Le tre rivoluzioni per il pianeta. La via della sobrietà come ‘via della bellezza’

Le tre rivoluzioni per il pianeta. La via della sobrietà come ‘via della bellezza’
di Giuliana Martirani – 01/06/2007

Fonte: Carta

La via della sobrietà
La voce del nostro mondo interiore viene impedita anche dal peso non immaginato della nostra vita materiale. La necessità economica è un altro aspetto della nostra schiavitù. Si è stanchi di fare il povero e si ha paura di diventarlo. Uno degli aspetti, il meno sopportabile dell’attuale conflagrazione, è dato da questa paura e da questa stanchezza. L’invasione della materia, nell’un caso e nell’altro, è un fatto.
Nessuno intende propugnare una rinuncia ascetica, con relativo disprezzo di ciò che è dono divino
e relativa dimenticanza dei bisogni materiali dell’uomo.
Ma la progressiva liberazione da essi, la rivolta contro la brutale riduzione di ogni cosa al fatto economico, la ricerca di una ragione morale per rimanere umili nella prosperità e sereni nelle sfortune, la stima di qualche cosa al posto del danaro, della produzione e del benessere, mi sembrano le prime parole che vanno pronunciate se vogliamo diventare umani e vedere con occhi umani.

il testo completo nell’allegato

I commenti sono chiusi.