Verità dissepolte: Israele, la Nakba, e il Fondo Nazionale Ebraico (KKL)

Moving Forward Magazine coraggiosamente rammenta agli ebrei americani [USA] la realtà della Nakba, gli slogan e i simboli del progetto ebraico che premise l’espulsione di massa e la pulizia etnica del popolo palestinese – e le politiche che permettono di continuare oggi.La nostra speranza è che le comunità pro-Israele si confrontino onestamente con la storia e l‘attuale situazione in quella terra, e si avviino verso la giustizia.

Una delle innumerevoli foto di palestinesi in fuga dalle proprie case durante la Nakba – Catastrofe – del 1948 quando furono espulsi dalla loro terra dal neonato stato di Israele.

1 maggio 2018: Presentiamo questo numero special di Moving Forwardper commemorare il 70° anniversario della Nakba, ‘catastrofe’ in arabo, cioè l’espulsione e l’esproporio di 750.000 palestinesi dalla loro patria durante la creazione di Israele (1947-1949).

Esponiamo qui I documenti storici di qegli anni per mostrare che la Nakba fu il risultato di una politica deliberate di espulsione, esproprio, e pulizia etnica di massa — una strategia diesignata per assicurarsi che i palestinesi, vissuti per generazioni su questa terra, fossero impediti dal tornarci. Ci concentriamo anche sul ruolo fondamentale avuto dall’organizzazione internazionale sorta 117 anni fa e nota negli USA come Fondo nazionale ebraico (JNF), nel facilitare tale esproprio.

Gli ebrei americani solevano metter monete nei salvadanai blu del JNF per aiutare I sionisti ad istituire lo stato ebraico. Oltre un secolo dopo il JNF, noto in ebraico e operative in Israele come Keren Kayemeth LeIsrael (KKL), possiede 13% di tutta la terra del paese ed introita circa 3 miliardi di $ all’anno, perlopiù da vendite fondiarie.

Nostro obiettivo è che ci sia una seria valutazione morale di questa storia, che inizia con quell’ icona d’innocenza, il salvadanaio blu metallico che molti nostri lettori ricorderanno dalla propria infanzia, che c’invitava a offrire qualche moneta per aiutare a “far sì che il deserto fiorisse” e a costruire la terra d’Israele. Era una missione legittimata dal principio direttivo della causa sionista: “Una terra senza popolo per un popolo senza terra”; slogan seduttivo quanto deliberatamente falso, come ampiamente documentato da testimonianze personali di palestinesi e di israeliani, reperti storici, e ricerche accademiche. Dopo tutto, come potevano fuggire da “una terra senza popolo” 750.000 palestinesi?

Dalla sua fondazione il JNF/KKL è stato incoraggiato dal movimento sionista ad acquisire terra in Palestina allo scopo d’insediarci ebrei. Dopo il 1948, aiutato e spalleggiato dalla legge fondiaria israeliana, il JNF/KKL ha continuato ad acquisire terra contribuendo anche all’esproprio israeliano dei palestinesi dalla loro terra, cosa conseguita comprando strisce di terra da proprietary assenteisti e affittandola esclusivamente ad ebrei, confiscando terra ai profughi, e scacciando forzatamente — spesso violentemente — i palestinesi dalle proprie terre, pratica che persiste tuttora. Continuando a programmare foreste che nascondono le rovine di villaggi palestinesi, il JNF/KKL cerca di cancellare storia e memoria, sperando intanto di dissimularne i motivi politici e di avvalorare la sua recente marchiatura da organizzazione ambientalista. Ironicamente, però, si è procurato una diffusa condanna internazionale per il degrado inflitto all’ecosistema naturale.

Mentre quest’anno segna il 70° anniversario degli avvenimenti catastrofici del 1948, sappiamo anche che le politiche che informavano allora le azioni di Israele e del JNF/KKL continuano attualmente. Con questo numero speriamo di evidenziare il rapporto fra la Nakba e il JNF/KKL; di incoraggiare un discorso più approfondito sulle esperienze e le realtà dei palestinesi prima, durante e a partire dalla creazione di Israele; e di facilitare fra le comunità ebraiche USA – e oltre – una riflessione e un’analisi onesta e coerentemente un’azione verso l’ammissione della verità e la giustizia.

******

© 2018 Moving Forward

Vai all’originale: fowardd.com

The Editors | Moving Forward Magazine – TRANSCEND Media Service

Titolo originale: Unearthing Truths: Israel, the Nakba, and the Jewish National Fund

Traduzione di Miki Lanza per il Centro Studi Sereno Regis

 

Unisciti alla campagna BDS-Boicottaggio, Disinvestimento, Sanzioni per protestare contro il barbaro assedio israeiano di Gaza, l’occupazione illegale del territorio della nazione palestinese, il muro di apartheid, il suo trattamento umano e degradante del popolo palestinese, e la detenzione arbitraria nelle prigioni israeliane di oltre 7.000 uomini, donne, anziani e ragazzini.

NON COMPRARE PRODOTTI CON CODICE A BARRE CHE INIZIA PER 729, che indica che è prodotto in Israele.

FAI LA TUA PARTE! FAI LA DIFFERENZA! 7 2 9: BOICOTTAGGIO PER LA GIUSTIZIA!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *