Periferie che scoppiano, tra realtà e strumentalizzazione

giovedì 18 dicembre 2014 – ore 21.00
sala Gandhi – Centro Studi Sereno Regis – via Garibaldi, 13 – Torino

Le periferie delle grandi città italiane: una polveriera pronta ad esplodere o una realtà certo problematica ma troppo strumentalizzata? Il tema, discussissimo in un momento come questo, sarà il tema del prossimo dibattito organizzato dalla redazione di Nuovasocietà, intitolato “Periferie che scoppiano, tra realtà e strumentalizzazione”. L’incontro è in programma in programma giovedì 18 dicembre, alle 21, nel Centro Studi Sereno Regis (Sala Gandhi), in via Garibaldi 13, a Torino. L’ingresso è gratuito.
Relatore sarà chi sulla materia ha un diverso sguardo e posizioni spesso contrapposte: il consigliere regionale di Sinistra Ecologia Libertà Marco Grimaldi, il consigliere comunale della Lega Nord Fabrizio Ricca, il presidente della Circoscrizione 10 di Torino Marco Novello, l’antropologo urbano Dario Basile, autore del libro “Le vie sbagliate. Giovani e vita di strada nella Torino della grande migrazione interna” e il cronista Simone Rubino. Modera Giorgio Merlo.
Ora, che la recente manifestazione nelle periferie romane, dove sabato 15 novembre un migliaio di cittadini hanno sfilato contro il degrado e l’immigrazione, avesse alla spalle l’ombra di CasaPound (con tanto di bandiere tricolori esibite in corteo) non è una novità. Non molto diverso ciò che è accaduto a Torino dove, dietro la fiaccolata sulla mobilitazione dei cosiddetti quartieri a rischio che si è svolta in via Artom, c’erano dietro Forza Nuova e l’estrema destra. Nel mirino dei manifestanti: i rom, gli immigrati, di nuovo il generico degrado. Contemporaneamente alcuni collettivi antifascisti sono scesi per le strade per protestare. Ma è davvero questa la realtà dei quartieri ai margini della città? Il dibattito proverà a far luce proprio su questo.

A cura di Nuova Società. Su facebook: Periferie che scoppiano, tra realtà e strumentalizzazione
Info: 338-5313045.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *