Novità libri – Alfred W. McCoy – Una questione di tortura

Alfred W. McCoy, “Una questione di tortura. I metodi di interrogatorio della Cia, dalla guerra fredda alla guerra al terrore”, Socrates, Roma 2008, p. 336

In un’inchiesta che copre cinquant’anni di attività e di studio da parte della CIA sulle nuove forme di tortura, lo storico Alfred W. McCoy colloca le ragioni alla base degli scandali di Abu Ghraib e Guantanamo in un preesistente metodo di interrogatori basato sulla tortura psicologica che si rivela persino più devastante di quella fisica. Essa si basa su due pratiche fondamentali: la “deprivazione sensoriale” e il “dolore auto-inflitto”. Da queste sono state sviluppate tecniche come l’isolamento, l’incappucciamento, la costrizione a rimanere in piedi per ore, e la manipolazione del tempo che stravolge le facoltà sensoriali delle vittime e distrugge le basi dell’identità personale. Questi metodi di tortura sono stati raffinati con l’apporto più o meno consapevole delle maggiori università americane e canadesi, e McCoy ne segue le tracce in tutto il mondo dal Vietnam all’Iraq, passando per l’America centrale e avverte che, dopo l’11 settembre, la tortura psicologica è diventata l’arma principale della CIA nella guerra al terrore.

Alfred W. McCoy (1945) è docente di storia all’Università di Winsconsin-Madison e tra i maggiori esperti della storia segreta della CIA.

Il sito delle Edizioni Socrates

I commenti sono chiusi.