I pensieri delle differenze e le memorie – Recensioni di Dario Cambiano

Laura Tussi, Il pensiero delle differenze. Dall’intercultura all’educazione alla pace, Aracne, Roma 2011

Laura Tussi, Il dovere di ricordare. Dalla shoah all’attualità dell’intercultura, Aracne, Roma 2010

Laura Tussi, Memorie e olocausto. Il valore creativo del ricordo per una “pedagogia della resistenza” nella differenza di genere, Aracne, Roma 2009

Laura Tussi, Sacro, EMI, Torino 2009

 

A seguito di un caloroso incontro avvenuto nella nostra sede, abbiamo ricevuto dall’autrice e volentieri archiviamo nella nostra biblioteca i libri scritti da Laura Tussi.

Laura, ricercatrice e insegnante, plurilaureata, si occupa di interculturalità e pace. I suoi libri, “Il pensiero delle differenze”, “Il dovere di ricordare”, “Memorie e olocausto”, si svolgono sulle riflessioni che negli anni ha elaborato nella sua esperienza umana e didattica: occupandosi di Shoah e deportazione, avendo intervistato decine di ex deportati, ha concretizzato la sua esperienza in questi documenti che ci spiegano il suo percorso riflessivo che l’ha portata ad analizzare i percorsi che portano l’uomo dall’intolleranza alla Shoah.

Interessante, in particolare, in “Memorie e Olocausto la riflessione sul valore del ricordo nella società occidentale., l’analisi del rapporto tra ricordo e politica, ma anche la visione del ricordo proiettata nel nostro futuro sempre più tecnologizzato, e quindi foriero di solitudini crescenti Ma la specifica formazione di Laura Tussi si esprime al meglio nel terzo capitolo, il rapporto tra intolleranza e multiculturalità, e lo specifico contributo femminile all’evoluzione culturale della società. Completano il volume tre interessanti interviste ad Amos Luzzatto, Massimo Cacciari e Moni Ovadia.

Ne “Il dovere di ricordare” Laura Tussi prende spunto dalla trasmissione tv “Testimonianze dai lager” per sviluppare la sua analisi su intolleranza, razzismo e nascita dei totalitarismi. Questo suo lavoro però non si riduce alla storiografia, ma attualizza il pensiero sulle persecuzioni razziali analizzando la scuola contemporanea nel suo rapporto con i nuovi migranti, elaborando una vera e propria “didattica della pace”: il dialogo multiculturale è la base per una società pacificata.

“Il pensiero delle differenze” è un breve saggio sul significato di interculturalità e sul suo rapporto con la scuola, ambiente d’elezione di Laura Tussi. Valorizzare le differenze, risolvere i conflitti in modo nonviolento, costituiscono la base della serena convivenza sia in ambito scolastico che nella società. E’ evidente che l’orizzonte di L.aura Tussi è una società planetaria!

 

Discorso a parte è il bellissimo libretto intitolato “Sacro”, facente parte di una collana, “Le parole delle fedi” diretta da Brunetto Salvarani per la EMI. Un vero e proprio commentario all’opera di Mircea Eliade “Il sacro e il profano”. Davvero interessante l’analisi del rapporto tra sacralità e psicanalisi contemporanea.

 

Dario Cambiano

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *