Sta terra tanto amata


Sta terra tanto amata
e’ na terra maltrattata,
dagli ebrei colonizzata
ma mai abbandonata.
I palestinesi che la vivono
so coscienti dell’antidoto,
e co’ forza e resilienza
resistono alla violenza.

Tra terre confiscate
e vite massacrate,
resiste la speranza
de pone fine a sta mattanza.
De vive vita vera
e non sentisse piu’ in galera,
de vive in uno stato
che non e’ poi cosi’ malato.

Nell’indifferenza generale
qui la gente muore male,
uccisa da un soldato
o da un colono pure armato.
De veleno li riempiono
e co paura li fomentano,
creando poi la rabbia
che giustifica sta gabbia.

Quanno i bambini vanno a scuola
er core arriva in gola,
e pe passa’ tra la colonia
so costretti a fa na sola.
Dai soldati so scortati
pe non esse malmenati,
pe non esse poi assaltati
o addirittura eliminati.

Stessa cosa pei pastori
che so attaccati dai coloni,
qui non ce stanno i militari
a difenne sti bovari,
so inermi contro ai folli
che l’assaltano coll’armi,
so soli su sti colli
e ne subiscono i malanni.

Le aree poi occupate
so in 3 parti separate,
tra israele e palestina
in teoria so amministrate,
ma si cammini pe le strade
vedi intorno solo grate,
e tra torri e muri immensi
agli accordi nun ce pensi.

Dimme te se e’ vita questa
tra galera e na protesta,
e co israele che fa festa,
della pace poi che resta.
E’ na vita de violenza
che te logora la testa,
che je rubba l’innocenza
a ‘n bambino che gli spetta.

Nessuno dice niente
perche’ israele e’ er piu’ potente,
e tra gli stati occidentali
so figli degli americani,
pe difenne l’interessi
se nascondono l’eccessi,
er monno pare sordo
quanno sotto ce sta er soldo.

Ma arriva prima o poi
la rivolta de st’eroi,
pe vive con diritto
in uno stato senza affitto,
pe vive co la gioia,
pe vive senza noia,
pe vive in liberta’
senza paura de crepa’.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *