12% di risparmio idrico, promosso T.V.B. Ti voglio bere

Meno 12% da marzo 2006 a marzo 2007, che sul contatore fanno meno 369mila litri di acqua, con un risparmio per utente di 590 litri. Ecco i primi numeri virtuosi di T.V.B. Ti voglio bere, progetto sull?uso consapevole dell?acqua nelle scuole superiori di Torino e provincia.
T.V.B. dieci e lode: in un anno ha permesso una sforbiciata del 12% sui consumi idrici del primo liceo torinese monitorato. Cronaca di una promozione annunciata: ?T.V.B. Ti voglio bere è un progetto che mira proprio al risparmio idrico e alla valorizzazione dell?acqua del rubinetto attraverso una serie di interventi educativi e tecnici svolti nelle scuole, dove sono stati sostituiti 200 rubinetti e sono stati inseriti 314 rompigetto aerati, 226 regolatori di flusso e 39 docce a risparmio idrico?, spiega Domenico Filippone, responsabile dell?Ecoistituto ?Pasquale Cavaliere?.

?I primi risultati, per ora riferiti al solo liceo Gioberti ma che credo siano estensibili anche negli altri istituti?, ha detto l?assessore alle Risorse Idriche della Provincia Dorino Piras, ?confermano l?idea che il risparmio idrico è possibile, con pochi accorgimenti. Non solo: incide, in termini di riduzione, anche sul consumo energetico, e quindi assicura un bel risparmio sulle bollette. La nostra idea è di riuscire a estendere l?iniziativa, dal prossimo anno scolastico, a tutte le scuole superiori della provincia di Torino, mettendo in atto una diffusa buona pratica che, oltre a consentire alla Provincia un discreto risparmio anche economico, si rifletterà con esiti positivi anche sulle famiglie dei ragazzi?.

Realizzato dall?Ecoistituto con la Provincia di Torino, l?Ato 3, la Smat e il sostegno della Regione Piemonte (Direzione Promozione Attività Culturali, Istruzione e Spettacolo), della Circoscrizione 7 e del Comune di Collegno, il progetto ha coinvolto in questa prima fase quasi 3.500 studenti. Tra questi, in ogni scuola è cresciuto un gruppo di esperti dell?acqua, i water manager, che ha realizzato il vademecum AcquAzione per coetanei e famiglie, e si sta preparando a monitorare i consumi idrici che saranno poi raccolti in un database e pubblicati nel sito del progetto. Ma T.V.B. avrà anche come fiore all?occhiello un laboratorio dedicato all?acqua, che verrà allestito dalla Smat entro settembre.

GLI STUDENTI T.V.B.
E in attesa del laboratorio, cosa pensano i ragazzi? ?La mia scuola ha analizzato l?acqua di varie zone di Torino e l?abbiamo confrontata con i dati della Smat?, dice Michele dell?Itc Casale. Conclusioni? ?I nostri risultati concordano, la Smat è un?azienda seria?. Anche Alessio, dell?Istituto Steiner, è d?accordo: l?acqua del rubinetto è meglio, ma non tutti lo sanno. ?Le multinazionali non ci vendono acqua ma pubblicità in bottiglia. L?acqua del rubinetto è più pulita e più controllata, eppure con l?aumento del numero di spot sulle acque imbottigliate, crescono anche le vendite di queste. Insomma, ce la danno a bere?. Come? ?Con pubblicità televisive sempre più coinvolgenti, sempre più simili alle telenovelas?, continua la sua compagna Ilaria.
?Quello che ho imparato da questo progetto è che l?acqua è una risorsa mal distribuita nel mondo: c?è chi ne ha tanta, come noi, e può addirittura sprecarla, e c?è chi invece non ne ha. Insomma, l?acqua non è uguale per tutti?, dicono Elena e le compagne/poetesse dell?Istituto Magistrale Regina Margherita, che in chiusura regalano a tutti le poesie chiuse in bottigliette di plastica, chiarendo che ?L?acqua in bottiglia è presente ma sarà il passato, il messaggio in bottiglia è passato ma sarà il futuro?.
Il futuro è adesso per i water manager T.V.B.: ?In questi mesi abbiamo sperimentato che i nostri compagni si fidano più di noi che degli esperti: la comunicazione ambientale risulta più efficace se siamo noi a veicolare questi contenuti ai nostri pari?, dice Simone del Gioberti. E se invece si dovesse pensare a un testimonial per promuovere l?acqua del rubinetto? ?Io proporrei Gino Strada di Emergency ? risponde pronta Ilaria – Anzi no, noi ragazzi water manager, che è meglio?.

Per informazioni e adesioni: [email protected]
Ecoistituto ?Pasquale Cavaliere? ? tel. 011.2898241 ? via Garibaldi 13, Torino

I commenti sono chiusi.