Autunno a Cascina Bert

Domenica 29 settembre, ore 9.00 Iniziativa ecologica nell’ambito di “Puliamo il mondo”. In collaborazione con Legambiente Ecopolis, Touring Club Italiano, Senior Civici Torino. Appuntamento a Cascina Bert da dove si partirà per la pulizia di un sentiero. Gratuito.

Domenica 6 ottobre, ore 9.00 Salita a piedi a Cascina Bert lungo il sentiero 16 con guida naturalistica della Cooperativa Arnica. Si attraverserà lo splendido Parco Leopardi, ammirando il panorama sulla città e la catena delle Alpi che circonda Torino. All’arrivo degustazione degli ottimi piatti Gourmet, biologici. Offerta minima 6 euro. Prenotazione obbligatoria al numero 0115096618

Domenica 6 ottobre, ore 9.30 Seminario su “La fiducia: è presente nelle nostre relazioni?” e successivo incontro conviviale organizzati dall’A.C.A.T. Torino Sud. Gratuito. Informazioni al numero 3339796895

Mercoledì 9 ottobre, ore 20.45 Introduzione al Birdwatching. In collaborazione con la LAC (Lega per l’abolizione della caccia): Lorenza Piretta e Roberto Piana affrontano le tematiche sull’osservazione degli uccelli in natura. Nel fine settimana successivo uscita pratica sul campo da concordare con i presenti. Gratuito. Iscrizioni al numero 5096618

Domenica 13 ottobre (orario da definire) Natura ispiratrice. Workshop di pittura e fotografia in una delle più suggestive cornici della città, in collaborazione con Cristina Girard e Photosphera. Offerta minima 3 euro.

Cascina Bert è raggiungibile in auto con la Strada di Valsalice e con la Strada da San Vito a Revigliasco (ampio parcheggio); con i bus 70 (fermata al Quadrivio Raby) e 73 (fermata al bivio di Strada San Vito e Strada di Val Pattonera); a piedi in poco più di un’ora con il sentiero 16.

Domenica 20 ottobre (orario da definire) Camminata, castagnata e nel pomeriggio intrattenimenti vari. In collaborazione con l’Arca del Re Cit. Informazioni al numero 0115096618

****************************

“A circa metà strada tra Superga e Moncalieri, uno sperone si stacca dalla dorsale che divide la Valsalice dalla val San Vito e s’alza superbo protendendosi verso Torino; sul suo culmine sorgeva una torre distrutta dai tedeschi durante l’ultima guerra e chiamata, in tempi più recenti, col nome della vigna confinante col Bossola: Torre Bert …” Elisa Gribaudi Rossi, “Vigne e ville della collina torinese”, Le Boquiniste, Torino, 1975.

Al centro del territorio della Circoscrizione 8 sulla collina torinese, a quota 500 metri, ai piedi del Parco della Maddalena, si stende un ampio pianoro prativo attrezzato con tavoli e panche da cui si gode uno splendido panorama sulla città, su Superga e sul Monviso. Al fondo del pianoro si trova la Cascina Bert, un edificio della fine del 1700, rustico dell’omonima “Vigna” a lungo abitata dall’Avvocato Bert ma fatta erigere dai conti Pastoris di Cigliano assieme alla vicina torre di avvistamento situata sulla cima Bossola che gli abitanti del posto usavano indicare come “Torre del Diavolo”.

Napoleone Buonaparte, nella primavera del 1805 durante il viaggio verso Milano per essere incoronato Re d’Italia, salì sulla torre per osservare Torino e rendersi conto dei collegamenti con la Francia attraverso la valle di Susa da cui era sceso.

La cascina oggi è di proprietà del Comune di Torino che l’ha acquisita per insediarvi la stazione intermedia di una funicolare progettata, ma mai costruita, per portare i Torinesi al Faro della Vittoria negli anni immediatamente dopo la costruzione del monumento in cima al Parco della Maddalena a quota 717 metri.

Dal 1957 al 1967 un bunker, costruito dai tedeschi durante la guerra presso Cima Bossola divenne sede del Centro Radio Ascolto Spaziale fondato dai fratelli torinesi Achille e Giovanni Battista Judica Cordiglia che furono in grado di ricevere i segnali emessi dai primi satelliti e dalle prime astronavi lanciati in orbita dai russi e dagli americani. Il nome di Torre Bert raggiunse una popolarità internazionale, campeggiando spesso nei titoli di testa dei quotidiani e dei telegiornali.

Nel 2008 il Comune di Torino ha concesso la Cascina Bert all’Associazione Pro Natura Torino, per l’impegno dimostrato in campo ambientale e in particolare per l’esperienza sul territorio della collina torinese, perché ricercasse i fondi per restaurarla e attrezzarla allo scopo di adibirla a Centro Visite del Parco della Maddalena e per attività di Educazione Ambientale, nonché centro di documentazione storica e naturalistica sulla collina e punto di partenza e transito d’itinerari didattici e percorsi escursionistici.

La posizione della cascina, ai piedi del Parco della Maddalena, con vasti spazi a disposizione è ideale per gli scopi previsti. Il luogo è raggiungibile con i bus 70 e 73 e offre ampia possibilità di parcheggio. Inoltre si trova sull’Anello Verde, nuovo percorso escursionistico che è stato realizzato in collaborazione con il Verde Pubblico di Torino e che consente di collegarsi con tutta la rete sentieristica collinare.

Dopo il recupero, ad opera dei volontari, delle aree circostanti la cascina, si è provveduto al restauro ed alla coibentazione delle coperture e poi dell’antico forno. Successivamente è stata restaurata la tettoia posteriore in cui si è ricavata una sala riunioni per cinquanta persone e dove hanno trovato posto i servizi igienici. La ristrutturazione sta proseguendo nell’ampia sala al pianterreno dove verrà allestito uno spazio per l’accoglienza dei visitatori e una piccola foresteria.

Nell’estate appena trascorsa si sono svolti laboratori ludico-creativi e camminate naturalistiche che hanno coinvolto circa 1000 ragazzi frequentanti Estate Ragazzi. Le attività suddette e le iniziative previste nei mesi di settembre e ottobre presso la cascina si inseriscono all’interno di un più vasto progetto, denominato “Cascina Bert: una casa per tutti nel verde della collina torinese”. Il progetto ha ottenuto il finanziamento da Idea Solidale e viene condotto con la collaborazione di numerose Associazioni e Cooperative.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *