Boicottaggi… passo dopo passo

Ecco il successo di un boicottaggio organizzato e seguito da Greenpeace. Boicottare è rock!

Dopo Nike e Puma, anche Adidas ha annunciato che diventerà toxic-free. È la vittoria di milioni di persone che dipendono dai fiumi per l’acqua potabile e l’agricoltura.

Nike, Adidas e Puma si sono impegnate pubblicamente a ridurre a zero il rilascio di sostanze chimiche pericolose in tutta la loro filiera produttiva e nei prodotti entro il 2020. I tre brand più importanti dello sport finalmente lo ammettono: non esistono “livelli sicuri” di sostanze tossiche e solo una politica di “scarichi zero” può fermare l’industria che inquina le nostre acque con composti chimici persistenti e che mettono a rischio la salute.

Dopo la pubblicazione delle  inchieste “Panni sporchi” e “Panni sporchi 2” sembra proprio che eliminare le sostanze tossiche stia tornando di moda.

(a cura di Cinzia Picchioni – Per contatti: via Bertola, 57 – Torino – 011539170)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *