Il tempo è denaro

Solo oggi mi sembra di aver capito veramente il significato di questo detto. Ma non nel senso che comunemente gli si attribuisce. Di solito si usa dire «Il tempo è denaro» quando qualcuno ce lo fa perdere e cerchiamo di fargli capire che non ci si comporta così…

Provo invece a spiegare come mi sembra di essere riuscita a capire veramente che «il tempo è denaro»:

8 ore per mezzo chilo di pane

Esco di casa per andare a lavorare tutto il giorno (magari non mi piace neanche tanto, magari viaggio molti minuti su un mezzo pubblico, a pagamento, per raggiungere il posto di lavoro) e guadagnare uno stipendio. Finito il mio orario di lavoro torno a casa e passo da una panetteria per comprare il pane.

Lavoro per guadagnare i soldi per comprare il pane.

Ci sono due passaggi intermedi (lavoro-soldi-pane)

Sto a casa e faccio il pane con le mie mani.

Lavoro per fare il pane.

C’è un solo passaggio (lavoro-pane)

Allora: posso usare il tempo per guadagnare soldi per comprare qualcosa o posso usare il tempo per avere direttamente quel qualcosa. È così, mi pare di aver capito, che «il tempo è denaro».

È il concetto del computer e della macchina per scrivere: scrivo al computer, poi devo avere una stampante e devo passare il testo alla stampante per averlo stampato (2 passaggi): Con la macchina scrivevo direttamente sulla carta (1 solo passaggio).

È il concetto dell’ecografia e della visita medica: il medico impugna l’ecografo, lo passa sulla pancia, l’immagine passa attraverso un macchinario e il medico «legge» la tua pancia su un altro mezzo – lo schermo – senza guardare te. Il medico di una volta metteva direttamente le mani sulla pancia e «leggeva» direttamente che cosa c’era che non andava.

Quale modo è più «semplice»?

(a cura di Cinzia Picchioni – Per contatti: via Bertola, 57 – Torino – 011539170)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *