La guerra secondo i media  e il trionfo della propaganda – John Pilger

Perché così tanto giornalismo si è arreso alla propaganda? Perché la censura e l’alterazione delle notizie sono una pratica normale?  Perché la BBC è così spesso un portavoce del potere rapace? Perché il New York Times e il Washington Post ingannano i loro lettori?

Perché ai giovani giornalisti non si insegna a capire i programmi dei media e ha contestare le  alte pretese  e il basso scopo della finta obiettività? E perché non si insegna loro che l’essenza di molto di ciò che si chiamano media correnti non è informazione, ma potere?

john-pilger

Queste sono domande urgenti. Il mondo si trova davanti alla prospettiva di una guerra importante, forse una guerra nucleare – con gli Stati Uniti chiaramente decisi a isolare e a provocare la Russia e in fine la Cina. Questa verità sta venendo capovolta e rovesciata dai giornalisti, compresi quelli che hanno promosso le bugie che hanno provocato il bagno di sangue in Iraq nel 2003.

I tempi in cui viviamo sono così pericolosi e così distorti nella percezione pubblica, che la propaganda non è più, come la chiamava Edward Bernays, un “governo invisibile”. E’ il governo. Governa direttamente senza paura di contraddirsi e il suo scopo principale è la conquista di noi: del nostro senso del mondo, della nostra abilità di separare la verità dalle bugie.

L’era dell’informazione è in realtà un’era dei media. Abbiamo la guerra presentata dai media, la demonologia fatta dai media, la retribuzione fatta dai media, la distrazione offerta dai media – una surreale catena di montaggio di cliché obbedienti e di false supposizioni.

Questo potere di creare una nuova “realtà” si è andata costruendo da molto tempo. Quarantacinque anni fa, un libro intitolato The Greening of America ha fatto sensazione. Sulla copertina c’erano queste parole: “E’ in arrivo una rivoluzione. Non sarà come le rivoluzioni del passato. Avrà origine con l’individuo.”

All’epoca ero corrispondente negli Stati Uniti e mi ricordo che da un giorno all’altro l’autore, Charles Reich, un giovane accademico di Yale, è stato elevato allo status di guru. Il suo messaggio era che dire la verità e l’azione politica avevano fallito e che soltanto la “cultura” e l’introspezione potevano cambiare il mondo.

In pochi anni, spinti dalle forze del profitto, il culto dell’egocentrismo non aveva certo sopraffatto il nostro senso di agire insieme, il nostro senso della giustizia sociale e dell’internazionalismo. Classe, genere e razza erano separate. Il personale era anche politico e i media erano il messaggio.

Dopo la guerra fredda, la creazione di nuove “minacce” completavano il disorientamento di coloro che, 20 anni prima, avrebbero formato un’opposizione energica.

Nel 2003, ho filmato un’intervista a Washington con Charles Lewis, l’illustre giornalista americano specializzato in inchieste. Avevamo discusso dell’invasione dell’Iraq pochi mesi prima. Gli ho chiesto: “Che cosa sarebbe successo se i media più liberi del mondo avessero contestato seriamente George Bush e Ronald Rumsfeld e avessero indagato sulle loro dichiarazioni, invece di diffondere quella che si è rivelata essere propaganda esplicita?”

Ha risposto che se noi giornalisti avessimo fatto il nostro lavoro, “ci sarebbe stara un’ottima probabilità che non saremmo andati in guerra in Iraq.”

Questa è un’affermazione sconvolgente, e appoggiata da altri famosi giornalisti ai quali ho posto la stessa domanda. Dan Rather che prima lavorava alla rete televisiva CBS, mi ha dato la stessa risposta. David Rose del quotidiano The Observer, e esperti giornalisti e produttori della BBC, che hanno voluto restare anonimi, mi hanno dato la stessa risposta.

In altre parole: se i giornalisti avessero fatto il loro lavoro, avessero fatto domande e avessero indagato sulla propaganda, invece di amplificarla, centinaia di migliaia di uomini, donne, e bambini adesso potrebbero essere vivi; e milioni forse non sarebbero fuggiti dalle loro case, forse non si sarebbe “accesa” la guerra settaria tra Sunniti e Sciiti e l’infame Stato Islamico forse ora non esisterebbe.

Anche ora, malgrado i milioni di persone  scese in strada per protestare, la maggior parte della gente delle nazioni occidentali ha poca idea della vera e propria   portata del crimine commesso dai nostri governi in Iraq. Un numero anche minore è consapevole che, nei 12 anni prima dell’invasione, i governi di Stati Uniti e Gran Bretagna hanno avviato un olocausto negando alla popolazione civile dell’Iraq i mezzi per vivere.

Quelle sono state le parole dell’alto funzionario britannico responsabile delle sanzioni imposte all’Iraq negli anni 1990 – un assedio di tipo medievale che ha causato la morte di mezzo milione di bambini al di sotto dei 5 anni, ha riferito l’UNICEF. Il nome del funzionario è Carne Ross. Al Ministero degli Affari Esteri a Londra, era noto come ”Mister Iraq”. Oggi, è colui che dice la verità su come i governi ingannano e su come i giornalisti diffondono volentieri l’inganno. “Di solito fornivamo ai giornalisti delle notiziole segrete ritoccate,” mi ha detto, “oppure li escludevamo.”

La talpa principale durante questo terribile periodo di silenzio, era Dennis Halliday. Allora Segretario Generale delle Nazioni Unite e poi alto funzionario dell’ONU in Iraq, Halliday si è dimesso piuttosto che attuare politiche  che definiva genocide. Ha stimato che le sanzioni hanno ucciso più di un milione di iracheni.

Quello che è accaduto ad Halliday è stato istruttivo. E’ stato ignorato. Oppure è stato diffamato. Sul programma della BBC che si chiama Newsnight (programma di approfondimento di notizie), il conduttore Jeremy Paxman ha urlato ad Halliday: “Non sei soltanto un difensore di Saddam Hussein?” Il quotidiano The Guardian ha descritto l’episodio come uno dei “momenti memorabili” di Paxman. La settimana scorsa Paxman ha firmato un contratto di 1 milione di dollari per un libro.

Le ancelle della repressione hanno fatto bene il loro lavoro.  Consideratene gli effetti. Nel 2013, un sondaggio dell’agenzia britannica ComRes ha trovato che una maggioranza del pubblico britannico credeva che il bilancio delle vittime in Iraq fosse meno di 10.000 – una minuscola frazione della verità. Una scia di sangue che va dall’Iraq a Londra è stata quasi ripulita.

Si dice che Rupert Murdoch sia il padrino della mafia dei media e nessuno dovrebbe dubitare dell’accresciuto potere dei suoi giornali – tutti e 127, con una circolazione totale di 40 milioni, e della sue rete televisiva Fox. Però l’influenza dell’impero di Murdoch non è maggiore del riflesso dei media più ampi.

La propagande più efficace si trova non sui quotidiani  Sun o sul canale televisivo Fox News – ma sotto un’aureola liberale. Quando il New York Times ha pubblicato le affermazioni  che Saddam Hussein aveva le armi di distruzione di massa, si è creduto alle sue false prove perché non era Fox News a dirlo, era  il New York Times.

La stessa cosa vale per il Washington Post e per il Guardian, entrambi i quali hanno svolto un ruolo centrale nel condizionare i loro lettori ad accettare una nuova e pericolosa guerra fredda. Tutti e tre i giornali liberali hanno rappresentato in modo errato gli avvenimenti in Ucraina come un atto malefico da  parte della Russia – quando, di fatto, il colpo di stato condotto da fascisti in Ucraina, è stato opera degli Stati Uniti aiutati dalla Germania e dalla NATO.

Questo capovolgimento della realtà è così pervasivo che l’accerchiamento militare di Washington e l’intimidazione della Russia non è controverso. Non è neanche una notizia, ma è soppressa dietro una campagna di diffamazione e di timore del tipo con cui sono cresciuto durante la prima guerra fredda.

Ancora una volta, l’impero del male sta per acchiapparci, guidato da un altro Stalin o, perversamente, da un nuovo Hitler. Date un nome al vostro demonio e strombazzatelo.

La soppressione della verità sull’Ucraina è uno dei più completi blackout di notizie che mi ricordi. Il più grosso incremento militare nel Caucaso e nell’Europa orientale fin dalla guerra mondiale, è stato cancellato. L’aiuto segreto di Washington a Kiev e alle sue brigate neo-naziste responsabili di crimini di guerra contro la popolazione dell’Europa orientale, è stata cancellata. Le prove che contraddicono la propaganda che la Russia era responsabile dell’abbattimento dell’aereo di linea malese, sono state cancellate.

E, di nuovo, è presumibile che media liberali, siano i censori. Senza citare alcun fatto, alcuna prova, un giornalista ha identificato un leader favorevole alla Russia, in Ucraina, come l’uomo che ha abbattuto l’aereo passeggeri. Questo uomo, ha scritto, era noto come Il Demonio. Era un uomo spaventoso che ha terrorizzato il giornalista. Questa era la prova.

Molti nei media occidentali hanno lavorato duramente per presentare la popolazione etnica ucraina come estranei nel loro stesso paese, quasi mai come ucraini che cercano una federazione all’interno dell’Ucraina e come cittadini ucraini che si oppongono a un colpo di stato progettato da stranieri contro il loro governo eletto.

Ciò che il presidente ha da dire non è di alcun peso; è il cattivo della pantomima che può essere maltrattato impunemente. Un generale americano che è a capo della NATO e che arriva direttamente dal film, il Dottor Stranamore – un certo generale Breedlove –dichiara regolarmente  che ci  sono  invasioni russe senza uno straccio di prova. La sua imitazione del Generale Jack D.Ripper nel film di Stanley Kubrick è perfetta.

Quarantamila russi si stavano ammassando al confine, secondo Breedlove. Questa è stata una notizia sufficientemente buona per il New York Times, il Washington Post e l’Observer – l’ultimo si era distinto precedentemente con bugie e invenzioni che hanno appoggiato l’invasione dell’Iraq voluta da Blair, come ha rivelato il suo ex inviato, David Rose

C’è quasi l’allegria di un incontro tra vecchi compagni di scuola. I suonatori di tamburo del Washington Post sono proprio gli stessi autori di editoriali che hanno dichiarato che l’esistenza delle armi di distruzione di massa è un “fatto concreto.

“Se vi chiedete,” ha scritto Robert  Perry, “come il mondo potrebbe inciampare nella guerra mondiale numero tre – come in gran parte è inciampata nella prima guerra mondiale un secolo fa – tutto quello che si deve fare è guardare la follia che ha avvolto praticamente l’intera struttura statunitense della politica e dei media riguardo all’Ucraina dove la falsa narrazione dei white hats (“cappelli bianchi”, ovvero hacker eretici, ndt) in contrasto con quella dei black hats (“cappelli neri”, Hacker immorali, ndt) ha preso piede in precedenza e si è dimostrata indifferente ai fatti e alla ragione. (http://it.wikipedia.org/wiki/White_hat e http://it.wikipedia.org/wiki/Black_hat ).

Parry,il giornalista che ha rivelato l’Iran-Contra (http://it.wikipedia.org/wiki/Irangate) è uno dei pochi che indagano sul ruolo centrale dei media in questo “gioco del pollo” http://it.wikipedia.org/wiki/Gioco_del_pollo come lo ha chiamato il ministro degli Esteri russo. Ma è davvero un gioco? Mentre scrivo questo testo, il Congresso degli Stati Uniti vota la Risoluzione 758 che, in poche parole, dice: “Prepariamoci alla guerra con la Russia.”

Nel 19° secolo, lo scrittore Alexander Herzen definiva il liberalismo laico come “la religione finale, sebbene la sua chiesa non sia dell’altro mondo, ma di questo.” Oggi questo diritto divino è di gran lunga più violento e pericoloso di qualsiasi altra cosa che il mondo musulmano genera, sebbene, forse il suo più grande trionfo sia l’illusione dell’informazione libera e aperta.

Nei notiziari, intere nazioni vengono fatte sparire. L’Arabia Saudita, cioè la sorgente dell’estremismo e del terrore appoggiato dall’Occidente, non fa notizia, tranne quando fa abbassare il prezzo del petrolio. Lo Yemen ha sopportato 12 anni di attacchi di droni americani. Chi lo sa? A chi importa?

Nel 2009, l’Università dell’Ovest della Gran Bretagna (University of the West of England) ha pubblicato i risultati di uno studio di 10 anni di reportage della BBC sul Venezuela. Dei 304 servizi trasmessi, soltanto tre citavano qualcuna delle politiche positive introdotte dal governo di Hugo Chavez. Il più grosso programma di alfabetizzazione della storia umana ha ricevuto appena un riferimento passeggero. In Europa e negli Stati Uniti, milioni di lettori e di spettatori non sano quasi nulla dei notevoli vitali cambiamenti attuati in America Latina, molti dei quali ispirati da Chavez. Come la BBC, i servizi del New York Times del Washington Post, del Guardian, e nel resto degli altri rispettabili media occidentali, erano notoriamente in cattiva fede. Chavez è stato deriso perfino sul suo letto di morte. Mi chiedo come venga spiegato questo nelle scuole di giornalismo.

Perché milioni di persone in Gran Bretagna sono convinti che sia necessaria una punizione collettiva che si chiama “austerità”?

In seguito al crollo dell’economia del 2008,è stato rivelato un sistema marcio. Per una frazione di secondo le banche hanno fatto un confronto all’americana come delinquenti,    con gli obblighi verso il  pubblico che avevano tradito.

Ma nel giro di pochi mesi – a parte poche pietre lanciate per i “bonus” eccessivi delle grosse aziende – le cose sono cambiate. Le foto segnaletiche dei banchieri colpevoli sono sparite dai giornali scandalistici e qualcosa chiamata “austerità” è diventata un peso per milioni di persone comuni. C’è mai stato un gioco di prestigio così sfacciato?

Oggi molte delle sedi della vita civile in Gran Bretagna vengono smantellate allo scopo di ripagare un debito fraudolento – il debito dei furfanti. Si dice che i tagli fatti per l’ “austerità” siano di 83 miliardi di sterline. E’ quasi esattamente l’ammontare delle tasse evitate dalle stesse banche e da grosse imprese come Amazon e l’azienda di Murdoch, News UK. Inoltre a quelle banche viene dato un sussidio annuale di 100 miliardi di sterline per assicurazioni gratuite e garanzie – una cifra che servirebbe a finanziare tutto il servizio sanitario nazionale.

La crisi economica è pura propaganda. Le politiche estreme governano ora la Gran Bretagna, gli Stati Uniti, gran parte dell’Europa, il Canada  e l’Australia. Chi lotta per la maggioranza? Chi racconta la sua storia? Chi rende credibili le informazioni? Non è quello che si pensa debbano fare i giornalisti?

Nel 1977 Carl Bernstein, famoso per il Watergate, ha rivelato che più di 400 giornalisti e dirigenti nel campo dell’informazione lavoravano per la CIA. Tra di loro c’erano giornalisti del New York Times, di Time e di canali televisivi. Nel 1991, Richard Norton Taylor, del Guardian, ha rivelato qualcosa di simile che accade in questo paese.

Nulla di questo è necessario oggi. Dubito che qualcuno abbia pagato il Washington Post e molti altri organi di stampa per accusare Edward Snowden di aiuto al terrorismo. Dubito che qualcuno paghi coloro che regolarmente diffamano Julian Assange – sebbene altre ricompense potrebbero essere abbondanti.

Mi è chiaro che il motivo principale per cui Assange si è attirato tanto veleno, disprezzo e gelosia, è  che WikiLeaks ha demolito la facciata dell’elite politica corrotta portata in alto dai giornalisti. Iniziando un’era straordinaria di rivelazioni , Assange si è fatto dei nemici facendo luce sui guardiani dei media, svergognandoli, non ultimo sul giornale che  ha pubblicato e che si è appropriato del suo grandioso scoop.  E’ diventato non  solo un obiettivo ma una gallina dalle uova d’oro.

Sono stai firmati  contratti redditizi per i libri e per film di Hollywood, e le carriere dei media sono state lanciate e incrementate a spese di WikiLeaks e del suo fondatore. La gente ha guadagnato un sacco di soldi, mentre WikiLeaks ha lottato per sopravvivere.

Nulla di questo è stato menzionato a Stoccolma il 1° dicembre quando il direttore del Guardian, Alan Rusbridger, ha condiviso con Edward Snowden il premio Right Livelihood, noto come al Premio Nobel alternativo per la Pace. Ciò che è stato sconvolgente riguardo a questo avvenimento, è che Assange e WikiLeaks sono stati ignorati, come se non esistessero, come se non fossero persone.

Nessuno ha parlato a favore dell‘uomo che è stato il pioniere delle rivelazioni di azioni sbagliate del governo e che ha trasmesso al Guardian uno dei più grossi scoop della storia. Inoltre è stato Assange e la sua squadra di WikiLeaks che in modo efficace –brillante – hanno salvato Edward Snowden a Hong Kong e lo hanno fato scappare velocemente verso la salvezza. Non una parola.

Ciò che ha reso questa censura fatta per omissione, così ironica e commovente e vergognosa  è stato che la cerimonia si è svolta al parlamento svedese – il cui vile silenzio sul caso Assange ha cospirato con un grottesco fallimento della giustizia a Stoccolma.

“Quando la verità è sostituita dal silenzio,” ha detto il dissidente sovietico Yevtushenko, “il silenzio è una bugia.”

E’ questo genere di silenzio che noi giornalisti dobbiamo rompere. Dobbiamo guardarci allo specchio. Dobbiamo chiamare a rispondere i media che non danno spiegazioni e che sono al servizio del potere e diffondono la psicosi della  minaccia di una guerra mondiale.

Nel18° secolo, Edmund Burke ha definito il ruolo della stampa come un Quarto Potere che controlla i potenti. E’ mai stato vero? Certamente non convince più. Quello che è necessario è un Quinto potere: un giornalismo che controlla, smonta, e risponde alla propaganda e insegna ai giovani a essere rappresentanti del popolo, non del potere.  Abbiamo bisogno di quello che i Russi chiamavano perestroika (http://www.treccani.it/enciclopedia/perestrojka) – un’insurrezione contro la conoscenza soggiogata. Lo chiamerei giornalismo reale.

Sono passati 100 anni dalla prima guerra mondiale. Allora i giornalisti venivano ricompensati e nominati cavalieri per il loro silenzio e omertà. Nel momento peggiore del massacro, il primo ministro britannico David Lloyd George ha confidato a a C.P. Scott, direttore del Manchester Guardian, “Se la gente sapesse realmente [la verità], la guerra si fermerebbe domani, ma naturalmente non lo sanno e non possono saperlo.”

E’ ora che sappiano.

Questo è il discorso di John Pilger al Logan Symposium su: “Costruire un’alleanza contro il volere tenere nascoste le cose, contro la sorveglianza e la censura”, organizzato dal Centro per il giornalismo investigativo, a Londra dal 5 al 7 dicembre 2014.

 

Da: Z Net – Lo spirito della resistenza è vivo www.znetitaly.org

Fonte: http://zcomm.org/znet/article/war-by-media-and-the-triumph-of-propaganda

Originale: teleSUR English Traduzione di Maria Chiara Starace

Revisione a cura del Centro Studi Sereno Regis

6 dicembre 2014

http://znetitaly.altervista.org/art/16441

Una replica a “La guerra secondo i media  e il trionfo della propaganda – John Pilger”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *