Leggere e agire

È ricominciato – ed è già finito – il programma di Maurizio Costanzo. Non avete sbagliato rubrica, non siete in un giornale di programmi televisivi. È che a Maurizio Costanzo “devo” il titolo del mio ultimo libro sulla semplicità volontaria: Consigli contro gli acquisti. Come forse sapete, il Costanzo usava e usa dire, per “mandare” la pubblicità, la frase che è diventata famosa: “Consigli per gli acquisti”. Ora che siamo di nuovo vicino all’estate, e ci ri-siamo con il problema dell’acqua, ho pensato di scrivere una Pillola tutta contro gli acquisti (in azzurro tutto ciò che riguarda l’acqua). E approfitto dell’occasione per annunciare che c’è una vendita straordinaria del mio ultimo libro, con un prezzo specialissimo – parte dell’incasso andrà anche al Centro Studi Sereno Regis. Per acquistarlo potete rivolgervi al Centro Studi Sereno Regis (011 532824).

Nel libro c’è un intero capitolo “sul comprare”, con liste di prodotti da non comprare; e c’è un capitolo che s’intitola “Perché no” e spiegazioni sul perché non bisogna comprare, per esempio, il tonno.

Poco tempo fa, inoltre, su questa “newsletter” è stato pubblicato un bell’articolo di Francuccio Gesualdi (del Centro Nuovo Modello di Sviluppo di Vecchiano, anche editore della Guida al consumo critico), da cui traggo le indicazioni qui sotto.

/nas/wp/www/cluster 1313/cssr/wp content/uploads/2015/05/compagnie big10 business insider 7 luglio 2014

Vi consiglio di stamparle e portarvele sempre dietro, perché non è possibile ricordarsi quali e quante aziende sono da boicottare, soprattutto i numerosi “addentellati”: chi sa che gustando un gelato Carte d’Or finanzia una multinazionale tremendissima come la Unilever? O che mangiando uno yogurt permette alla Danone di imperversare con comportamenti inaccettabili? Leggete qua (senza badare alle date, per la maggior parte dei casi è ancora così!):

Cosa combina nel mondo la Unilever

Regimi oppressivi: ha filiali in Brasile, Colombia, Egitto, El Salvador, Guatemala, Honduras, India, Indonesia, Kenya, Messico, Marocco, Perù, Filippine, Senegal, Sri Lanka, Turchia e Uganda.

Relazioni sindacali: nel giugno 1989 i lavoratori della Gessy Lever a San Paolo, Brasile, occuparono la fabbrica per rivendicare paghe e condizioni di lavoro migliori; 87 di loro furono licenziati. Sebbene poi i lavoratori ricevettero un aumento di paga, la direzione mancò di riconoscere il consiglio di fabbrica eletto dai lavoratori e ottenne un ordine dalla Corte Suprema che impediva ai membri del sindacato di interferire con la produzione e distribuzione di merci.

Diritto alla terra: Unilever ha una grande fabbrica di tè a Pazar nella Turchia Orientale, un’area dalla quale la gente, la maggior parte Kurdi, è stata espulsa secondo uno schema di sviluppo deciso dal Governo Turco.

Ambiente: la compagnia è stata multata per 5.000 sterline nel 1990 per il rilascio di 50 tonnellate di acido solforico concentrato dalla sua fabbrica Crossfield Chemicals a Warrington (Gran Bretagna). Secondo il Registro dell’Autorità Nazionale dei Fiumi, nel periodo gennaio-marzo 1991 la compagnia ha superato gli scarichi consentiti tre o più volte. Inoltre, tra l’1-9-1989 e il 31-8-1991 la compagnia fu dichiarata colpevole di inquinamento delle acque.

Consigli contro gli acquisti 1

DETERSIVI: Coccolino, Omo, Bio Presto, Svelto, Vim, Cif, Lysoform, Surf

SAPONETTE: Lux, Dove, Rexona

SPAZZOLINI: Gibbs

DENTIFRICI: Durban’s, Benefit, lose-up Pepsodent, Mentadent

CREME: Leocrema, Cutex

SHAMPOO: Clear, Elidor, Axe, Denim, Dimension, Dove, Timotei

COSMETICI: Atkinson

PROFUMI: Fabergè, Brut 33

ALIMENTARI: Milkana, Gradina, Rama, Maya

MARMELLATA: Althea

GELATI: Algida, Carte d’Or, Eldorado, Magnum, Solero, Sorbetteria di Ranieri

SURGELATI: Findus, Genepesca, Igloo

OLIO: Bertolli, Dante, Friol, Maya

MAIONESE: Calvè, Mayò, Top down

TÈ: Lipton, Tè Ati

per informazioni controllate il sito:

http://www.tmcrew.org/csa/l38/multi/microsoft/index1.htm

E la Danone, che combina?

Le notizie provengono dalla Guida al consumo critico, del Centro Nuovo Modello di Sviluppo, disponibile presso la Biblioteca del Centro Studi Sereno Regis di Torino. Il Centro Nuovo Modello di Sviluppo di Pisa, coordinato da Francesco Gesualdi, pubblica ogni anno la Guida al consumo critico, Edizioni Emi, che raccoglie informazioni riferite a 170 gruppi italiani ed esteri presenti con i loro prodotti nei supermercati italiani. Tra questi, naturalmente, trova spazio anche il Gruppo Danone, di cui vi proponiamo una sintesi del testo contenuto nella guida.

Multinazionale alimentare di origine francese, il Gruppo Danone è presente oggi in 27 paesi. Sorta nei primi anni Sessanta come produttrice di contenitori di vetro, nel giro di una quindicina di

anni è divenuta una dei colossi mondiali dell’alimentare e delle bevande.

La proprietà del gruppo è frammentata fra oltre 140 mila azionisti, i principali dei quali sono i banchieri Lazard, la famiglia Agnelli e la società di assicurazione Axa. […] Negli ultimi anni è diventata leader nelle acque minerali negli Stati Uniti [secondo operatore dopo la Nestlè], in Argentina, in Cina, e in Indonesia. […] Ha un accordo strategico mondiale con Coca-Cola per la produzione e la commercializzazione di succhi di frutta.

In Italia Danone opera attraverso varie società: Danone, Egidio Galbani, Gelaz, Italaquae, Saiwa, Sorgente Santagata, Birra Peroni. […] Da vari anni gli stabilimenti della sua controllata inglese HP Foods

inquinano gravemente l’ambiente circostante [secondo l’associazione ambientalista “Hall of shame”, la HP Foods occupa il settimo posto nella graduatoria delle imprese manifatturiere inglesi più inquinanti].

Per quanto riguarda i diritti dei lavoratori dipendenti, la strategia della Danone ha previsto negli ultimi anni una graduale chiusura degli stabilimenti meno redditizi e l’accorpamento dei piccoli, e la

riduzione del personale. Nonostante nel 1996 e nel 1997 avesse firmato col sindacato internazionale due accordi che la impegnavano a informare i sindacati ed a concordare con essi i piani di

ristrutturazione, nel giugno 1998, si è aperto un grave scontro in Francia in occasione della ristrutturazione dello stabilimento di Sant-Meloin.

Consigli contro gli acquisti 2

ACQUE MINERALI: Ferrarelle, Igea, Antica Fonte, Boario, Fausta,Vitas

YOGURT E AFFINI: Yogurt Danone, Vitasnella, Actimel, Danito, Danette

BISCOTTI E AFFINI (Saiwa): Ritz, Oro Saiwa, Oro Ciok, Crackers Premium Saiwa, Cipster, Biscotti Tuc, Pansaiwa, Urrà, Biscotti Vitasnella, Dolcezze del mondo, Le Frolle, Wafer Saiwa, Biscotti Prince

ALTRI PRODOTTI (gruppo Galbani): Vallelata Galbani, Mozzarella Santa Lucia, Galbanino, Bel Paese, Certosa

Nestlè, boicottata da sempre

La Nestlè è attualmente oggetto di un boicottaggio mondiale per la pubblicità irresponsabile del latte in polvere, e L’Oreal per i test sugli animali.

I prodotti:

BEVANDE: Nescafè, Nesquik, Nestea, Orzoro, Beltè, Chinò, Mirage, Nestea, One-o-one, SanBitter

ACQUA MINERALE: Claudia, Giara, Giulia, Limpia, Lora Recoaro, Pracastello, Sandalia, Tione,Perrier, Vittel, Acqua Vera San Bernardo, S. Pellegrino, Panna, Levissima, Pejo, Ulmeta

DOLCI: Smarties, Kit Kat, Galak, Lion, After Eight, Quality Street, Toffee, Polo, Rowntree, Motta, Alemagna, Nesquik, Fruit Joy, Fruttolo

CIOCCOLATO: Perugina, Baci, Nestlè

SALUMI: Vismara, King’s

OLIO: Sasso

CONSERVE: Berni, Condipasta, Condiriso

FORMAGGI: Locatelli

PASTA: Buitoni, Pezzullo

DADI PER BRODO: Maggi

SURGELATI: Surgela, Mare Fresco, La Valle degli Orti

GELATI: Motta, Alemagna, Antica Gelateria del Corso

CIBI PER ANIMALI: Friskies, Buffet

COSMETICI: L’Oreal, Lancome

Questo per quanto riguarda il cibo; ma ce n’è anche per l’abbigliamento, le banche (e le armi), le fotografie, la benzina (e i motori), gli Ogm… tutto in una prossima “Pillola”. Quindi riassumendo…

Consigli contro gli acquisti 3

Ne hai bisogno? Prima di acquistare guarda qui sotto. Non scegliere da questa lista (e semmai guarda più avanti e scegli da quella):

Questi no…

ABBIGLIAMENTO: Nike, Reebok, Adidas, Benetton, Chicco

ACQUA MINERALE: Claudia, Giara, Giulia, Limpia, Lora Recoaro, Pracastello, Sandalia, Tione,Perrier, Vittel, Acqua Vera, San Bernardo, S. Pellegrino, Panna, Levissima, Pejo, Ulmeta, Ferrarelle, Igea, Antica Fonte, Boario, Fausta, Vitas

ALIMENTARI: Milkana, Gradina, Rama, Maya

ANIMALI: Friskies, Buffet

BENZINA: Shell, Esso, Agip, Totalfina-Elf, Monsanto

BEVANDE: Nescafè, Nesquik, Nestea, Orzoro, Beltè, Chinò, Mirage, Nestea, One-o-one, S.Bitter (NESTLÈ), Coca Cola, Sprite, Fanta, Pepsi, San Pellegrino

CIOCCOLATO: Perugina, Baci, Nestlè

CONSERVE: Berni, Condipasta, Condiriso

COSMETICI: Atkinson, L’Oreal, Lancome, Johnson & Johnson, Palmolive

CREME: Leocrema, Cutex

DADI PER BRODO: Maggi

DENTIFRICI: Durban’s, Benefit, lose-up, Pepsodent, Mentadent, Colgate, Johnson & Johnson

DETERSIVI: Coccolino, Omo, Bio Presto, Svelto, Vim, Cif, Lysoform, Surf

DOLCI: Smarties, Kit Kat, Galak, Lion, After Eight, Quality Street, Toffee, Polo, Rowntree, Motta, Alemagna, Nesquik, Fruit Joy, Fruttolo, Marmellata Althea, Ritz, Oro Saiwa, Oro Ciok, Crackers Premium Saiwa, Cipster, Biscotti Tuc, Pansaiwa, Urrà, Biscotti Vitasnella, Dolcezze del mondo, Le Frolle, Wafer Saiwa, Biscotti Prince, Mulino Bianco

FORMAGGI: Locatelli

GELATI: Algida, Carte d’Or, Eldorado, Magnum, Solero, Sorbetteria di Ranieri, Motta, Alemagna, Antica Gelateria del Corso

MAIONESE: Calvè, Mayò, Top down

OLIO: Bertolli, Dante, Friol, Maya, Sasso

PASTA: Buitoni, Pezzullo, Barilla

PROFUMI: Fabergè, Brut 33

SALUMI: Vismara, King’s

SAPONETTE: Lux, Dove, Rexona

SHAMPOO: Clear, Elidor, Axe, Denim, Dimension, Dove, Timotei, Palmolive, Johnson & Johnson

SPAZZOLINI: Gibbs

SURGELATI: Findus, Genepesca, Igloo, Surgela, Mare Fresco, La Valle degli Orti

TÈ: Lipton, TèAti

YOGURT e AFFINI: Yogurt Danone, Vitasnella, Actimel, Danito, Danette

VARI PRODOTTI: Vallelata Galbani, Mozzarella Santa Lucia, Galbanino, Bel Paese, Certosa-Gruppo Galbani, Kodak, Mitsubi

 

Questi sì

In linea di massima tenendosi lontano dai supermercati/iper-mercati si riesce ad evitare molti dei prodotti elencati qui sopra, ma non è detto (come abbiamo visto dall’enorme numero di “insospettabili” marchi. Ecco allora che cosa cercare di fare invece.

Eticamente parlando: elenco delle società che hanno ottenuto i migliori punteggi dal punto di vista etico

CTM – Importazione e distribuzione di prodotti del Commercio Equo.

COOP – Grande distribuzione.

CONAPI – Cooperativa produttori miele.

BONDUELLE – Verdure in scatola, congelate e fresche.

RITTER – Cioccolata.

ALSO – Farmaci e integratori energetici.

AMBROSOLI – Produzione miele.

BALOCCO – Prodotti dolciari.

BAULI – Prodotti da forno, pandori, panettoni.

DECO – Cooperativa: alimentari e detersivi.

GRANAROLO – Latte e derivati.

ILLY – Caffè.

LUCART – Carta.

OROGEL – Settore agroindustriale, gelati e surgelati.

POMPADUR – Infusi e tè.

SANGEMINI – Acque minerali.

SCHIAPPARELLI – Cosmetici, farmaci, prodotti dietetici

Fonte: www.WordPress.com. Segui “Usa la tua testa”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *