domenica 9 novembre – Presidio in occasione dei “festeggiamenti” per l’anniversario della Prima Grande Carneficina Mondiale

Cantieri di pace ed altri gruppi torinesi promuovo un Presidio in Piazza Vittorio angolo Via Po in occasione dei “festeggiamenti” per l’anniversario della Prima Grande Carneficina Mondiale.

Ritrovo domenica 9 novembre ore 9:30

=============================================

90° Anniversario della Prima Grande Carneficina Mondiale
Mai più la guerra!

La prima guerra mondiale costò all’Italia 650 mila morti e un milione di mutilati e feriti. A morire furono i figli dei contadini strappati ai campi e ai loro affetti e mandati al fronte con la minaccia dei plotoni di esecuzione alle spalle.

Mentre ricordiamo le vittime di ogni nazionalità di quella “inutile strage”, denunciamo il tentativo del ministro della difesa Ignazio La Russa di recuperare la retorica sulla Prima Guerra Mondiale, glorificandola con una campagna in grande stile, fatta di spot televisivi, parate militari e generali che salgono in cattedra nelle scuole.

Mentre:

• si tagliano i fondi alla scuola e alla ricerca,

• salari, stipendi e pensioni continuano a perdere potere d’acquisto,

• la crisi industriale, particolarmente a Torino, inizia a diventare un problema grave per le molte fabbriche in crisi, con il ricorso massiccio alla cassa integrazione e l’espulsione dei precari,

Si spendono milioni di euro per queste celebrazioni (3 milioni solo per il concerto di Bocelli a Roma). Inoltre, la spesa militare italiana (cioè il funzionamento ordinario delle quattro forze armate, le missioni all’estero e il finanziamento pubblico al comparto militar-industriale), in questo periodo di crisi, ammonta alla cifra record di 23 miliardi e 352 milioni di euro, pari all’11% in più rispetto allo scorso anno.

Questo è l’ennesimo segnale del clima di restaurazione ideologica che si cerca di imporre nel paese con la riproposta di uno Stato autoritario, non laico, e di valori come patria e famiglia, svuotati del loro senso originario e resi strumentali alle logiche di mercato.

Si vuole celebrare la guerra di allora per meglio giustificare quelle di oggi!
4 Novembre – Non festa ma lutto!

Cantieri di pace – Pacifisti torinesi

I commenti sono chiusi.