Prete e cittadino | Segnalazione di Elsa Bianco

Don Piero Gallo, Prete e cittadino, La fontana di Siloe (un marchio Lindau), Torino 2016, pp. 116, € 13,00

Prefazione di Ermis Segatti

Don Piero Gallo, a lungo attivo nel Sud del mondo – è stato missionario in Kenya per dodici anni – prima di diventare un protagonista della rinascita del quartiere multietnico di San Salvario, a Torino, riflette in questo libro sulle qualità che un prete dovrebbe possedere per svolgere al meglio il suo ministero in una società complessa come la nostra.

Per don Gallo, il buon sacerdote oggi più che mai necessita non solo di una solida preparazione spirituale e culturale, ma anche di un costante allenamento alla leadership che lo porti ad acquisire la capacità di guidare la sua comunità, di assumere le responsabilità, di risolvere i conflitti, di ascoltare le esperienze più diverse e di non giudicare in modo aprioristico.

Basandosi sulla sua lunga esperienza nel territorio, don Gallo sottolinea l’importanza di una vita pubblica attiva per i sacerdoti, invitati ad essere sempre di più cittadini a pieno titolo e a rendere le parrocchie centri dove si sperimentano la solidarietà e l’impegno sociale, oltre che luoghi della formazione cristiana e umana.

Don Piero Gallo, nato a Cavallermaggiore nel 1937, è stato ordinato sacerdote nel 1961. Dopo aver fondato la parrocchia della Resurrezione a Torino, è stato inviato in Kenya, dove ha fondato la missione di Lodokejek presso la tribù dei Samburu. Nel 1992 il Cardinale Giovanni  Saldarini gli ha affidato la parrocchia dei Santi Pietro e Paolo Apostoli, nel quartiere San Salvario di Torino, che ha lasciato nel 2012. Nel 2004 è stato insignito del premio European Common Ground Award per il suo operato nella risoluzione dei conflitti sociali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *