Dall’ecologia all’ecosofia – Recensione di Nanni Salio

Luciano Valle, Dall’ecologia all’ecosofia. Percorsi epistemici ed etici tra Oriente e Cristianesimo, tra scienza e saggezza, Ibis, Como 2011, pp. 390

Ho cominciato a occuparmi di ecosofia sin da quando ho scoperto i lavori di Arne Naess (Ecosofia, Red, Como 1984), il filosofo norvegese che ha introdotto il concetto di deep ecology distinguendolo dalla shallow ecology. Mi ha pertanto colpito positivamente l’idea di un’ampia raccolta antologica come quella curata da Luciano Valle, che mette a disposizione molteplici materiali non sempre facili da consultare.

Nella prima parte, “Ispirazioni per l’abitare nel terso millennio”, l’autore presenta sinteticamente il pensiero di figure assai diverse, da Rachel Carson a Joseph Needham, da Etty Hillesum ad Antonio Gramsci (sì, anche lui ha qualcosa da insegnarci) che tuttavia, per uno spiacevole errore tipografico, viene sovrapposto ad Al Gore! (p.40)

Nelle parti successive del libro, la carrellata continua con autori diversi, provenienti sia dalla cultura del cristianesimo sia da quella delle filosofie orientali (“Oriente e saggezza”) dove spiccano le figure di Tagore, Aurobindo, Gandhi, Suzuki, Krishnamurti.

Per evitare che il lettore si perda nel grande dedalo delle culture, sarebbe stato utile un quadro concettuale analitico riassuntivo. Forse nei suoi futuri lavori, l’autore ci offrirà anche questo prezioso contributo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *