La mia scomoda verità

La mia scomoda verità

Lettera aperta di Medha Patkar alla città di Torino

Care amiche e cari amici, gentili cittadine e cittadini, onorevoli imprenditori e autorità,
Cinque anni fa, in questo stesso periodo dell?anno, una delegazione del Narmada Bachao Andolan, (il Movimento di Resistenza contro il mega progetto di dighe sul fiume Narmada) veniva ricevuto con grande onore dalla vostra ospitale città. Tra essi, la scrittrice Arundhati Roy insieme a vari attivisti e film makers che nel corso degli anni hanno seguito e documentato questa straordinaria esperienza di resistenza. In quel momento ero molto impegnata, come ogni anno subito dopo i monsoni, con le sommersioni che vedevano in pericolo un gran numero di villaggi nelle aree vicine alla diga – e non mi fu possibile essere con loro. Ma l?eco della solidarietà e del sostegno che avete avuto modo di esprimere alla nostra lotta, è arrivato fino in India.
Cinque anni dopo, la diga Sardar Sarovar ha raggiunto quota 122 metri. E poiché non c?è terra disponibile per mantenere l?impossibile promessa della ?nuova terra in cambio della terra requisita? i lavori si sono interrotti (grazie al cielo) di nuovo. Ma la gente non ha smesso di lottare per costringere il governo a cancellare una volta per tutte il progetto. Alla data attuale, non meno di 200 mila persone potrebbero essere salvate.
Ma la ragione per la quale ho deciso di scrivervi questa lettera oggi è mettervi al corrente circa la terribile ingiustizia che ha colpito migliaia di contadini (in parte proprietari, nella maggior parte semplici lavoranti) che una volta dipendevano dalle terre più fertili che possiate immaginare, nel Bengala Occidentale. Ebbene: quelle terre sono state cancellate per far posto a un progetto di industrializzazione che (mi hanno detto) qui in Italia è stato descritto come esempio di ?nuovo e visionario coraggio? del Ministro di quell?area, Bhuddadeb Bhattacharjee ? ma che in effetti ha registrato un enorme costo umano, ambientale e sociale, per la gente che in quella regione viveva da sempre.
Mi riferisco all?area di Singur, a circa 40 km dalla città di Kolkata: dove non meno di 22 mila persone sono state costrette a sloggiare dalle loro case e terre per far spazio agli impianti in cui TATA Motors produrrà la sua famosa ?low cost car?. In nome dello Sviluppo Industriale, un?area di 400 ettari dieci volte più estesa dello Stato del Vaticano e straordinariamente produttiva (dai 3 ai 5 diversi raccolti all?anno) è stata requisita con la forza.
I contadini si sono opposti dal momento stesso in cui il progetto è stato annunciato, nel mese di maggio 2006. Ma la loro voce è stata ignorata. Si sono opposti di nuovo in luglio e in Settembre, e durante quegli scontri un giovane ha perso la vita. Hanno provato di nuovo a resistere anche il 2 dicembre ? ma non sono riusciti a contenere la forza militare di 600 poliziotti e 1500 ?agenti? reclutati apposta per recintare quelle terre nel minor tempo possibile contro la loro volontà, e sebbene una buona metà delle terre non fossero ancora state cedute poiché era in corso il negoziato con i proprietari. In quei giorni, molte donne vennero umiliate e molestate, ingiustamente accusate dei più assurdi reati da parte della forza pubblica. Io stessa, insieme ad altri attivisti sociali, sono stata fermata, malmenata e arrestata per ben tre volte in una sola settimana – e sia a me che ad altri attivisti impegnati sul fronte dei Diritti Umani è stato negato il diritto di visitare l?area.
Da quel giorno Singur è stato un campo di battaglia, teatro di una serie di episodi di sangue, violenza e abusi. Durante i mesi di febbraio e marzo la polizia ha più volte picchiato a colpi di lathi (la micidiale canna di bambù) chiunque osasse far sentire la propria voce. Il momento più cupo è stato lo stupro e poi l?uccisione di una ragazza, Tapasi Mallich, rea di avere guidato un dharna (seduta di protesta nonviolenta) nel suo villaggio. Molte altre morti, per assassinio o per suicidio, sono seguite dopo la sua. L?ultimo episodio è di poche settimane fa: un contadino che, rimasto senza la terra di cui viveva, si è impiccato i primi di settembre, per disperazione.
Tutto ciò non ha impedito a TATA Motors di proseguire nella costruzione del suo stabilimento e il Governo del West Bengala ha ripetutamente dichiarato il progetto ?NON negoziabile? in considerazione degli?impegni? già presi e firmati con numerosi Investitori Esteri, soprattutto con l?Italia.
La lotta è continuata per tutti questi mesi: non meno di mille famiglie, in parte piccoli proprietari, la maggior parte bargadars (cioè mezzadri, semplici lavoranti) che da generazioni dipendono dalla coltivazione di queste terre e che non si arrendono all?idea di perdere insieme ad esse l?unica fonte di sostentamento. Quanto agli stabilimenti TATA Motors: avrebbero potuto essere destinati a terre NON agricole, evitando la distruzione di una prospera economia e delle comunità che da essa dipendevano. Ma la speculazione finanziaria e immobiliare non sarebbe stata altrettanto rapida e profittevole.
E? questo il motore che spinge tanti casi di requisizione territoriale (e sfollamenti ambientali) nell?India di oggi. Su questo infuria il dibattito che divide il mio paese circa la sempre più stretta collusione tra il cosiddetto Corporate Sector e la Politica. Di questo vorrei foste informati. Le stragi che si sono poi verificate a Nandigram (nel marzo scorso, durante gli scontri scoppiati in opposizione a un grosso progetto di insediamento petrolchimico a beneficio dell?indonesiana Salim) hanno finalmente bloccato, almeno per un po?, qualsiasi progetto di SEZ (Special Economic Zone) in Bengala. Ma non a Singur, che non è mai stata neppure dichiarata SEZ. Singur è semplicemente passata di mano, ridotta a feudo della famiglia TATA, a ingranaggio propulsore tra gli altri dell?alleanza TATA-FIAT.
E questo è il motivo che mi spinge a scrivervi questa lettera, oggi. Negli stessi mesi in cui noi si viveva questo sanguinoso conflitto sociale, il vostro paese spediva in India la più impressionante delegazione commerciale che mai si sia vista in 60 anni di storia post-coloniale: non meno di 450 tra uomini d?affari, banchieri, managers, delegati a vario titolo, giornalisti, accademici e naturalmente politici ai massimi livelli, hanno in pochi giorni toccato le nostre maggiori capitali con l?obiettivo di raddoppiare il volume delle transazione tra Italia e India nel più breve tempo possibile. ?Le condizioni di ingresso sono favorevolissime, considerato il modesto costo dei terreni e le attraenti esenzioni fiscali? ha euforicamente dichiarato un rappresentante della vostra Confindustria al quotidiano indiano ?Financial Express?.
Particolarmente triste è stato assistere al totale silenzio della vostra stampa e della FIAT, su più fronti impegnata con TATA Motors e ?partner? a tutto campo, sia tecnologico sia di know how, anche sul fronte della commercializzazione su mercati terzi e quindi dei profitti ?globali? su questo progetto di ?low cost car?. Noi, popoli e movimenti indiani, ci opponiamo a questo stile neo-coloniale di ?partenariato? e ci domandiamo come possa succedere che una nazione così civilizzata e ricca di cultura come l?Italia possa associarsi a un simile e sistematico furto di terre, violento e brutale, contrario a qualsiasi nozione di Diritto Umano, e in totale contrasto con qualsiasi nozione di sostenibilità e di rispetto per l?ambiente. Ci chiediamo anche come possa essere successo che coloro che erano al corrente della situazione (i vostri diplomatici in India, i vari Funzionari e Ministri che hanno preparato la Missione Prodi in India) possano essere rimasti così indifferenti alle notizie degli scontri, benché fossero sotto gli occhi di tutti.
Mi dicono che la città di Torino, e proprio negli ex impianti industriali del Lingotto, ha ospitato esattamente un anno fa (ed ospiterà di nuovo il prossimo anno) la più grande e magnifica celebrazione dei valori economici e culturali di ?Terra Madre?. E non posso fare a meno di pensare che, forse, anche una piccola delegazione dalle campagne di Singur avrebbe potuto essere tra i vostri ospiti della prossima edizione, se quei 400 ettari di terra fertile e amorosamente coltivati non fossero stati distrutti con tutti i loro frutti. Mai più lo sviluppo industriale riuscirà a imporsi nel nostro paese a spese dello sviluppo agricolo raggiunto dai nostri contadini nell?arco di anni di costante sforzo! Come può un Governo italiano che si definisce di Centro-Sinistra, ritenersi ?Partner? di un simile progetto di distruzione, di una simile ?produzione? (invece che diminuzione) di povertà? E? questo il ?partneriato economico? che l?Europa, l?Italia hanno in mente?
Mi appello a voi e al vostro Parlamento affinché il conflitto sociale esploso nelle aree di Singur riceva d?ora in poi la massima considerazione, a maggior ragione dopo che la stessa Alta Corte di Kolkata ha recentemente rilevato l?illegalità di quelle requisizioni; nonché le condizioni di assoluta convenienza offerte a TATA Motors, a fronte delle perdite sofferte da un?intera collettività. A nome di tutti coloro che stanno soffrendo per l?iniquità di quelle requisizioni, mi auguro di udire almeno UNA voce di protesta, proveniente dall?Italia, contro questa volgare ingiustizia che si sta perpetuando a spese del nostro settore agricolo e delle comunità rurali, in Bengala occidentale e altrove.

Torino, 22 ottobre 2007

I commenti sono chiusi.