Sgombero a Standing Rock | Pressenza New York


Sgombero a Standing Rock
(Foto di Rob Wilson https://www.facebook.com/CampOfTheSacredStone/?fref=ts)

In seguito all’ordine esecutivo emanato dal governatore repubblicano del North Dakota Doug Burgum per l’evacuazione dell’Oceti Sakowin Camp a Standing Rock entro il pomeriggio del 22 febbraio, ieri la maggior parte degli attivisti ha lasciato il campo in mezzo a poliziotti in tenuta anti-sommossa. Dieci attivisti sono stati arrestati nelle vicinanze del campo.

Darren Begay, l’organizzatore delle strutture in stile Navajo all’Oceti Sakowin Camp, ha raccontato a Indigenous Rising Media di essersi consultato con gli anziani delle sue terre ancestrali man mano che lo sgombero forzato si avvicinava. Visto il comportamento passato della polizia, che durante i raid nel campo aveva rotto e gettato via oggetti sacri e mancato di rispetto ai tipis e ai luoghi sacri, tutti hanno concordato che era meglio bruciare queste strutture, piuttosto che lasciarle profanare dagli agenti della Contea di Morton e del North Dakota.

Appiccare il fuoco alle nostre dimore è un segno di rispetto per lo scopo a cui sono servite negli ultimi mesi” ha spiegato Begay. “Hanno ospitato preghiere e riunito persone. Incendiandole inviamo in alto il loro fumo come preghiere e ci assicuriamo che se ne vadano con dignità.”

standing rock sgombero 02Tom Goldtooth, Direttore Escutivo di Indigenous Environmental Network, ha rilasciato questa dichiarazione: “Siamo inorriditi dallo sgombero forzato dei nativi a Standing Rock. Si tratta di una violazione violenta e inutile del diritto costituzionale di protestare ed esercitare la libertà d’espressione da parte dei protettori dell’acqua. Lo sgombero intralcia le operazioni di pulizia e crea confusione e caos, mettendo a rischio d’inquinamento il fiume Missouri a causa dei resti delle costruzioni e degli accampamenti.  

L’espulsione di oggi è la continuazione di una pratica vecchia di secoli, con il governo americano che scaccia con la forza i popoli indigeni dalle loro terre. Incitiamo i sostenitori dei protettori dell’acqua a resistere  a questa farsa organizzando mobilitazioni di massa, azioni diffuse, proteste contro le violazioni dei diritti sanciti dai trattati della tribù Sioux Standing Rock e del Consiglio dei Sette Fuochi della nazione Sioux e continuando ad alimentare le azioni legali e l’organizzazione di base contro l’oleodotto Dakota Access

I nostri cuori non sono sconfitti. La chiusura del campo non significa la fine del movimento e della lotta, ma un nuovo inizio. Non potranno spegnere il fuoco acceso a Standing Rock, un fuoco che arde in ognuno di noi. Ci solleveremo, resisteremo e cresceremo. Oggi inviamo pensieri d’amore ai protettori dell’acqua lungo le rive del fiume  Cannonball. Che ognuno possa essere al sicuro per quanto possibile”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *