Sostenibilità in pillole – Segnalazione redazionale

EDA_132*185_capitolo_2livelliGianfranco Bologna, Sostenibilità in pillole, Edizioni Ambiente, pp. 304, € 20,00

Naturalmente, è stampato su carta FSC amica delle foreste.

Naturalmente ha la Prefazione di Piero Angela.

Naturalmente in copertina riporta il logo del WWF (World Wildlife Fund, cioè Fondo Mondiale per la vita selvatica, che qualcuno traduceva con «natura». Fu fondato l’11 settembre 1961, così abbiamo anche un bel ricordo legato a quella data, no?)

Naturalmente il «sopratitolo» recita: «Per imparare a vivere su un solo pianeta» perché se continuiamo con l’attuale stile di vita avremo bisogno di avere due pianeti. Il libro tratta di come e perché cambiare affinché ci basti la Terra che abbiamo.

Naturalmente il libro ha uno sterminato apparato di note, per approfondire gli argomenti incontrati fra le pagine, nonché molte «finestre» disseminate qua e là per capire meglio i temi trattati.

Naturalmente il libro è disponibile alla Biblioteca del Centro Studi Sereno Regis di Torino, insieme all’«altro» «fratello», della stessa casa editrice (Ambiente, di Milano), che andrebbe letto insieme a questo: prima scopro se «è ancora possibile la sostenibilità», leggendo «Tha State of the World 2013», cioè in che stato è il mondo su cui vivo e poi mi informo, tramite «Sostenibilità in pillole», per ridurre la mia impronta sul pianeta (che ho scoperto essere troppo «pesante».

Ma il libro in realtà non ha bisogno di alcuna recensione, sono ovvie la sua importanza e la sua utilità, soprattutto perché è pieno di «come fare», è pieno di dati concreti circa «la sostenibilità e…» e «la sostenibilità è…» che ne fanno un libro da usare (anche nelle scuole, per tutte le materie, leggete l’«Indice» e ve ne accorgerete.

Quindi ecco qualche riga tratta dal risguardo di copertina: «Ogni giorno che passa si accumulano nuove prove che certificano che le attività umane stanno esercitando una pressione eccessiva sul nostro pianeta.[…] è sempre più chiaro che il modello fin qu adottato è insostenibile […] Sostenibilità in pillole prova a tracciare una via diversa, e mette insieme […] 25 brevi capitoli che sintetizzano le conoscenze più avanzate su tutti gli aspetti della sostenibilità. Economia, clima, energia, città, cibo, benessere personale e indicatori della ricchezza, impronta ecologica, idrica e di carbonio, [il libro] consegna a ogni lettore i conetti per immaginare un futuro diverso e davvero sostenibile».

E infine qualche nota sull’autore: «Gianfranco Bologna è il direttore scientifico e responsabile dell’area sostenibilità del WWF Italia. È segretario generale della Fondazione Aurelio Peccei, che rappresenta il Club di Roma in Italia. […] Dal 12988 cura l’edizione italiana del rapporto mondiale State of the World del Worldwatch Institute e nel 1996 ha curato l’edizione italiana del volume di Mathias Wackernagel e William Reers, L’impronta ecologica, con la presentazione del primo calcolo dell’impronta ecologica in Italia.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *