Guerra e distruzioni ambientali: un circolo vizioso

venerdì 28 marzo 2014 – ore 18.15
sala Gandhi – Centro Studi Sereno Regis – via Garibaldi, 13 – Torino

Relatrice: Elena Camino

Elena Camino, socia del Centro Studi Sereno Regis, ci parlerà dell’impatto che la preparazione, la realizzazione e gli esiti delle guerre hanno sull’ambiente. Tutte e tutti siamo dolorosamente colpiti dalle sofferenze umane prodotte dalle guerre. Ma sarebbe opportuno sviluppare maggiore consapevolezza sui danni che le guerre infliggono ai sistemi naturali: dal consumo di risorse preziose e sempre più scarse, alla distruzione di terreno fertile, all’inquinamento di aria, acqua, suolo. I danni che subiscono i sistemi naturali si ripercuotono sulle comunità umane, che dalla natura dipendono completamente per la soddisfazione delle proprie necessità. E si tratta di danni che si manifestano su scale temporali e spaziali ben maggiori di quelle delle guerre: le installazioni militari, le esercitazioni, l’uso di energia e materia, la produzione di materiale inquinante sono componenti che fanno della guerra un’opzione insostenibile anche quando le guerre non ‘scoppiano’. Sostenere l’opportunità e la ragionevolezza di a (r) mare la pace è una falsità che va denunciata e respinta.

Elena Camino si occupa di costruire e sperimentare percorsi educativi a partire da problemi socio-ambientali complessi e controversi, e di approfondire gli aspetti riflessivi e interdisciplinari sull’educazione scientifica in una prospettiva di sostenibilità. E’ membro di IRIS (www.iris.unito.it). E’ presidente del Gruppo ASSEFA Torino, una Associazione che da quasi 50 anni collabora con l’Associazione indiana gandhiana ASSEFA (Association For Sarva Seva Farms).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *