Nutrire il mondo per cambiare il pianeta – Recensione di Elena Gasparri

Nutrire il mondo per cambiare il pianeta. Strumenti e percorsi per educare alla sovranità alimentare, Mani Tese, CISV, CRES, Comuni per la Pace

Se c’è una cosa che accomuna tutti gli esseri umani è il bisogno di nutrirsi: il cibo è linfa vitale ma allo stesso tempo diritto spesso negato. Il problema non è tanto di quantità quanto di accesso e qualità. E nella determinazione di questa situazione un ruolo importante è rivestito dalle politiche commerciali ed economiche di sfruttamento di Stati e organizzazioni internazionali, i quali anziché risolvere il problema ne accentuano le conseguenze. E’ dunque necessario un nuovo approccio, che consideri la problematica in tutta la sua complessità e che abbia come obiettivo l’autodeterminazione e l’eguaglianza dei popoli.

In questo contesto si inserisce la tematica della sovranità alimentare, proposta da vasti movimenti del Sud e del Nord del mondo: si tratta del diritto di produrre, trasformare, commerciare e consumare il cibo secondo natura e criteri di giustizia e democrazia, dunque senza utilizzare prodotti chimici o OGM, coltivando le varietà locali, seguendo i ritmi naturali. Non solo: importanti in quest’ottica sono anche le modalità di produzione, che devono essere socialmente inclusive e democraticamente gestite. Solo in questo modo può essere garantita una piena e continua disponibilità di cibo necessaria al sostegno delle persone.

Scopo di questo libro è contribuire alla costruzione e attuazione di questo nuovo paradigma elaborando una riflessione dal punto di vista educativo, consapevoli che la conoscenza sta alla base di ogni cambiamento. La scuola ha infatti il compito di informare, spiegare, produrre conoscenza adeguata a formare atteggiamenti e comportamenti impegnati sul fronte di una partecipazione consapevole alla costruzione del futuro.

Ecco dunque l’importanza di questo kit didattico, rivolto alle scuole di ogni ordine e grado, utile guida per introdurre in ambito scolastico questa ampia e complessa tematica. Al suo interno sono presenti numerosi articoli, proposte metodologiche, percorsi didattici, schede tematiche specifiche sui problemi correlati, una serie di carte geografiche costruite tramite ricerche ad hoc e una raccolta di video prodotti da Mani Tese e dall’Ong Sos Faim, contenuti nel CD-ROM allegato.

L’approccio utilizzato è partecipativo e interdisciplinare, basato su metodologie laboratoriali e interattive. Le schede presenti indicano le materie di riferimento, gli obiettivi, il percorso di lavoro e gli strumenti didattici.

Insomma, un utile filo di Arianna che guida gli insegnanti all’interno di questo labirinto, accompagnando bambini/e e ragazzi/e a diventare cittadini consapevoli.

Elena Gasparri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *