizioni presentate da questa crisi sono un’opportunità per costruire un movimento che crei un terreno solido su cui possiamo lottare per il controllo diretto del nostro lavoro. Solo allora potremo definire collettivamente come produrre e consegnare ciò che consideriamo essenziale. Come disse una volta Marx, solo quando ci lasciamo alle spalle il regno della necessità possiamo camminare insieme verso il regno della libertà.


Santiago Leyva del Río è ricercatore di dottorato in Geografia urbana presso il Birkbeck College. La sua ricerca si concentra su forme collettive di alloggio e modi alternativi di abitazione.

Kaveri Medappa è un ricercatrice di dottorato presso il dipartimento di Sviluppo Internazionale dell’Università del Sussex. La sua ricerca si concentra sulle mutevoli esperienze di lavoro e mobilitazione dei lavoratori in India.


Fonte: ROAR Magazine, 17 Aprile 2020

Traduzione di Andrea Zenoni per il Centro Studi Sereno Regis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.