Libro della pace

Christine de Pizan, “Libro della pace. Col Poema di Giovanna d’Arco”, traduzione e cura di Bianca Garavelli, Medusa, Milano 2007, p. 221

Il Libro della pace è un testo per molti aspetti originale e sorprendente. È stato scritto da un’autrice, Christine de Pizan, abituata a muoversi in un universo maschile, una scrittrice e poetessa che ha sempre affrontato nella sua scrittura i problemi del mondo femminile, difendendo da un punto di vista sociale e politico il ruolo delle donne nella colta e raffinata élite cortigiana della Francia del Quattrocento. Ma in questo caso Christine produce un’opera ancora più stimolante, per il suo tempo e anche per i lettori di oggi: un trattato sul buon governo, pieno di consigli acuti e concreti, e sempre mediati da un’autentica, profonda fede, su come ottenere e gestire l’imprendibile tesoro della pace. Dedicato al delfino Luigi di Francia, duca di Guyenne, e scritto in occasione della conquista di una pace sia pure non durevole nel tragico volgersi di eventi della Guerra dei Cento anni, presenta una sorprendente particolarità: è stato ultimato nel 1413, cioè cento anni prima di un altro trattato sul buon governo, destinato a diventare una pietra miliare nel suo genere, Il Principe di Niccolò Machiavelli. Il volume è arricchito da una breve, ma straordinaria opera in poesia: il Poema di Giovanna d’Arco, un testo unico, in quanto l’unico scritto quando l’eroina della travagliata Francia del Quattrocento era ancora in vita, ma anche l’ultimo di questa autrice, Scrive Bianca Garavelli nell’Introduzione.

I commenti sono chiusi.