Per la pace in Siria non servono bombardamenti: adesione al digiuno del 7 settembre

Aderiamo alla giornata di digiuno affinché tacciano le armi e si dia una possibilità alla pace in Siria. La violenza chiama violenza, la guerra chiama guerra. Riteniamo invece si debba seguire una strada diversa:

  • Cessate il fuoco di tutti, trattative al posto dei combattimenti!
  • Aiuto alla popolazione civile massacrata dalle milizie di qualsiasi bandiera!
  • Embargo ONU su tutte le forniture di armi entro il territorio siriano!
  • No a bombardamenti: Obama, fermati!
  • Si dia spazio ad una iniziativa diplomatica in sede ONU che coinvolga tutte le parti in conflitto (Ginevra 2).

Dalle 18 alle 19 saremo presenti in piazza Castello (di fronte a palazzo Madama)
a Torino per un momento di riflessione.

Invitiamo tutti gli amici della pace ad unirsi

ACLI Torino
Centro Studi Sereno Regis
Comitato acqua pubblica Torino
MIR – Movimento Internazionale della Riconciliazione, Torino
Movimento Nonviolento, Torino

3 Risposte a “Per la pace in Siria non servono bombardamenti: adesione al digiuno del 7 settembre”

  1. Fate bene a diffondere questo messaggio di Papa Francesco, l'unica voce pubblica ad offririre motivo di speranza in questo momento. L'uso del gas deve essere bandito, ma non in questo modo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *