Sì… viaggiare…

… cantava Lucio Battisti nel suo album del 1977 Io, Tu, Noi, Tutti (titolo che fa pensare all’interdipendenza, non trovate?)

… certamente non volare ma viaggiare…

La canzone si riferiva al fatto di “volare” nel senso di andare forte; io invece intendo la frase letteralmente: si può viaggiare senza volare (anzi, si deve).

Il treno batte l’aereo con il 91 per cento di Co2 in meno

Sono solo 44 grammi per chilometro, le emissioni inquinanti del treno a fronte di 118 dell’auto, 140 dell’aereo e 158 dei camion.

www.fsnews.it

/nas/wp/www/cluster 41326/cssr/wp content/uploads/2015/08/treno indiano

 

Volare inquina sempre di più

L’inquinamento dovuto al traffico nei cieli è in netto aumento negli ultimi anni. Il cherosene, carburante di origine fossile usato per alimentare gli aeromobili, è molto inquinante. Il traffico dei cieli è la fonte di emissioni di gas serra che cresce più in fretta, e per questo oggi è tra le minacce più gravi per il nostro ambiente. I voli generano milioni di tonnellate di Co2 l’anno e sono responsabili del 3% delle emissioni globali di gas serra in Europa, ma quello che preoccupa è il loro costante aumento. Gli scarichi dei motori contribuiscono al riscaldamento globale e influiscono sui cambiamenti climatici. Infatti rilasciano ossidi di azoto, anidride solforosa e vapore acqueo nella troposfera e questi composti contribuiscono alla formazione di piogge acide. L’aviazione è responsabile anche della dispersione di tonnellate di polveri sottili in atmosfera. […] Una regolamentazione delle emissioni dei voli si è resa ormai necessaria, visto che volare inquina non solo in cielo, ma purtroppo anche a terra. L’inquinamento acustico, per esempio, è troppo sottovalutato. Lo sa bene chi abita vicino agli aeroporti, ormai sempre più numerosi, che interferiscono con la qualità della vita dei cittadini.

www.altroconsumo.it 

Con coraggio gentilmente, gentilmente, dolcemente viaggiare

Se abbiamo deciso di non prendere un aereo, ma vogliamo ugualmente muoverci per le vacanze, allora forse guideremo la nostra automobile (speriamo insieme ad altri, nello stesso abitacolo!). Allora ecco qui uno scritto del Ministero dell’economia (! Ci pensa il Ministero e non vogliamo farlo noi?)

Le regole per una guida ecocompatibile (ecodriving

Una guida intelligente e una corretta manutenzione dell’autovettura consentono di ridurre i consumi e le emissioni di Co del 10-15 % migliorando anche la sicurezza sulla strada. In sintesi si riportano, qui di seguito alcune indicazioni utili per ridurre i consumi di combustibile, le emissioni di Co2 e migliorare la sicurezza sulla strada.

1) Accelerare con dolcezza

2) Inserire al più presto la marcia superiore

3) Mantenere una velocità moderata e il più possibile uniforme

4) Guidare in modo attento e morbido evitando brusche frenate e cambi di marcia inutili

5) Spegnere il motore quando si può

6) Cambiare l’olio al momento giusto e smaltirlo correttamente

7) Mantenere gli pneumatici in pressione

8) Rimuovere porta-sci o portapacchi subito dopo l’uso e trasportare solo gli oggetti indispensabili

9) Utilizzare i dispositivi elettrici solo per il tempo necessario

Ministero dello sviluppo economico, Guida al risparmio di carburante ed alle emissioni di Co2 delle autovetture

www.mit.gov.it

…e di notte con i fari illuminare chiaramente la strada per saper dove andare

E soprattutto per non schiacciare i moltissimi animali, a volte utilissimi (pensiamo ai porcospini), che muoiono sulle strade (che una volta erano il loro territorio, e siamo noi gli invasori). È praticamente impossibile stimare quanti animali muoiano sulle strade a causa dei veicoli che le percorrono. Ma alcuni animalisti di Capua (in provincia di Napoli) hanno fatto dei rilevamenti, concludendo che in un’area di 20 chilometri quadrati muoiano tra i 1400 e i 1500 animali all’anno (3-4 ogni giorno).

…gentilmente senza fumo con amore…

Oppure abbiamo deciso di non andare nemmeno in auto, ma di scegliere la bicicletta? Ecco altri dati e consigli dal sito www.tmcrew.org:

1. L’esercizio sportivo ti aumenterà la durata della vita del tempo che hai impiegato nel farlo. Così se passi un’ora sulla tua bici hai aggiunto un’ora alla tua vita (fonte “Health Club Television”, “Muscle and Fitness”, “Men’s Health” e “Berkeley Wellness Encyclopedia”).

2. Gli automobilisti, all’interno delle loro macchine sono sottoposti a un inquinamento 18 volte maggiore rispetto a quello dell’ambiente, approssimativamente 90 metri dalla strada. Chi va in bici sceglie strade con poche automobili […] e non rimane bloccato nell’abitacolo con gli inquinanti […].

3. Chi va in bici sostanzialmente respira metà degli inquinanti di una macchina (stimato “per respiro”).

[…] 5. In generale (questo spesso non è vero nelle metropoli), chi va in bici ci mette di più di chi va in macchina, così chi va in bici è esposto all’inquinamento per un periodo di tempo più lungo.

Motivo in più per cercare di andare in automobile il meno possibile!

… con un ritmo fluente di vita nel cuore…

Viaggiare con “un ritmo fluente nel cuore” nel nostro caso significa che se, nonostante tutto, non intendiamo rinunciare alle vacanze in altri Paesi, possiamo almeno far attenzione ad alcuni particolari che riguardano “gli altri” (popoli, è sottinteso). Ci vengono in aiuto alcune organizzazioni, tipo queste, da conoscere prima di organizzare qualunque viaggio:

Viaggi solidali

c.so Regina Margherita, 205/a

10144 Torino

011.4379468

www.viaggisolidali.it

Associazione Italiana Turismo Responsabile

v.le Aldo Moro, 16

40127 Bologna

051.509842

www.aitr.org

Quest’ultima organizzazione ha stilato un’interessante Carta d’identità per viaggi sostenibili, da cui traggo alcuni “princìpi-base”:

  1. Chiediti perché viaggi: è importante saperlo […]

3.    Fatti spiegare dal tuo agente di viaggio qual è la sua etica

  1. Chiedi quale percentuale del prezzo del viaggio va alle comunità ospitanti
  2. Metti in valigia lo spirito di adattamento
  3. Lascia a casa le certezze […]
  1. Non chiedere privilegi o pratiche che causino impatto negativo […]
  1. Prima di effettuare scatti o riprese video chiedi il permesso […]
  1. Non cercare l’esotico, cerca l’autentico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *