Il pacifismo | Segnalazione redazionale

Andrea Salvatore, Il pacifismo, Carocci, Roma 2010, pp. 112, € 12,00

Questo libro di Andrea Salvatore si presta bene – come da titolo della collana nella quale è pubblicato, «Le bussole» – a fornire un primo sguardo d’insieme per orientarsi nella galassia concettuale delle idee pacifiste: dal pacifismo giuridico di matrice kantiana alla nonviolenza messa in pratica da Gandhi, da Tolstoj ai peace studies.

Cosa significa essere pacifisti? È sufficiente avere come obiettivo ultimo la pace? Quante sono le principali forme di pacifismo e per quali aspetti si differenziano? Esiste un nesso causale tra pace, da un lato, e diritto, democrazia, libero mercato, giustizia sociale, dall’altro? Il pacifismo può dirsi una teoria politica? Ed è realmente così impotente di fronte alle forme estreme di violenza?

Questi alcuni dei principali interrogativi del testo, nel quale si cerca di configurare adeguatamente, tentando di mettere in luce i limiti e le potenzialità di ogni sua versione, un paradigma di pensiero e di azione spesso genericamente relegato alla dimensione dell’utopia di poco realistiche «anime belle».


L’autore

Andrea Salvatore è ricercatore a tempo determinato in Filosofia Politica (SPS/01) presso il Dipartimento di Filosofia di Sapienza – Università di Roma; presso la stessa università è membro del Collegio dei docenti del corso di Dottorato di ricerca in Filosofia. Si interessa di filosofia politica contemporanea, teoria del diritto ed etica applicata, con particolare attenzione al rapporto tra ordine sociale e violenza politica (specialmente nelle concettualizzazioni che di esso hanno presentato Carl Schmitt, René Girard, Michael Walzer e Pierre Bourdieu). Insieme a Mariano Croce ha proposto una diversa interpretazione del pensiero giuridico di Carl Schmitt, individuando la rilevanza di esso nelle opere istituzionalistiche dello Schmitt dei primi anni Trenta. Al momento si occupa del rapporto tra anarchismo e diritto e, più in generale, del grado di efficacia di un assetto giuridico non coercitivo in microcontesti interazionali. Ha pubblicato Undoing Ties: Political Philosophy at the Waning of the State (con Mariano Croce, Bloomsbury 2015), The Legal Theory of Carl Schmitt (con Mariano Croce, Routledge 2013), Guerra giusta? Politica e morale dei conflitti armati (manifestolibri 2016), Filosofia politica. Le nuove frontiere (con Mariano Croce, Laterza 2012), Giustizia in contesto. La filosofia politica di Michael Walzer (Liguori 2010), Il pacifismo (Carocci 2010). Ha pubblicato inoltre articoli sulle seguenti riviste: European Journal of Social TheoryRatio Juris, Cultural CritiqueTelos. Fa parte della Redazione delle riviste Politica & Società e Behemoth.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.