Con l’acqua alla gola | Recensione di Giorgio Cingolani


cop_Daniele Pernigotti, Con l’acqua alla golaDaniele Pernigotti, Con l’acqua alla gola, Giunti, Milano 2015, pp. 192, € 10,00

La tesi fondamentale di questo piccolo libro è la necessità di una responsabilizzazione individuale per affrontare la grande emergenza del riscaldamento globale. Una emergenza che stravolgendo tutti gli equilibri ecologici renderà sempre più difficile la vita nel nostro pianeta.

L’autore, un pubblicista ma anche un attivista su tutti i temi ecologici, ci riassume gli aspetti essenziali del riscaldamento globale con le dure conseguenze dei suoi effetti sul cambiamento del clima: documenta con efficacia, rinviando a frequenti citazioni di risultati di ricerca e documenti istituzionali, le cause dell’emergenza e presenta anche soluzioni efficaci e praticabili.

Nella Prima parte del libro viene affrontato il tema della consapevolezza e inoltre viene mostrata la connessione tra questo grande e irreversibile processo e i nostri comportamenti e azioni individuali. La disamina delle problematiche ambientali comprende anche una indicazione dei responsabili: gli scienziati negazionisti, i mezzi di comunicazione che spesso diffondono moltiplicandole le false notizie, i gruppi di pressione legati ai grandi gruppi finanziari, i politici legati a visioni economiche della crescita lineare e illimitata.

Non si trascura, nella denuncia, la scarsa educazione ambientale dei cittadini.

Nella Seconda parte l’autore affronta la questione del “Che fare” ribadendo il concetto che “ogni cambiamento potrà aver luogo solo a partire dalla piena assunzione delle proprie responsabilità personali attuando comportamenti coerenti nella propria vita”. Esistono soluzioni efficaci e praticabili, ma ognuno deve essere parte attiva della transizione, stimolando consapevolezza e azione da parte degli altri.

La soluzione al problema del cambiamento climatico impone un’azione ampia, capace di modificare i consumi di energia, che richiede interventi specifici a molti livelli: internazionale, statale, locale, economico e individuale. L’autore documenta con sufficiente dettaglio i vari tentativi a livello globale (unfcc-United Nations Framework Convention on Climate Change).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *