La diaspora palestinese crea un nuovo organismo politico | Ali Younes


Gli organizzatori della conferenza istituiscono un nuovo gruppo per rappresentare le comunità della diaspora e lottare per diritti migliori ai palestinesi.

palestina conferenza


Istanbul, Turchia. Dopo due giorni di incontri qui, gli organizzatori del congresso palestinese all’estero hanno istituito un nuovo organismo politico per rappresentare le comunità della diaspora palestinese e lottare per diritti migliori ai palestinesi.

I leader della conferenza hanno detto domenica scorsa di aspirare a giocare un ruolo maggiore nella lotta contro l’occupazione di Israele dei territori palestinesi, insieme e parallelamente all’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP). Hanno insistito nel dire che la loro nuova organizzazione non mira a sostituire l’OLP – l’organizzazione che rappresenta il popolo palestinese fin dal 1964.

“Stiamo cercando di creare una struttura di sostegno per essere una risorsa per l’OLP, non contro di essa” ha affermato Ribhi Halloum, un ex-ambasciatore dell’OLP.

Nonostante non abbia ancora un nome formale, la nuova organizzazione ha richiesto la fine dell’accordo di Oslo firmato tra Israele e l’OLP nel 1993, la ristrutturazione dell’OLP su una base più rappresentativa per tutti i palestinesi, e la formazione di un Consiglio Nazionale Palestinese democraticamente eletto, che sarebbe il corpo / l’ente legislativo dell’ OLP in esilio.

I leader del congresso hanno dichiarato che l’accordo di Oslo ha distrutto la’ OLP e ha creato una nuova classe di leader palestinesi nei territori occupati, proni/grati unicamente alla volontà dei militari di Israele.

La dichiarazione finale letta da Anis Al-Qasem, uno studioso di legge, biasimava i leader dell’OLP per aver dissipato i diritti storici palestinesi in accordi con Israele, il che si dice abbia prolungato l’occupazione israeliana e peggiorato la sofferenza palestinese.

Hanno anche asserito il diritto dei palestinesi di resistere all’occupazione israeliana, richiesto il ritorno dei rifugiati alle loro case e città della Palestina storica e hanno detto che si sarebbero sforzati per la costituzione di uno stato palestinese.

Mounir Shafiq, uno studente palestinese, ha affermato che mentre i palestinesi hanno diritto su tutta la Palestina storica per una questione di principio, non è obbligatorio per le singole comunità della diaspora aderire a questa visione.

“Le comunità della diaspora palestinese sono libere di lavorare all’interno delle norme dei loro paesi adottivi” ha detto Shafiq, che capeggierà il Segretariato Generale del congresso di nuova istituzione.

Khalid Turaani, un portavoce della conferenza, ha detto che mentre i palestinesi insistitevano sul loro diritto di tornare alle loro terre, era compito degli / toccava agli israeliani quello di decidere il loro futuro, non dei palestinesi.

Fatah, la fazione palestinese principale, ha emesso una dichiarazione domenica scorsa, nella quale attacca la conferenza accusandola di essere ”un tentativo di dividere il popolo palestinese”.

Altre piccole fazioni situate a Ramallah, hanno criticato il congresso chiamandolo “un attacco all’OLP”.

“Questo genere di critica è infondato. Noi come diaspora palestinese abbiamo il diritto di organizzarci e di raccontare ai leader palestinesi tradizionali quello che pensiamo sia il miglior modo di procedere” ha detto Ziyad al Aloul, il portavoce della conferenza.

La conferenza ha istituito una commissione generale capeggiata dallo storico palestinese Salman abu Sitta e Majed al-Zeer, un attivista britannico, Naela al-Waari uno studioso e attivista dei diritti delle donne e Saif Abu Kishah, un giovane attivista, come suoi tre vice.

I leader del Congresso hanno affermato che questa non è un’altra fazione palestinese, piuttosto, un’organizzazione indipendente aperta a tutti i palestinesi.

La nuova organizzazione sarà situata a Beirut, in Libano.


Al Jazeera, NEWS HUMAN RIGHTSPalestinian diaspora creates new political entity

Traduzione di Sabrina Latino per il Centro Studi Sereno Regis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *