Sognare e giocare con le fiabe

venerdì 16 maggio 2014 – ore 18-22
sala Gandhi – Centro Studi Sereno Regis – via Garibaldi, 13 – Torino

Le fiabe ci parlano attraverso i secoli e le loro continue rielaborazioni della necessità dell’uomo di rappresentare la realtà affettiva condivisa in cui vive. Le fiabe, ancor più, sono la via di trasmissione di un sapere. Al centro non sono le storie, affascinanti e paurose di cui parlano, quanto la capacità di chi racconta di dare forma e contenimento alle emozioni più profonde trasformando l’indicibile in pensabile.

Gilbert Keith Chesterton afferma che “Le fiabe dicono di più che la verità. E non solo perché raccontano che i draghi esistono, ma perché affermano che si possono sconfiggere”.

Nell’incontro psicoanalisti e psicoterapeuti di vari indirizzi proporranno una lettura del significato delle presenze degli animali nelle fiabe e una lettura psicologica di due fiabe: L’asinello che diventò Re e Cappuccetto Rosso.

L’incontro permette una condivisione a vari livelli: l’ascolto, la discussione, la condivisione del cibo, il gioco assieme. Quest’ultimo sotto forma di un workshop condotto dagli psicoterapeuti di Arte e Psicologia.

Programma

18,00 – 19,45
Il ruolo degli animali nelle fiabe – Livia Gay, psichiatra psicoterapeuta
L’asinello che diventò Re: un percorso di individuazione – Grazia Serra, psicologa

19,45 – 20, 15
Condivisione di uno spuntino vegetariano con cibo e bevande offerte da ciascuno

20,15 – 22,00
Cappucceto Rosso e il lupo: storia di un incontro fecondo – Giovanna Volpe, psicoterapeuta
Workshop: Creiamo assieme una fiaba, spazio esperienziale di gruppo

Informazioni:
Marcello Pedretti – IAAP – Sezione Piemontese
Arte e Psicologia, Gruppo di studio interdisciplinare – tel. 011752920
[email protected]
www.insiemecon.com/artepsicologiapiemonte

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *