Chernobyl Day: Non Dimenticare. Per non rivivere

Lunedì 26 aprile 2010 , in occasione del Chernobyl Day, il Movimento per l´alternativa al Nucleare, con l´adesione della RSU del Politecnico, organizza un dibattito al Politecnico di Torino alle ore 18.30, con proiezione di video significativi ed inediti.

Interverranno:
Luigi Sertorio (docente di Ecofisica all´Università di Torino) Futuro Sì,Nucleare No : scelte, spese, responsabilità
Pier Luigi Cazzola (Medicina Democratica Torino) Bielorussia 2010: epidemiologia delle basse dosi
Ernesto Scalco e Sara Mela (Progetto “Chernobyl” Caselle Torinese) Cooperazione Italia-Bielorussia: Accoglienza dei bambini di Chernobyl
Umberto Lorini (Legambiente Saluggia) Saluggia e le sue scorie nucleari

Il dibattito sarà trasmesso in streaming sul web. Si effettuerà un collegamento via Internet con gli eventi contemporanei in altre città
italiane.

Promotori e primi aderenti al Movimento per l´alternativa al Nucleare Ass Voglia di futuro – Torino -Medicina Democratica sezione di Torino – Centro Studi Sereno Regis – Ecoistituto del Piemonte “Pasquale Cavaliere” – Forum Ambientalista del Piemonte – PRC Regionale Piemonte – Sinistra Critica – PBC Per il Bene Comune – Rete Nazionale Antinucleare RNA – Commissione Ambiente PRC Torino – Associazione “il Girasole” – Coordinamento-Comitato NoTangEst – Generazione Cursi – Associazione Magna Charta – Delegazione Piemontese del Comitato Nazionale del Paesaggio – Pro Natura Torino – Gruppo 9 Agosto (Lecce) – Rdb Torino – Legambiente Napoli Centro Antico – Legambiente volontariato Ecopolis Torino – No Tav Torino

Se vuoi sapere di più sul Chernobyl Day 2010 e su tutto il resto http://www.docstoc.com/docs/document-preview.aspx?doc_id=35049199

Scarica il  volantino

Una replica a “Chernobyl Day: Non Dimenticare. Per non rivivere”

  1. Concordo pienamente con quanto manifestato!
    Credo però che l'incidente di Fukushima sia di grado superiore sulla scala INES rispetto a Chernobyl e comunque parliamo sempre di disastri incomputabili.
    Proprio in questi giorni mia nipote mi ha domandato di Chernobyl! Le ho chiesto se era un argomento trattato a scuola e lei mi ha spiegato di aver appreso l’esistenza di Chernobyl da alcuni racconti ebook comprati per le vacanze: “Il racconto di Elena” e “Chernobyl scoppio alla centrale” di una autrice che si chiama Alessandra Pesaresi.
    Sono rimasto piacevolmente sorpreso perché non credevo che esistessero racconti per ragazzi tanto interessanti nonostante il difficile argomento. I giovani e i più giovani devono conoscere l'ambiente in cui vivono e respirano. Cordiali saluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *