23 marzo in val Susa “Difendi il tuo futuro”. L’adesione del Movimento Nonviolento

La nonviolenza in cammino con il movimento NoTav

Il Movimento Nonviolento aderisce alla marcia Susa-Bussoleno di sabato 23 marzo 2013

 

Cammineremo in Val di Susa sventolando la bandiera della nonviolenza che Aldo Capitini creò per la marcia per la pace Perugia-Assisi convocata sulle orme di San Francesco e sul modello della marcia del sale di Gandhi.

Cammineremo in maniera serena ma determinata, anche disposti a soffrire per l’affermazione di ciò che riteniamo giusto, rifiutando la violenza e utilizzando la nonviolenza.

Cammineremo per ringraziare il popolo della Val di Susa della forza e della lucidità con cui in oltre vent’anni ha resistito per la salvaguardia della sua terra e per noi tutti.

Cammineremo per chiedere ai governanti dell’Unione Europea di rivedere il progetto del Treno ad Alta Velocità in Val di Susa, per non sperperare in grandi opere inutili i soldi di tutti noi e per tornando ad essere l’Europa dei cittadini e dei popoli che immaginò Altiero Spinelli, la grande speranza di pace e cooperazione a cui non vogliamo rinunciare.

Cammineremo per chiedere a partiti e governi di Italia e Francia di ritrattare l’accordo: perché evidenzino che governabilità degli scenari complessi non implica ottusità e arroganza nel portare a tutti i costi a termine scelte che in vent’anni si sono rivelate sbagliate; affinché dimostrino che la politica non è il problema ma la soluzione ai grandi problemi a cui andiamo incontro; perché ribadiscano che la violenza diretta non è mai “la continuazione della politica”; e che non fa che generare altra violenza.

Cammineremo per chiedere a noi stessi e alle forze dell’ordine di garantire l’isolamento preventivo di eventuali provocatori, siano essi in divisa, perchè discreditano le istituzioni democratiche, o mascherati, perchè mettono a repentaglio la natura popolare e gli obiettivi politici del movimento. Anche per questo chiediamo a tutti di manifestare a volto scoperto, con leggerezza e gentilezza.

Cammineremo per chiedere ai giornalisti di fare semplicemente il loro lavoro, raccontando a tutti il bello e il buono che ci sarà nella manifestazione, e facendo le inchieste sulle grandi opere, sui costi, sui danni ambientali e alla salute, senza timore dei poteri forti che finanziano alcuni dei loro giornali; essi sono i mediatori essenziali tra gli abitanti della Val di Susa e l’opinione pubblica italiana.

Cammineremo per cercare il dialogo fra tutti i protagonisti di questo difficile confronto: Valsusini, manifestanti, politici, governi locali, governo nazionale, governo europeo, giornalisti, opinione pubblica. La nonviolenza è lo strumento di lotta per trovare la soluzione per il bene di tutti, del territorio e delle generazioni future.

 

Movimento Nonviolento

– Via Spagna, 8 – 37123 VERONA (Italy) –

Tel. (+ 39) 045 8009803 (r.a.) Fax 045 8009212

E-mail: [email protected] – Sito: www.nonviolenti.org

Sezione italiana della W.R.I. (War Resisters International – Internazionale dei Resistenti alla Guerra)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *