La ‘vergogna’ di volare?! | Elena Camino

Vai in treno? Perché, hai paura di volare?

Di solito, quando dico che mi sposto più volentieri in treno, la prima domanda è «come mai, hai paura di volare?» Quando cerco di spiegare che non ho paura, e che la mia è una scelta ambientalista mi guardano con ironia e un po’ di compassione: «non è con quella scelta – dicono – che cambi la situazione».

Potete quindi immaginare la mia soddisfazione quando ho saputo che in Svezia l’impatto ambientale del trasporto aereo è ormai un problema talmente sentito che è nato un vocabolo apposta per chi si vergogna di spostarsi così: flygskam, o flight shame (vergogna di volare). C’è un’altra parola inventata in Svezia, che è smygflyga, che significa volare di nascosto… e sono sempre più i viaggiatori che scelgono il treno, e la parola chiave che usano per distinguersi è tagskryt, che significa vantarsi del treno.

Il movimento #stayontheground ha promosso una maggiore consapevolezza del carico ambientale prodotto dai viaggi aerei. E gli effetti sono già tangibili: il Direttore di una delle maggiori line aeree scandinave ha incolpato questo movimento del calo che si è verificato nel numero di passeggeri. Il traffico aereo nel cielo svedese è diminuito del 5% nel primo quadrimestre del 2019.

Difficile fare i conti, però…

Un articolo pubblicato il 4 giugno scorso su The Guardian (Swedes turn to trains amid climate ‘flight shame’) cita uno studio del 2013, da cui risulta che spostarsi in aereo ha un maggiore impatto sul clima – a parità di distanza percorsa – rispetto a bus, treni e carpooling. Non è facile fare i conti: il consumo di energia e la produzione di gas a effetto serra per le diverse forme di mobilità dipendono da tantissime variabili, che vanno dal tipo di combustibile alle tipologie di gas emessi, alla lunghezza delle tratte, all’efficienza dei motori ecc.  In termini generali tuttavia si può affermare che un mezzo di trasporto collettivo, e che usa motori elettrici (più efficienti dei motori a combustione) lascia un’impronta di CO2 inferiore. Sono in corso molti studi con lo scopo di ridurre il carico ambientale dei diversi mezzi di trasporto agendo sia a livello costruttivo (nuove tipologie di motori) che strutturale (servizi offerti ai passeggeri, ottimizzazione dei percorsi, ecc.). Alcune considerazioni interessanti sul tema sono state fornite da due ricercatori, Paolo Viganò, co-fondatore di Rete Clima, e Marco Armiero, direttore dell’Environmental humanities laboratory del Royal institute of technology di Stoccolma, durante il programma di Radio3 Scienza del 7 giugno.

Tornando al caso della Svezia, secondo i dati forniti dall’Ente Ferrovie Svedesi un singolo volo aereo tra le due maggiori città svedesi – Stockholm e Gothenburg – produce tanta C02 quanto 40.000 viaggi in treno. Non solo: secondo una relazione commissionata dall’Agenzia Svedese per la Protezione Ambientale, nel 2017 il settore nazionale dell’aviazione è stato responsabile della produzione di 1,1 tonnellate di emissioni pro-capite: cinque volte di più della media globale.

Sono dati che hanno colpito molto gli svedesi, che l’anno scorso hanno sperimentato eccezionali onde di calore e hanno assistito a terribili incendi nella zona artica. E forse hanno colto il messaggio di Greta Thunberg, la loro connazionale sedicenne ormai conosciuta in tutto il mondo, che ha appena concluso un lungo giro in Europa – due settimane di viaggio – spostandosi quasi sempre in treno.

Prospettive  divergenti

È possibile che la crescente consapevolezza del costo ambientale dei voli aerei convinca alcune persone a cambiare idea: sarebbe incoraggiante che in tutti i cieli d’Europa si riducesse il traffico aereo, e che si sviluppasse gradualmente una più generale ‘vergona di volare’, ponderando ogni volta se lo spostamento previsto è proprio utile, necessario, insostituibile… Ma la tendenza globale non è certo questa. Vediamo, per esempio, che cosa si progetta in Cina, paese tumultuosamente emergente. Apprendiamo che l’Aviazione Civile Cinese intende costruire 216 nuovi aeroporti entro il 2035, per soddisfare la crescente domanda. I passeggeri su tratte aeree in Cina sono stati 552 milioni lo scorso anno, e le previsioni per il 2020 sono di far volare 720 milioni di persone, quasi quanti sono gli abitanti dell’intera Europa (741,4 nel 2016).

La Cina, in particolare, sta costruendo un enorme scalo aereo internazionale per Pechino (il secondo per questa città). Un terminal di 700.000 mq entrerà in funzione a settembre, per un flusso previsto di passeggeri di 72 milioni all’anno.

Il sito della CNN (https://edition.cnn.com/travel/article/airports-opening-2019/index.html) dedicato ai viaggi presenta spettacolari fotografie e disegni di alcuni nuovi aeroporti, progettati da architetti famosi e destinati a intrattenere durante le soste numeri crescenti di viaggiatori con ambienti molto confortevoli (ed energeticamente insostenibili) a Israele, Singapore, Istanbul, New Orleans, Pechino… Anche in Europa sono in fase di costruzione o ampliamento vari aeroporti, alcuni dei quali sono sede di controversie per le proteste di gruppi ambientalisti e di comunità locali.

Il caso di Londra e gli accordi di Parigi

L’aeroporto di Heathrow nei pressi di Londra è il più trafficato d’Europa, con 71 milioni di passeggeri internazionali all’anno. La dimensione attuale (12.27 kmq) limita le sue potenzialità, tanto che fin dagli anni 1970 dei piani di ampliamento sono stati presentati e discussi dai successivi governi della Gran Bretagna.

È recente l’approvazione finale di un piano di espansione, che consentirebbe di ampliare l’area di altri 3 kmq. Ma il progetto ha suscitato le proteste di numerosi soggetti: è prevista infatti la demolizione di 800 case nei villaggi di Longford, Harmondsworth e Sipson. Gli ambientalisti hanno sottolineato i problemi di inquinamento per l’aumento delle emissioni. Sono stati espressi anche pareri contrari per motivi economici: sarebbe infatti necessaria la costruzione di una nuova, costosa linea ferroviaria di collegamento. Sono state presentate denunce da parte dei municipi di alcuni paesi (Wandsworth, Richmond, Hillingdon, Hammersmith e Fulham), con l’appoggio di Greenpeace e del sindaco di Londra, Sadiq Khan, che sostengono che l’espansione dell’aeroporto di Heathrow causerebbe gravi danni ambientali e minacce alla salute pubblica per l’aumento dell’inquinamento atmosferico.

Anche l’associazione Friends of the Earth ha presentato ricorso contro la decisione del governo, accusandolo di non rispettare gli accordi sul clima presi a Parigi nel 2015. Il direttore di questa associazione ha commentato: «Siamo nel pieno di un’emergenza ecologica e climatica, e il parlamento inglese ha preso una decisione fuori tempo. […] Come possiamo prendere sul serio un governo che da un lato dichiara di essere attivo nell’affrontare il cambiamento climatico, e dall’altra approva questo progetto di espansione di Heathrow? […] Continueremo a lottare, perché non si tratta solo di un aeroporto, si tratta di progettare un futuro adeguato per i nostri figli».

Sostenibilità e modelli di sviluppo

Il caso dell’aeroporto di Heathrow è esemplare per mettere in luce l’inconciliabilità di due prospettive: da un lato un modello di sviluppo che non riconosce limiti alle esigenze di ‘modernità’, con una crescita esponenziale di commerci, consumi, viaggi… dall’altra un’idea di auto-limitazione delle attività umane, per rispettare le esigenze vitali degli altri viventi e accettare i limiti del pianeta. Ai confini con la prevista area di espansione dell’aeroporto si trova uno dei Parchi più noti e più frequentati del Regno Unito: il Richmond Park. Nei documenti relativi all’approvazione dell’estensione dell’aeroporto viene specificato che sono previsti – al sopra dell’area del Parco a un’altezza inferiore a 900 metri – 47 arrivi all’ora, e tra 17 e 47 partenze. Le associazioni ambientaliste sostengono che l’inquinamento acustico e chimico sarebbe disastroso, sia per i viventi ospitati in quest’area protetta (in particolare specie rare di animali notturni protetti: uccelli e pipistrelli) sia per i 5 milioni e mezzo di visitatori che ogni anno lo frequentano.

Vantarsi del treno… tornare ‘lenti’

Tiziano Terzani, ascoltando le parole di un indovino che gli consigliava di non prendere aerei nel 1992 per non rischiare la vita, decise (pur continuando la sua attività di giornalista) di intraprendere un viaggio in Asia senza volare. Ne nacque un libro – Un indovino mi disse –  e Terzani così commentò questa sua  avventura: «Appena si decide di farne a meno, ci si accorge di come gli aerei ci impongono la loro limitata percezione dell’esistenza; di come, essendo una comoda scorciatoia di distanze, finiscono per scorciare tutto: anche la comprensione del mondo».

Vantarsi del treno, dunque (tagskryt per gli svedesi), può essere una scelta ricca di sorprese positive: la ricerca della sostenibilità (ambientale e non solo) può aprire nuove e interessanti prospettive.

 Alla velocità dell’aereo si può preferire un mezzo di trasporto più lento e trovarsi in compagnia di altri gruppi  che hanno compiuto scelte simili: slow food, slow tech, slow science, slow news… C’è anche la possibilità di vivere la montagna a bassa velocità: lo propone la Compagnia dei Cammini, associazione di turismo responsabile, che per l’estate 2019 propone percorsi a passo lento, per «per vivere l’alta quota in modo alternativo, senza conquistare vette ma riscoprendo quelle energie che la potenza della montagna sa evocare».

Davide Mazzocco nel suo recente libro, Cronofagia (Editore D, 2019), sostiene che nel prossimo futuro il valore del tempo dovrà essere messo «al centro della politica, delle decisioni sul Welfare, della pianificazione urbana e dell’organizzazione del lavoro».

Una componente importante della transizione alla sostenibilità, dunque, può essere quella di limitare la velocità: rallentare può diventare una parola chiave per orientare le nostre scelte (individuali e collettive) in tanti ambiti, e offrirci inaspettate e gradite sorprese.

NOTE

Slow food: una ormai famosa associazione internazionale no profit impegnata a ridare valore al cibo, nel rispetto di chi produce, in armonia con ambiente ed ecosistemi.

Slow tech: il nome di un gruppo di studio attivo presso il CSSR dal 2016, che propone per l’autunno prossimo un corso di formazione proprio su questo aspetto.

Slow science: una riflessione sui ritmi e sui rischi dell’attuale tecno-scienza. Una studiosa belga, Isabelle Stengers, con il suo libro Another Science Is Possible. A Manifesto for Slow Science (2016) offre una lettura interessante sulle implicazioni di una ricerca scientifica sempre più incalzata dalle esigenze della società (e dell’economia…) che richiede continui e rapidi input per alimentare l’innovazione.

3 risposte a “La ‘vergogna’ di volare?! | Elena Camino”

  1. parole sagge e lungimiranti! Stiamo cercando di fare un viaggio in treno da Torino a Lisbona ed è un mese circa che aspettiamo di avere i biglietti…è quasi impossibile, ma bisogna insistere!!!

Rispondi a angela Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.