I Giusti di Budapest, Il ruolo dei diplomatici vaticani nella Shoah

Matteo Luigi Napolitano, I Giusti di Budapest, Il ruolo dei diplomatici vaticani nella Shoah, San Paolo 2013, pp. 240, € 16,00

«Falsificarono documenti,

diedero rifugio a uomini, donne e bambini,

lavorarono nell’ombra per evitare

il massacro:

documenti inediti

per una storia di salvezza e giustizia»

(dalla Quarta di copertina)

cop napolitano budapestAltri «schindler»…

Ho volutamente lasciato l’iniziale minuscola, perché in questo caso «schindler» non è un cognome, ma è un «modo d’essere». Nel libro segnalato si racconta di «due diplomatici della Santa Sede […] che [durante la seconda guerra mondiale, NdR] salvarono molti ebrei ungheresi destinati ai lager, utilizzando le armi della diplomazia e gli inganni della giustizia».

Le azioni dei due monsignori – Angelo Rotta e Gennaro Verolino – sono ora note, grazie alla famiglia Verolino che ha messo a disposizione l’intero archivio: «Sono documenti freschi e immediati che […] consentono di ipotizzare l’esistenza di una vera e propria rete diplomatica attiva per difendere gli ebrei dalla follia nazista e fascista, rete in cui i rappresentanti del Vaticano furono in prima linea. […]».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *