Democrazia multilivello e beni pubblici

Una risposta possibile alla crisi di governance europea e mondiale
mercoledì 14 dicembre 2011 – ore 17.30 – 19.30
Fondazione Luigi Einaudi, Via Principe Amedeo, 34 – Torino

Intervengono:
Giampiero Bordino, Centro Einstein di Studi Internazionali
Andrea Giorgis
, professore di Diritto costituzionale, Università di Torino
Guido Montani,
professore di Economia politica internazionale, Università di Pavia

Introduce e modera: Luigi Bonanate, Centro studi Piero Gobetti

Il dibattito intende affrontare e approfondire i temi, fra loro collegati, della fornitura dei beni pubblici necessari allo sviluppo e alla convivenza civile e dei diversi livelli istituzionali, da quello locale a quello globale, che li devono necessariamente garantire.
La crisi attuale può essere “letta” alla luce di due fondamentali problemi irrisolti: da un lato quello del rapporto fra beni pubblici (e comuni) e beni privati, d’altro lato quello della costruzione, e dell’adeguato (in termini sia di legittimazione sia di efficacia) funzionamento dei molteplici e diversi livelli istituzionali necessari alla fornitura dei beni pubblici. La crisi attuale nasce in sostanza da una carente fornitura di fondamentali beni pubblici (sicurezza internazionale, stabilità monetaria e finanziaria, coesione sociale, sostenibilità dello sviluppo, conoscenza ecc.) che mette sempre più a rischio anche la possibilità stessa di godere dei propri beni privati e, nello stesso tempo, da una carente e incompleta presenza di sistemi di regole e di istituzioni in grado di garantire la fornitura di questi beni.
Nel contesto del mondo globalizzato e interdipendente, e della crisi che rischia di travolgerlo, è ormai sempre più evidente che il solo livello istituzionale nazionale è inadeguato e impotente e che la fornitura dei beni pubblici a livello sovranazionale, europeo e globale, è la risposta urgente e necessaria a tale crisi. La costruzione di una nuova democrazia multilivello in grado di garantire, in modo legittimato ed efficace, i beni pubblici “dal locale al globale” è dunque la prospettiva non più utopica ma del tutto “realistica” che il XXI secolo pone di fronte a tutti noi.

Si prega di dare conferma della partecipazione al seguente recapito:
Movimento Federalista Europeo
Via Schina, 26 – 10144 Torino – Tel/Fax: 011-4732843
[email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *