Opportunità di lavoro accessorio

Presentazione attività

In occasione del quarantennale della prima legge sull’obiezione di coscienza al servizio militare il Centro Studi Sereno Regis si propone di mettere a disposizione della comunità degli studiosi degli operatori culturali e sociali, e della cittadinanza interessata, il ricco patrimonio storico culturale e civile messo insieme negli anni, su un tema importante che ha contribuito alla crescita di una coscienza civile e nonviolenta del nostro paese. Il materiale che s’intende condividere (riviste, quotidiani, ritagli di giornale, pubblicazioni, corrispondenza, volantini, manifesti, video, filmati, registrazioni, ecc.) racconta gli anni della lotta per il riconoscimento dell’obiezione di coscienza in Italia.

Operativamente, l’iniziativa si articola in due fasi:

1.lavoro preparatorio di riordino, sistematizzazione e selezione del materiale cartaceo e video da rendere successivamente fruibile.

2. organizzazione e realizzazione di 4 iniziative culturali (mostra, seminario, proiezioni) nel periodo novembre dicembre 2012

Azioni

1. Lavoro preparatorio

  • Riordino materiale

  • Individuazione e digitalizzazione del materiale deperibile

  • Elaborazione elenco materiali

  • Organizzazione spazi di conservazione dei documenti

  • Selezione e preparazione dei documenti da esporre nella mostra organizzazione e allestimento della mostra

  • Selezione e individuazione materiale video per organizzazione rassegna cinematografica

  • Preparazione fascicoli e materiali (opuscolo con selezione articoli e testo legge materiali storici

2. Iniziative culturali

  • Segreteria organizzativa e tecnica

  • Ciclo di film

  • Esposizione del materiale storico

  • Seminario sul tema dell’obiezione

  • Prima esposizione dei materiali selezionati

Caratteristiche

Il progetto prevede che il prestatore possa svolgere attività occasionali e accessorie retribuite attraverso buoni lavoro (voucher).

Il voucher ha un valore nominale pari a 10 euro, fissato dal Decreto del Ministro del Lavoro del 12 marzo 2008, comprensivo di:

a) una contribuzione destinata alla gestione separata dell’INPS pari al 13%;

b) un’assicurazione INAIL pari al 7%;

c) un compenso pari al 5% a favore del concessionario (che è l’INPS) per la gestione del servizio.

Il valore netto del voucher è pari a 7,50 euro.

Impegno richiesto: 200 ore.

Periodo: 1 giugno 2012 – 31 dicembre 2012.

Posti disponibili: 1

Chi può partecipare

Cittadini italiani e stranieri con regolare permesso di soggiorno, maggiorenni, residenti nel Comune di Torino, attualmente in situazione di disagio economico dipendente dalla crisi occupazionale, rientranti in una fascia di reddito ISEE (indicatore della situazione economica equivalente) non superiore a 25.000 euro, documentabile attraverso una dichiarazione ISEE in corso di validità, che siano:

  • disoccupati, iscritti nelle liste dei lavoratori disponibili presso il Centro per l’Impiego in data non anteriore al 01/09/2008,

  • che hanno esaurito il diritto a percepire prestazioni connesse con lo stato di disoccupazione (disoccupazione ordinaria, mobilità, trattamenti speciali di disoccupazione edile);

  • disoccupati, iscritti nelle liste dei lavoratori disponibili presso il Centro per l’Impiego in data non anteriore al 01/09/2008, che non hanno i requisiti (es. co.co.pro.) per l’accesso alla disoccupazione ordinaria;

  • giovani, con meno di 29 anni di età, inoccupati alla ricerca della prima occupazione, iscritti nelle liste dei lavoratori disponibili presso il Centro per l’Impiego;

  • giovani, con meno di 25 anni di età, regolarmente iscritti ad un ciclo di studi presso l’Università degli studi e non occupati;

  • percettori di prestazioni di integrazione salariale;

  • percettori di prestazioni connesse con lo stato di disoccupazione (disoccupazione ordinaria, indennità di mobilità, trattamenti speciali di disoccupazione edile);

  • disoccupati, a seguito di licenziamento, che percepiscono indennità di disoccupazione con requisiti ridotti;

  • lavoratori con contratto di lavoro a tempo parziale conseguente a un “contratto di solidarietà”

  • (le prestazioni occasionali e accessorie non possono essere effettuate presso lo stesso datore di lavoro con il quale si svolge il rapporto a tempo parziale).

Per informazioni e invio curriculum

Umberto Forno

[email protected]

Tel. 011/532824

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *