Progetto “A mano a mano”

giovedì 23 maggio 2013 – ore 20.30
sala Gandhi – Centro Studi Sereno Regis – via Garibaldi, 13 – Torino

Presentazione progetto e novità, insieme alle recenti attività. “Gocce nell’oceano” discute con la testimonianza di Romina De Angelis.

Il progetto “A mano a mano” è rivolto alla tutela dei diritti umani quali il diritto alla vita, allo studio, alla salute, alla dignità e all’uguaglianza. È un percorso che ha come simbolo la mano, in quanto emblema del fare, dell’azione, del cambiamento che vogliamo avvenga nel mondo. Per fare ciò, è necessario che ci sia un uomo e che sia, però, messo nelle condizioni ottimali di farlo. Questo è il pensiero che ha messo in moto il progetto. É per esperienza diretta e grazie al confronto costruttivo con le diverse realtà legate al mondo del volontariato, che è nata la voglia di dar vita a questo progetto che, servendosi anche delle nuove tecnologie, ottimizza gli investimenti in termini di risorse umane ed economiche. Si parte da Calcutta, una città a cui siamo legati e della quale conosciamo bene le problematiche ambientali, ma anche le grosse opportunità legate ad una cultura millenaria quale quella indiana. La nostra sfida è quella di trasformare le risorse in un’opportunità di sviluppo per il popolo, nel rispetto delle tradizioni locali.

“A mano a mano” prevede:
– realizzazione di una piattaforma digitale che conterrà una descrizione dettagliata delle ONG presenti a Calcutta

Per la Nimtala Community (Calcutta- West Bengala):
– corsi di educazione e rispetto all’ambiente con insegnamenti mirati alla raccolta differenziata e laboratori di riciclaggio;
– realizzazione di un dispensario;
– corsi di primo soccorso che individuano uno o più soggetti portati ad intervenire, qualora vi fosse la necessità;

– corsi di educazione all’igiene;
– costruzione di bagni pubblici utilizzando il sistema di igienizzazione automatico;
– studio sociologico e antropologico per individuare le attitudini dei ragazzi della “Nimtala Community” e indirizzarli verso il loro potenziale lavorativo;
– corsi di inglese suddivisi per sezioni;
– creazione di posti di lavoro con professionisti dei vari settori lavorativi;
– progetti con le donne per una corretta educazione all’igiene e all’allattamento;

– accordi con scuola locale per incentivare la cultura e lo studio;

Per Puri (Orissa):
– Creazione di corsi di inglese;
– Incentivazione turismo;
– Creazione di una rete idrica e una elettrica;
– Creazioni di bagni all’interno delle abitazioni;
– Sviluppo pannelli solari;
– Creazione di un dispensario;
– Accordi con scuola locale per incentivare la cultura e lo studio;

Al momento, sono già stati creati, nella “Nimtala Community” di Calcutta, il dispensario, il censimento dello slum, l’iscrizione alla scuola locale, corsi di riciclaggio e di rispetto all’ambiente, un corso di rispetto all’ambiente oltre ad aver avviato un dialogo con la gente del posto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *