Inaugurazione della mostra fotografica – Sguardi a bassa velocità. Ritratti dalla Val di Susa

Al circolo ARCI Asylum di Collegno, via Torino 9/6, sabato 16 febbraio 2013, a partire dalle ore 20, in esposizione fino al 6 marzo. Nel corso della serata concerto del gruppo Polveriera Nobel, Folk-Rock tra tradizione popolare e canzone d’autore.

Approda al circolo ARCI Asylum di Collegno la Mostra fotografica degli allievi del laboratorio di fotogiornalismo a cura di Ugo Borga, esposta per la prima volta, all’inizio di giugno dello scorso anno, al Centro Studi Sereno Regis di Torino (che ha contribuito alla realizzazione) in occasione del suo trentennale.

Di seguito la presentazione degli “scatti” a cura degli autori.

– – – – – – –

Sono vent’anni che in Val Susa si lotta contro la realizzazione del progetto dell’alta velocità Torino-Lione. Sul movimento No Tav molto è stato scritto, detto e rappresentato nelle cronache giornalistiche. Nei sedici scatti che compongono la mostra, non si incontrano né manifestazioni, né scontri. Abbiamo scelto di raccontare chi sono le persone che sfilano dietro alla ben nota bandiera e l’abbiamo fatto attraverso le loro storie personali. Gli “Sguardi” appartengono a loro, persone comuni, che vivono in Val Susa, tutte ritratte nella loro vita quotidiana e nel rapporto con il territorio.

Il progetto del Tav ha portato molti di loro a fare o ribadire scelte personali e collettive, e riscoprire un senso di comunità, uniti da un obiettivo comune, che non ci è sembrato solo quello di lottare contro un treno, ma di affermare e una propria identità “a bassa velocità”.

Abbiamo provato ad esprimere questo punto di vista. “Comunque vada – ci ha detto uno degli intervistati e ritratti – abbiamo vinto”.

Un grazie particolare alle persone ritratte e al fotogiornalista Ugo Borga

I fotografi: Davide Bellucca, Sonia Bergamo, Sabrina Bertano, Cristina Campanella, Filippo Ciardi, Mariateresa Dell’Aquila, Eleonora La Rotella, Fabio Mattutino.

A cura di “4degrees”, fotocollettivo del Centro Studi Sereno Regis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *