Il grande libro della Terra – Recensione di Cinzia Picchioni

Marianne Lambrechts, Eric Luyckx, Il grande libro della Terra, Macro Junior, Cesena 20132, pp. 204, € 9,80, formato 21×27, illustrato a colori.

«Tutti giù per terra!»

Ricordate? Questa è la frase conclusiva della filastrocca notissima «Giro-girotondo»… casca il mondo, casca la terra… e dicendo «Tutti giù per terra» ci buttavamo davvero per terra, incuranti dei vestiti (e menomale!). Me lo sono immediatamente ricordato leggendo il titolo del libro che presentiamo questa settimana: Tutti per la Terra. Veramente ora – che ne è uscita una nuova edizione – ha una sovraccoperta con un altro titolo: «Il grande libro della Terra», e ha anche un «sottotitolo»: «Guida pratica all’ecologia», e nella copertina scopriamo anche a chi è rivolta questa «guida»: dai 10 ai 15 anni.

Dunque si presenta come una «guida», rivolta ai ragazzi e alle ragazze pre-adolescenti, che frequentano la scuola media e superiore. In effetti il libro ha l’aspetto di un atlante, ma non per l’ora di geografia, bensì – come leggiamo sul risguardo: «Scopri una nuova materia: l’ora di prendersi cura della Terra! [il libro] permette di scoprire come diventare i guardiani di un mondo migliore».

Ora che è tempo di cresime (e fra non molto di pagelle), il libro mi sembra adattissimo per un regalo: all’interno è pieno di belle foto a colori, schemi e diagrammi, è di grande formato, con la copertina rigida (ma stampato, naturalmente, su carta certificata FSC e i tipografi «agiscononel rispetto delle leggi locali contro l’inquinamento stabilite dal dipartimento per la protezione ambientale», leggiamo in ultima pagina).

Se è vero come è vero che ricordiamo soprattutto le ultime cose che sentiamo/leggiamo/vediamo, le ultime pagine del libro riportano un capitolo che si intitola «Agire insieme», e anche a me piace terminare elencando gli argomenti che lo compongono, così ce li ricorderemo meglio:

Dobbiamo prendere le difese della Terra, sempre e ovunque

Agire significa scegliere

Più siamo numerosi, più siamo forti

Agire localmente e globalmente

E ancora più in fondo, proprio alla fine di tutto il libro c’è il capitolo secondo me più importante: «La soluzione sono io!» e ancora: «Alla base della trasformazione della società c’è una trasformazione personale […]», ricordando che «Non sarà certo l’universo che […] finirà per adattarsi ai desiderata dell’essere umano (Pierre Rabhi)». Certo, dovremo forse spiegare ai figli, nipoti, figliocci, figli di amici a cui regaleremo questo libro che cosa sono i «desiderata», ma poi… il libro è chiarissimo, adatto alla loro età, accattivante, con più foto che testo; utile anche per le/gli insegnanti, non solo di geografia, ma anche di educazione civica (o qualcosa che l’abbia sostituita), storia, religione, scienze, e persino economia/matematica… insomma tutti! (per la Terra).

3 Risposte a “Il grande libro della Terra – Recensione di Cinzia Picchioni”

    • Può telefonare al Centro Studi il mercoledì mattina 011532824. Può anche cercarla a casa 011539170 con segreteria telefonica. Le anticipo già, ma magari lo sa, che per coerenza con le proprie scelte, Cinzia non la richiamerà sul cellulare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *