Macchine da guerra: Blackwater, Monsanto e Bill Gates – Silvia Ribeiro

Un rapporto di Jeremy Scahill in The Nation (Blackwater’s Black Ops, 15.09.10) rivelava che il maggiore esercito mercenario al mondo, Blackwater (ora denominato Xe Services – servizi d’intelligence clandestini), era stato venduto alla multinazionale Monsanto. Blackwater è stata ribattezzata nel 2009 dopo essere divenuta famosa nel mondo per numerosi rapporti di abusi in Iraq, ivi compresi massacri di civili. Resta il maggiore appaltatore privato dei “servizi di sicurezza” del Dipartimento di Stato U.S.A, che pratica il terrorismo di stato dando al governo l’opportunità di negarlo.

Molti militari ed ex-funzionari CIA lavorano per Blackwater o società collegate create per sviare l’attenzione dalla propria cattiva reputazione e fanno alti profitti vendendo i propri vili servizi – che vanno dall’informazione e lo spionaggio all’infiltrazione, al lobbying politico e all’addestramento paramilitare – per altri governi, banche e multinazionali. Secondo Scahill, gli affari con le multinazionali, come Monsanto, Chevron, e giganti finanziari come Barclays e Deutsche Bank, vengono convogliati tramite due società possedute da Erik Prince, proprietario di Blackwater: Total Intelligence Solutions e Terrorism Research Center. Questi funzionari e direttori si spartiscono la Blackwater.

Uno di loro, Cofer Black, noto per la sua brutalità come uno dei direttori della CIA, è stato quello che ha stabilito il contatto con la Monsanto nel 2008 in qualità di direttore di Total Intelligence, stabilendo un contratto con la società per spiare e infiltrare organizzazioni di attivisti sui diritti animali, anti-(O)GM e altre attività sporche del gigante della biotecnologia.

Contattato da Scahill, il dirigente Monsanto Kevin Wilson rifiutò di commentare, ma confermò in seguito a The Nation di aver noleggiato Total Intelligence nel 2008 e 2009, secondo la Monsanto solo per tener d’occhio le “rivelazioni pubbliche” dei suoi avversari, dicendo pure che Total Intelligence era un’ “entità del tutto separata da Blackwater”.

Comunque, Scahill ha copie di e-mail di Cofer Black dopo l’incontro con Wilson per la Monsanto, dove spiega ad altri ex-agenti CIA, usando le loro e-mail presso Blackwater, che la discussione con Wilson aveva portato Total Intelligence a diventare “braccio d’intelligence di Monsanto”, per spiare attivisti e altre iniziative, compresi “i nostri per integrare legalmente questi gruppi”. [Per] Total Intelligence Monsanto ha pagato $ 127,000 nel 2008 e $ 105,000 nel 2009.

Non sorprende che una società ingaggiata nella “scienza della morte” come Monsanto, dedita fin dall’inizio alla produzione di sostanze tossiche che spaziano dall’Agent Orange ai PCB (bifenili policlorurati), pesticidi, ormoni e semi geneticamente modificati, sia associata a un’altra società di farabutti.

Quasi simultaneamente alla pubblicazione di quest’articolo su The Nation, la Via Campesina ha riferito l’acquisto di 500,000 azioni di Monsanto, per più di 23 milioni di $, da parte della Fondazione Bill & Melinda Gates, che con tale azione ha finito di gettare la maschera “filantropica”. Un’altra associazione che non sorprende.

E’ un matrimonio fra i due più brutali monopoli nella storia dell’industrialismo: Bill Gates controlla più del 90% della quota di mercato di proprietari di computer e Monsanto circa 90% del mercato globale delle sementi transgeniche e buona parte delle sementi commerciali globali. Non esistono in alcun altro settore industriale monopoli così vasti, la cui stessa esistenza è una negazione del vantato principio della “concorrenza di mercato” del capitalismo. Sia Gates sia Monsanto sono molto aggressivi nel difendere i loro monopoli ottenuti in malo modo.

Benché Bill Gates potrebbe tentare di dire che la Fondazione non è collegata ai suoi affari, tutte le loro prove sostengono il contrario: la maggior parte delle loro donazioni finiscono per favorire gli investimenti commerciali del magnate, effettivamente non “donando” alcunché: anziché pagare tasse ai forzieri statali, egli investe i suoi profitti là dove gli è favorevole economicamente, compresa la propaganda sulle loro ipotetiche buone intenzioni. Al contrario, le loro “donazioni” finanzano progetti distruttivi come la geoengineering (geoingegneria) o la sostituzione di medicine comunitarie naturali con medicine brevettate high-tech nelle aree più povere del mondo. Quale coincidenza: l’ex-ministro della Sanità Julio Frenk e Ernesto Zedillo sono consulenti della Fondazione.

Come Monsanto, Gates è inoltre impegnato a tentare di distruggere l’agricoltura rurale contadina a livelo mondiale, principalmente mediante l’ “Alliance for a Green Revolution in Africa” (AGRA). che funziona come un cavallo di Troia per privare i poveri agricoltori africani delle loro sementi tradizionali, sostituendole con quelle delle proprie aziende per cominciare in seguito con quelle geneticamente modificate (GM). A tal fine, la Fondazione ha assunto Robert Horsch nel 2006, il direttore di Monsanto. Ora Gates, rendendo noti importanti profitti, ha svelato direttamente la fonte.

Blackwater, Monsanto e Gates sono tre lati della stessa figura: la macchina da guerra al pianeta e a gran parte della gente che lo abita, che siano contadini, comunità indigene, persone che vogliono condividere informazione e conoscenza, o chiunque altro non intenda soggiacere alla cappa del profitto e alla distruttività del capitalismo.

* L’autrice è ricercatrice al Gruppo ETC

La Jornada 14.10.10

Traduzione di Miky Lanza per il Centro Studi Sereno Regis

Titolo originale: Machines of War: Blackwater, Monsanto, and Bill Gates

http://www.transcend.org/tms/2010/10/machines-of-war-blackwater-monsanto-and-bill-gates/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *