Una carovana di solidarietà per i rifugiati curdi in Grecia

Il 12 marzo 2020 una carovana composta da persone, student*, lavoratrici.ori e attivist* provenienti dalle realtà di Manituana, Studenti Indipendenti e CSOA Gabrio partirà per i campi autogestiti di Lavrio, in Grecia, per portare sostegno umanitario ed economico. 

Questi campi, costruiti nel 1947 per i minatori, ospitano ora rifugiati prevalentemente curdi, costretti ad abbandonare Siria del Nord dopo l’invasione militare dell’esercito turco di Erdogan. 

I/le migranti all’interno del campo si sono auto-organizzati, nonostante la mancanza di sostegno da parte del governo greco, sperimentando il Confederalismo Democratico, modello politico-organizzativo che ha permesso la convivenza in Rojava di popoli che da decine di anni sono stati oppressi dai loro governi. 

Nonostante la critica situazione di sovraffollamento del campo, c’è un’attenzione speciale per i diritti umani delle persone ospitate, diritti umani che troppo spesso vengono calpestati e ignorati nel campi governativi lungo la rotta balcanica. 

Il gruppo che organizza la carovana evidenzia la necessità di portare il un supporto concreto a un’esperienza così unica nel suo genere, esperienza che è ogni giorno sull’orlo dello sgombero, nonostante dia un’alternativa a tante persone e famiglie che senza sarebbero costrette a vivere per strada. 

Non si va lì solo perché nessun* immigrat* che rischia la propria vita per cercare un futuro in Europa dovrebbe essere lasciat* sol*, ma anche perché è un esempio di autodeterminazione e autogestione che ha molto da insegnare.

Il principale obiettivo della carovana è essere in grado di portare un contributo economico e un aiuto concreto il più sostanzioso possibile, condividendo l’urgenza che nasce di fronte a situazioni emergenziali come quella di Lavrio, attraverso una campagna di raccolta fondi sulla piattaforma “Produzioni dal basso” che scade il 12 marzo, giorno della partenza. Qui si possono trovare maggiori informazioni riguardo al progetto e inoltre sulla pagina facebook della Carovana di solidarietà per Lavrio si può seguire il progetto stesso passo dopo passo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.