Ponte di note

PONTE DI NOTE

La musica non è un privilegio: è un diritto di tutti. Per garantire questo diritto Ramzi Aburedwan, musicista palestinese, nato ventotto anni fa in un campo profughi alla periferia di Ramallah, ha deciso di aprire, nel 2005, una scuola di musica (Al Kamandjati – www.alkamandjati.com) nel centro storico della città e di portare lo studio della viola, del violino, della chitarra, della fisarmonica, nei campi profughi e nei centri urbani dei Territori Occupati. La storia di Ramzi è una parabola esemplare: nel 1987 era un ragazzino che lanciava le pietre contro i carri armati israeliani (e una foto diventata celebre lo ha fatto diventare il simbolo della prima Intifada), nel 1999 sedeva nella fila della West-Eastern Divan Orchestra fondata da Daniel Barenboim.
L?Associazione per la Pace di Mola di Bari con l?Assessorato alla Cultura del Comune di Mola di Bari intendono sostenere il progetto della scuola ?Al Kamandjati? e stanno reperendo risorse e disponibilità per dargli forza, cercando il più ampio coinvolgimento di istituzioni, associazioni e singoli.

Stato attuale del progetto
Ci sono già diversi musicisti che hanno dato la loro disponibilità a collaborare. Il contributo più concreto che a loro si chiede è quello di insegnare almeno per un mese nei campi profughi. I tempi sono da concordare sulla base dei bisogni e delle disponibilità. A carico del progetto rimborso spese di viaggio e spese di permanenza. Si chiede a tutti la collaborazione per la diffusione dell?iniziativa per ottenere un numero di adesioni adeguato entro il mese di gennaio, in modo che il progetto possa partire nel 2008.

Per comunicazioni:
[email protected]
[email protected] cell. 3471565119

I commenti sono chiusi.