A 70 anni dalla fine della guerra: credere nella fede, sperare oltre ogni speranza

mercoledì 8 e martedì 28 aprile
ore 18.30, Casa valdese di corso Vittorio Emanuele II, 23 – Torino

A settantanni dalla fine della seconda guerra mondiale e nel settantesimo anniversario della morte di Bonhoeffer, il Movimento ecclesiale di impegno culturale (MEIC) e il Centro evangelico di cultura “Arturo Pascal” organizzano a Torino due incontri dal titolo “Credenti nella storia. Due voci del XX secolo” per ricordare Dietrich Bonhoeffer ed Etty Hillesum, uccisi dai nazisti per la loro coraggiosa difesa dei diritti umani e per la fede tenace in Dio.

etty-hillesum

Mercoledì 8 aprile 2015, il pastore Fulvio Ferrario, docente della Facoltà Valdese di Teologia, ricorderà Dietrich Bonhoeffer, il teologo evangelico che esplorò il significato della fede cristiana in un «mondo diventato adulto»; arrestato per aver partecipato a un complotto contro Hitler, fu impiccato a Flossenbürg il 9 aprile 1945.

Martedì 28 aprile, Claudia Milani, docente di ebraismo dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose di Torino, presenterà le riflessioni di Etty Hillesum, piene di fiducia in Dio e nella possibilità di ognuno di trovare un senso alla propria vita nella donazione gratuita agli altri; deportata ad Auschwitz con tutta la sua famiglia perché di origine ebraica, morì il 30 novembre 1943.

Gli incontri si terranno a Torino, nella Casa valdese di corso Vittorio Emanuele II, 23, dalle 18.30 alle 22.30. È prevista una cena-buffet, al costo di sette euro (per questioni organizzative è utile segnalare prima la propria presenza telefonando a 011.6692838).

Per informazioni: [email protected] e 339.76.35.871

Segnala la tua partecipazione su Facebook:
https://www.facebook.com/events/1616670538553269/

 

Movimento ecclesiale
di impegno culturale
Corso Matteotti, 11 – Torino
[email protected]
meic.net/gruppi-locali/torino.php

Centro evangelico di cultura
“Arturo Pascal”
Corso Vittorio Emanuele II, 23 – Torino
[email protected]
centroculturalepascal.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *