Il contributo dell’Ecopoesia alla pace. Incontro con Ivana Trevisani Bach

domenica 13 aprile – ore 15. 00
sala Gandhi – Centro Studi Sereno Regis – via Garibaldi, 13 – Torino

In concomitanza della mostra d’arte contemporanea Esperimenti di Arte e Nonviolenza. La nuova etica ambientale (rapporto Uomo e altri viventi e rapporto Uomo Ambiente) e l’etica della Pace (rapporto interumano) hanno una comune radice: l’educazione al rispetto per l’alterità. Quali sono le basi letterarie e storiche della cultura laica e religiosa occidentale che hanno concorso alla creazione di questa nuova, e ancora incerta, coscienza etica? Quale contributo formativo possono dare le più recenti espressioni della eco – letteratura? La presentazione di M. Ivana Trevisani Bach cercherà di rispondere ad alcune di queste domande.

Ivana Trevisani Bach è nata ad Albisola (Sv) nel 1942, è laureata in Biologia, ha lavorato come ricercatrice presso l’Università di Genova e poi come docente di Scienze nei Licei di Savona. E’ stata consigliere del Parco del Beigua. Da qualche anno scrive poesie aderendo al Movimento letterario dell’”Ecopoetry” di cui ha scritto nel 2005 il Manifesto Italiano di Ecopoesia. Gli animali, la Natura, l’ecologia, sono i temi prevalenti della sua attività letteraria. Ha pubblicato articoli presso numerose riviste scientifiche, articoli su riviste letterarie, un libro di “Ecopoesie” con l’Editore Serarcangeli di Roma, Libri su animali con l’editore Mursia di Milano. Nel settembre 2011 ha ricevuto il “Premio per l’Ecopoesia” dal prestigioso “Lerici Prea” con pubblicazione di poesie e Manifesto. Il Manifesto è stato presentato anche all’Università Oneonta (Stato di New York), all’Università Federale di Paraiba (Brasile) e all’Università di Worchester in Inghilterra. L’ultimo libro appena autopubblicato è “La felina Commedia di Mozòt”. Esiste la traduzione in inglese di Sarah Jane Webb (madrelingua).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *